La prima beta di Android Q nasconde anche una piccola grande sorpresa: la modalità desktop! (foto)

Edoardo Carlo Ceretti -

Il sogno di rendere gli smartphone strumenti sempre più versatili, capaci di sostituire persino i PC domestici, non nasce di certo oggi. Da Ubuntu Touch e Windows Mobile, fino a diversi smartphone Android, sono stati molti i tentativi negli ultimi anni di collegare uno smartphone a monitor esterno, tastiera e mouse, per trasformarlo in un PC desktop. Una modalità ancora acerba, che in futuro però potrebbe dare soddisfazioni, anche grazie al contributo di Google e… Android Q.

La prima beta della nuova versione del robottino verde – pubblicata nella tarda serata di ieri – ha infatti iniziato a mostrare di che pasta è fatta, mettendo in bella mostra alcune delle novità che arriveranno nei prossimi mesi. Alcuni indizi invece sono più nascosti, ma non per questo meno significativi. Ed è proprio il caso di una modalità desktop integrata in Android, scovata fra le opzioni sviluppatore di Q.

LEGGI ANCHE: Google prevede di rilasciare ben 6 beta di Android Q prima della stabile

Attivando infatti l’opzione Force desktop mode e impartendo un semplice comando ADB – che vi riportiamo a fine articolo – è possibile attivare una modalità desktop sperimentale, che si mostra ancora piuttosto grezza, ma la cui stessa esistenza è sintomo di come Google possa puntarci forte nel prossimo futuro.

La filosofia su cui è basata riprende da vicino quella vista sugli smartphone top di gamma Samsung e Huawei, con il menu delle applicazioni disponibile tramite un’icona, la possibilità di creare scorciatoie sul desktop, la possibilità di cambiare gli sfondi e così via. Sarà davvero curioso capire se Google si rimboccherà le maniche per portare avanti questo progetto, o se lo lascerà in standby in attesa di sviluppi hardware futuri. Difficilmente una modalità desktop verrà proficuamente implementata nella versione stabile di Android Q, ma le premesse sono molto interessanti.

Attivare la modalità Desktop

È sufficiente un comando via adb (qui come installarlo su Windows e su Mac) ed abiliterete la modalità desktop. Basta un riavvio perché tutto torni come prima. (Se premete semplicemente il pulsante home, ogni tanto la modalità desktop potrebbe “fare capolino”).

  • Non-GMS: adb shell am start -n “com.android.launcher3/com.android.launcher3.SecondaryDisplayLauncher”
  • GMS (Pixel): adb shell am start -n “com.google.android.apps.nexuslauncher/com.android.launcher3.SecondaryDisplayLauncher”

Fonte: XDA Developers