Con Android P i gestori telefonici potranno scegliere come far visualizzare le barre di segnale LTE

Matteo Bottin

Vi avevamo già riportato come, nella prossima release del robottino verde, agli operatori sarà possibile nascondere l’intensità del segnale di rete. Con la prossima versione di Android, tuttavia, questo potrebbe non essere l’unico cambiamento riguardante la rete in mano agli operatori.

In qualche commit dell’AOSP è comparsa una configurazione che permetterebbe agli operatori di definire dei valori di soglia (in dBm) per descrivere ognuna delle 5 barre di intensità del segnale LTE.

LEGGI ANCHE: Alcuni sviluppatori parlano di “Android Pi”, ma potrebbe essere un errore

Fino ad Android 8.1, le soglie sono definite all’interno del framework di Android tramite la variabile “config_lteDbmThresholds“, specifica per ogni dispositivo. Questo significa che l’intensità del segnale mostrata è dipendente dal dispositivo in nostro possesso invece che dall’operatore.

Con Android P, invece, queste soglie diventerebbero universali per ogni dispositivo connesso ad uno specifico operatore, modificandosi al cambio della SIM.

Questo cambiamento (probabilmente richiesto dagli operatori) permetterebbe di adattare le soglie alle performance degi operatori sparsi in tutto il pianeta, andando a fornire un indicatore più “veritiero” (almeno in teoria) della qualità della linea rispetto alla massima disponibile.

È anche possibile che gli operatori sfruttino la situazione per dare l’impressione agli utenti meno esperti di avere un segnale buono anche in zone mal coperte, ma fino all’effettiva implementazione si tratta solo di speculazioni senza fondamento. E voi che ne pensate di questo cambiamento? Diteci la vostra nei commenti qui sotto!

Via: XDA