Google Pixel 2 e Pixel 2 XL ufficiali: non troppo belli ma probabilmente troppo cari e “dimezzati” in Italia (foto e video)

Nicola Ligas -

I Google Pixel 2 sono appena stati annunciati, anche se ormai sapevamo quasi tutto al riguardo. Arriveranno quindi in Italia i nuovi smartphone di Google: la risposta è sì, ma non è detto ci sia granché di cui gioire. Almeno non per loro.

Caratteristiche Tecniche Pixel 2 e Pixel 2 XL

  • Schermo: 5” full HD / 6” QHD+ (2.880 x 1.440 pixel, 18:9) P-OLED con Gorilla Glass 5
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 835 con GPU Adreno 540
  • RAM: 4 GB LPDDR4X
  • Memoria interna: 64 / 128 GB non epsandibile
  • Fotocamera posteriore: 12,2 megapixel f/1.8, sensore da 1/2,6” , pixel grandi 1,4 μm
  • Fotocamera frontale: 8 megapixel f/2.4
  • Connettività: nano SIM, Wi-Fi ac dual band, Bluetooth 5.0 LE, NFC, GPS
  • Batteria: 3.520 mAh con fast charge (Pixel 2 XL)
  • Dimensioni: 157 x 76,2 x 7,6 mm (Pixel 2 XL)
  • Peso: 175 grammi (Pixel 2 XL)
  • OS: Android 8.0 Oreo

Come vedete, estetica a parte, i due smartphone sono tecnicamente identici. Cambiano solo display (e risoluzione) e batteria in seguito alle diverse dimensioni. Entrambi hanno inoltre l’immancabile lettore di impronte digitali sul retro, che Google afferma essere il più veloce del mercato. Ed entrambi hanno due speaker frontali, un elemento che non possiamo certo dire ci dispiaccia.

Google ha inserito anche o un polarizzatore, per far sì che la qualità del display non sia alterata dagli occhiali da sole. Ed entrambi gli smartphone sono Daydream ready e certificati IP67, per la resistenza ad acqua e polvere.

Tra le novità software abbiamo la barra di ricerca Google in basso allo schermo, subito sopra i tasti di navigazione. In alto troviamo invece un riepilogo degli appuntamenti. Active Edge è inoltre la versione di Google di Edge Sense, ovvero strizzando i lati lo smartphone (funzione personalizzabile in quanto ad intensità) potrete richiamare Assistant. Veloce, pratico: il miglior modo per interagire con Assistant, secondo le ricerche fatte da Google. Volendo essere maligni potremmo dire “fatte da HTC“, ma questo è un altro discorso.

Presente inoltre il riconoscimento continuo della musica, anch’esso anticipato dai rumor, con informazioni mostrate sul lock screen e possibilità di aggiungere la canzone alla propria playlist di Spotify o Play Music.

I nuovi Pixel avranno anche una preview di Google Lens in anteprima. Lens può dirvi la razza di un cane che avete fotografato, che film è quello che state guardando (casomai non lo sapeste), altri libri dello stesso autore di quello inquadrato e tanto altro. Col tempo, Lens arriverà per chiunque, ma per adesso è un’esclusiva. Come del resto molte delle funzione “esclusive” dei Pixel, che poi Google decide di rilasciare per tutti gli Android.

I Google Pixel avranno anche alcune funzioni di realtà aumentata. In particolare sono stati mostrati alcuni “AR sticker” di Stranger Things 2, ma ci saranno anche personaggi dello sport e del cinema, come il nuovo film di Star Wars in arrivo nelle sale tra un paio di mesi. L’idea è che potrete inserire i personaggi disponibili nelle vostre foto, volendo più di un personaggio, e questi interagiranno anche l’un l’altro o comunque con l’ambiente circostante.

E riguardo la fotocamera? I Pixel 2 hanno ottenuto ben 98 punti su DxOMark, nettamente superiore agli iPhone 8 Plus o a Galaxy Note 8. C’è  anche il portrait mode, ma in modo diverso da come li hanno implementati gli altri. Senza sfruttare due fotocamere infatti, ma complessi algoritmi di analisi dell’immagine (la funzione si chiama dual-pixel, giusto per non fare confusione), Google afferma di aver realizzato un sistema che funziona anche in presenza di sfondi difficili e non solo sugli umani, ma anche sugli oggetti. Essendo inoltre per lo più un’elaborazione software, la modalità ritratto è disponibile anche sulla fotocamera frontale.

Arriva inoltre l’OIS sui video, che è combinato con l’EIS, in modo da avere una stabilizzazione massima. Motion Photos è invece una “nuova” funzione che anima le foto scattate per circa 3 secondi, registrando prima e dopo lo scatto. Se vi sembra di averla già sentita con altri nomi, non siete i soli.

Purtroppo, dal punto di vista estetico, non ci sembra sia stato fatto un grande lavoro, soprattutto su Pixel 2, che presenta dei “cornicioni” abbastanza anacronistici. Senz’altro meglio Pixel 2 XL, sebbene forse non del tutto al passo con gli smartphone ai quali vorrebbe fare concorrenza. E chiariamo che, a scanso di equivoci, non è presente il jack audio.

Uscita e Prezzo

Come già riportato ieri, in Italia sarà disponibile soltanto Google Pixel 2 XL, al prezzo di 989€ per il modello da 64 GB. Lo potete prenotare qui. Cifra senz’altro molto elevata, ampiamente prevista, e che relega i nuovi Pixel in una fascia top, dove la concorrenza è molto severa. Considerando anche che i modelli di Google difficilmente si svaluteranno nel tempo, essendo venduti solo sul Google Store e (forse) in esclusiva 3 Italia, non prevediamo un boom di vendite. Ma forse ci sbagliamo. (Ma più probabilmente no.)

Pixel 2 XL sarà disponibile in Italia dal 26 ottobre nel solo colore bianco&nero, visibile nella galleria qui sotto. Pixel 2 (ribadiamo: non sarà disponibile in Italia) è stato invece realizzato nei colori kinda blue, just black, e clearly white. Google ha inoltre sviluppato anche delle custodie per Pixel 2 XL che saranno disponibili in Italia per 45€.

DxOMark