La fotocamera nelle app di terze parti non vi piace? La soluzione arriva da Google, e promette bene (video)

Enrico Paccusse - Arriverà il giorno in cui basterà utilizzare l'applicazione di Instagram per cogliere gli scatti migliori

Abbiamo tutti avuto, almeno una volta nella vita, un’esperienza negativa con le fotocamere interne alle applicazioni di terze parti. Secondo quanto riportato da Google però, il 70% degli utilizzatori della fotocamera, lo fa da queste applicazioni esterne, senza sfruttare a pieno potenziale tutte le possibilità offerte dal software proprietario (vedi Night Sight).

Con questo dato in mente, Google ha rilasciato in fase alpha una nuova libreria Jetpack chiamata CameraX, destinata a fornire un grande supporto a tutti gli sviluppatori che trovano delle difficoltà nel creare applicazioni con l’integrazione della fotocamera.

LEGGI ANCHE: Migliori smartphone per la fotocamera

L’API in questione è compatibile con Android a partire da Lollipop 5.0 e include diversi moduli per gestire le varie funzioni, senza doversi preoccupare del rapporto di forma, orientamento e varie risoluzioni dei dispositivi su cui gira.

L’idea è quella di togliere un grattacapo (per certi versi, un vero e proprio mal di testa) agli sviluppatori, così da permettere loro di concentrarsi sulle cose che contano realmente, come performance e funzionalità.

Come già detto, al momento si tratta di una fase alpha. Google spera che spargendo la voce si velocizzerà la procedura per il rilascio della beta. Questa è la pagina di riferimento, e qui sotto alleghiamo un breve video introduttivo. Dateci una mano e condividete l’articolo con i vostri amici sviluppatori. È per il bene di tutti.

Via: AndroidAuthority