8.5

Recensione Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G: ancora unico (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G

Da nove anni ormai Samsung ridefinisce il top della sua lineup durante l’estate e lo fa con un nuovo prodotto della famiglia Galaxy Note. Quest’anno alla versione 20, lo scopriamo nella sua variante al top, ovvero Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G.

LEGGI ANCHE: Recensioni Samsung

7.0

Confezione

All’interno della classica confezione Samsung troviamo un cavo USB-C/USB-C, un alimentatore da 25W e un paio di ottime cuffie USB-C AKG stereo in-ear.

9.0

Costruzione ed Ergonomia

Iniziamo parlando della finitura di questo Galaxy Note 20 Ultra che per chi ha provato centinaia di smartphone Samsung e tutti i top di gamma Android dell’azienda dagli inizi, finalmente è al top. Possiamo dire che con Galaxy Note 20 Ultra Samsung ha aperto un nuovo capitolo, prendendo le distanze da uno dei vetri posteriori che trattenevano di più le impronte fra tutti i top di gamma in circolazione. Abbiamo una nuova finitura opaca su un vetro Gorilla Glass Victus. È piacevole al tatto, più resistente e trattiene poco le impronte. Lo smartphone potrebbe sembrare più scivoloso del solito, ma crediamo che la motivazione principale non sia da ricercarsi nella nuova finitura, quanto piuttosto nella dimensioni particolarmente generose dello smartphone.

Dobbiamo poi sicuramente parlare del modulo della fotocamera posteriore, molto sporgente ma che nelle mie prove si è rivelato nell’uso quotidiano meno “presente” rispetto a S20 Ultra. Il motivo? Non tanto le dimensioni, quanto il fatto che poggiato su di un piano la vibrazione all’arrivo delle notifiche non farà più il rumore molto “violento” dell’altro modello. I tasti fisici sono tornati ora a destra, mentre il foro per la S Pen è stato spostato a sinistra sulla parte inferiore.

Galaxy Note 20 Ultra 5G è ancora resistente ad acqua e polvere secondo lo standard IP68 e nel complesso possiamo dire che la cura che Samsung ha messo in questo design è una novità assoluta, ma questo non deve distrarvi da quanto grande sia lo smartphone. Non è per tutti. Il peso di 208 grammi è invece coerente e non eccessivo per uno smartphone simile.



9.0

Hardware

L’hardware di questo smartphone è ovviamente quello di un top di gamma. Abbiamo 12 GB di RAM LPDDR5, 256 o 512 GB di memoria interna UFS 3.1 e la possibilità, ormai una vera rarità, di espandere la memoria con una microSD rinunciando alla seconda nanoSIM. C’è però il pieno supporto alle eSIM. Abbiamo poi la connettività 5G standard in tutte le versioni, il Wi-Fi 6, il Bluetooth 5.1, l’uscita video tramite USB-C 3.1, l’NFC per i pagamenti (Google Pay o Samsung Pay) e abbiamo anche un ottimo motore della vibrazione. Anche quest’anno manca il jack audio per le cuffie. L’audio è stereo (lo speaker è inferiore e sopra abbiamo il supporto della capsula auricolare): è potente e ha una qualità molto buona, anche nella fascia premium di prodotto. Per quanto riguarda gli sblocchi non ci sono novità: il lettore di impronte è sempre il buon dispositivo ultrasonico all’interno del display e lo sblocco con il volto ha vari livelli di sicurezza (attivabili o meno) ma rimane pur sempre in 2D.

Cosa manca all’appello in questa lista? Il processore e non è un caso. Si tratta dell’Exynos 990 octa core da 2,73 GHz con GPU Mali G77 MP11, lo stesso di S20 Ultra. Le prestazioni di questa CPU sono ottime e questa CPU è degna di stare in un top di gamma del 2020 da questo punto di vista. Rispetto alla controparte Snapdragon, che troviamo però sul modello americano di questo smartphone e sulla famiglia di pieghevoli Samsung, delle differenze ci sono e ogni anno sembrano sempre più marcate. Nel complesso per quasi tutti andrà bene, ma considerando il prezzo ci piacerebbe vedere anche nella famiglia Galaxy Note il meglio delle CPU in circolazione. In generale la CPU e lo smartphone tutto sono un po’ più tiepidi della concorrenza. Ne riparleremo nel capitolo sull’autonomia. Nel complesso però lo smartphone non scalda mai abbastanza da diventare sgradevole.

La S Pen che troviamo all’interno dello smartphone ha fatto un passo in avanti anche nel 2020, dopo essere diventata Bluetooth nel 2019. Adesso questa nuova S Pen ha abbattuto la latenza di scrittura fino a 9ms, molti meno dei 42ms dello scorso anno. Se fate un uso sporadico della penna è difficile notare differenze, ma l’assenza di ritardo quando si prendono appunti o si fanno degli schizzi è comunque tangibile. La S Pen ha una batteria integrata e si ricaricherà quando è all’interno dello smartphone, facendo sì che non dobbiate mai preoccuparvi di questo.

SCHEDA: Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G

9.0

Fotocamera

Note 20 Ultra 5G non esagera con il numero delle fotocamere a disposizione ma fa quello che deve fare: andare al sodo. La principale è una 108 megapixel ƒ/1.8 stabilizzata otticamente (che scatta immagini a 27 megapixel in automatico), abbiamo poi una 12 megapixel ƒ/2.2 grandangolare e una 12 megapixel ƒ/3.0 periscopica zoom 5x. Questo trio di sensori ci ha permesso di scattare in vacanza oltre 800 foto senza mai rimanere delusi: neanche una volta. In termini di resa cromatica, gestione delle luci e velocità di scatto siamo veramente al top della categoria e grazie al nuovo autofocus laser anche una messa a fuoco perfetta e fulminea. Non è una tecnologia nuova (ne parlavamo già nel 2015) ma qui è stata usata sapientemente per superare un limite fisico della lente di S20 Ultra e andando a definire un nuovo standard nella velocità e precisione della messa a fuoco.

Le immagini sono godibili anche con poca luce e al buio, mentre lo zoom 5x si è rivelato una vera chiave di svolta in vacanza sulle montagne. Le funzionalità a disposizione poi lasciano spazio alla creatività, con lo scatto singolo, la modalità notte, il fuoco live o la modalità pro.

Risultati eccellenti anche nei video, dove il nuovo laser autofocus mostra ancora di più le sue potenzialità. Possiamo registrare video in 8K a 24 fps, in 4K a 60fps e in Full HD fino 120 fps. La modalità in 8K è interessante solo per i creativi, offrendo meno stabilità e file enormi, ma in tutte le altre modalità avrete modo di apprezzare video sempre stabili, ricchi di dettagli e… con una ottima messa a fuoco. Per poter usare anche la fotocamera grandangolare e quella zoom però bisogna passare ai 30fps in 4K, o meno. C’è adesso anche una modalità Pro, che permette come nelle foto di agire manualmente si molti parametri, compresa la messa a fuoco o la fluidità dello zoom. Potrete poi anche lavorare sull’audio e avrete un vu meter e un istogramma. Una bella novità di questa modalità è anche quella di poter scegliere come fonte audio un microfono USB o Bluetooth. Sempre eccellenti anche la modalità slowmotion e superslowmotion (fino a 960fps).

Tutto ciò che fa questo smartphone nel comparto fotografico lo fa in maniera eccelsa. Non riusciamo a trovargli dei difetti, ma possiamo comunque trovare delle mancanze. Per il futuro ci piacerebbe avere uno zoom ottico intermedio (per esempio 3x) e una modalità astrofotografia. Chissà che questa non possa arrivare con un aggiornamento su questo modello.

Molto bene anche la fotocamera frontale da 10 megapixel ƒ/2.2. La scelta è ricaduta su un sensore che ha permesso di mantenere il foro nel display il più piccolo possibile, ma forse una fotocamera a risoluzione superiore, o un secondo sensore, sarebbero stati apprezzati.

10.0

Display

Il display di questo Note 20 Ultra 5G di Samsung è indubbiamente la sua punta di diamante. Abbiamo un pannello enorme, da ben 6,9″ in formato 19.5:9 e tecnologia Dynamic AMOLED. Se seguite il mercato saprete che questo nome serve ad indicare i pannelli Samsung con refresh rate variabile. In questo caso possiamo arrivare fino a 120 Hz. Anche quest’anno selezionando la fluidità maggiore non sarà possibile scegliere la risoluzione più alta, quella QHD+ (3088 x 1440 pixel), ma “solo” quella FullHD+. Personalmente, visto che Samsung ha abbandonato il suo progetto VR, non è qualcosa che mi infastidisce troppo, ma nell’ottica di avere il top delle possibilità sullo smartphone premium, beh… è comunque una mancanza. Lo schermo, che supporta ancora l’HDR10+ è comunque eccezionale ed è al top della categoria come luminosità, contrasti e definizione. Rispetto a S20 Ultra, qui il refresh rate non sarà però fisso a 120 Hz, ma variabile (addirittura sembra scendendo fino a 10 Hz). Nell’utilizzo quotidiano non abbiamo notato differenze e se serve a preservare batteria, ben venga.

9.0

Software

La One UI è la 2.5 (basata su Android 10 con le patch di agosto), allineata come ogni anno a quella si trova anche sul top di gamma Galaxy S. Il software di per sé non offre grandi novità ma è ancora una volta il più completo del panorama Android, sia in generale che per la presenza delle funzioni esclusive della S Pen. Abbiamo le scorciatoie sullo schermo curvo, la modalità notturna (o scura) programmabile, i temi, l’integrazione con Windows (con tanto di utilizzo dello schermo da PC), il game launcher, il doppio account e le ottime gesture di navigazione. Ottima la novità che permette di utilizzare DeX anche in modalità wireless con le TV compatibili. Noi abbiamo provato con successo su un Samsung TV del 2018 e abbiamo trovato invece incompatibile un The Frame del 2017. Funziona in modo estremamente fluido: abbastanza da guardare in video YouTube in Full HD senza ritardo o rallentamento alcuno. Impressionante. Rimane compatibile comunque anche tramite cavo.

La S Pen ora supporta delle gesture “in aria” che permettono eseguire i comandi che gestireste con le gesture, come indietro, home, multitasking e anche screenshot. Molto comodo se usate la penna tutti i giorni per utilizzare lo smartphone nelle operazioni più classiche. In più abbiamo ancora i gesti alla pressione del tasto e i controlli Bluetooth per fotocamera, presentazioni e altre app. L’app delle note è stata poi migliorata introducendo una funzionalità che raddrizza il testo scritto, le cartelle, le note audio mentre si prendono appunti e abbiamo anche un miglioramento alla trascrizione, che oggettivamente funziona molto bene.

6.5

Autonomia

Galaxy Note 20 Ultra 5G di Samsung ha a disposizione una batteria da 4.400 mAh, leggermente più grande rispetto al 2019, in linea con l’aumento di dimensioni dello smartphone. Ovviamente è più piccola rispetto a S20 Ultra visto lo spazio “rubato” dalla S Pen. I risultati sono discreti, ma ammettiamo non esaltanti. Probabilmente per una CPU un po’ troppo “calda” e quindi energivora l’autonomia a 120 Hz (variabili) potrebbe risultare non abbastanza per una giornata intera per chi stressa lo smartphone in modo intenso. Con un utilizzo medio invece, probabilmente grazie alla variabilità del refresh rate, si arriva a fine giornata. La variabilità del refresh rate ha un’altra conseguenza: videogiochi e foto, in proporzione, consumano molto più di altre operazioni come la lettura o la scrittura. Il vantaggio di questo smartphone è sicuramente il supporto alla ricarica rapida da 25W (non a 45 come detto erroneamente nel video) e quella wireless a 15W. Ancora disponibile la ricarica wireless inversa.

5.5

Prezzo

Dopo la famiglia S anche il prezzo di Galaxy Note schizza alle stelle, aumentando di ben 200€ e arrivando a 1329€ per la variante da 256 GB e a 1429€ per quella da 512 GB. I prezzi sono ovviamente destinati a decrescere nel tempo e già alcuni store lo propongono scontato, ma indubbiamente il prezzo di partenza è davvero molto alto. Troppo. Amazon lo propone già a prezzo ribassato. Controllate il box a seguire per eventuali nuovi cali di prezzo.

Tutte le migliori offerte per Galaxy Note 20 Ultra 5G

Foto

Giudizio Finale

Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G

8.5

Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G

Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G è la punta di diamante degli smartphone Samsung. Il meglio delle fotocamere, della qualità costruttiva (finalmente con una finitura più che degna!) e del display in uno smartphone che fa della S Pen una caratteristica unica e distintiva, anche nel 2020. Le prestazioni sono buone e l'autonomia sufficiente, ma l'utilizzo di una CPU Snapdragon in questo 2020 ci avrebbe fatto digerire meglio un prezzo che è schizzato ancora più in alto.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Display al top
  • Ottime fotocamere
  • La S Pen è unica
  • Full optional
Contro
  • Prezzo alto
  • Manca lo sblocco del volto 3D
  • Niente jack audio
  • 1 giorno di autonomia non è garantito
Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G

Samsung Galaxy Note 20 Ultra 5G

  • CPU
    octa 2.73 GHz
  • Display
    6,9" QHD+ / 1440 x 3200 px
  • RAM
    12 GB
  • Frontale
    10 Mpx ƒ/2.2
  • Fotocamera
    108 Mpx ƒ/1.8
  • Batteria
    4500 mAh

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina AndroidWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.