Come spostare applicazioni su SD

Come spostare applicazioni su SD

Lorenzo Delli -

È uno degli argomenti più discussi su Android sin dalle prime versioni del sistema operativo di Google: come spostare le applicazioni su SD, ovvero sulla memoria esterna offerta dalle microSD. Perché è uno degli argomenti più discussi? Intanto perché una buona fetta di dispositivi Android, a differenza degli iPhone o degli iPad di Apple, è dotata di slot per l’espansione della memoria tramite appunto microSD; e poi perché visto il gran numero di applicativi e giochi attualmente presenti sul Play Store, non è così inconsueto che un utente voglia a disposizione un gran numero di applicativi sul proprio dispositivo.

A tal proposito la memoria interna dei dispositivi non è sempre sufficiente. Molti dispositivi di fascia medio/bassa dispongono di soli 16 GB di memoria interna, di cui spesso 6/7 GB sono occupati dallo stesso sistema operativo. Metteteci un po’ di spazio per le foto che scattate di tanto in tanto, magari qualche megabyte per un po’ di musica da poter ascoltare offline, e lo spazio per app e giochi si assottiglia sempre di più. Fortunatamente alcuni dispositivi offrono la possibilità di spostare le applicazioni e i giochi installati sulle memoria esterna, ovvero sulla microSD, in modo da liberare un po’ di spazio sulla memoria interna. Le applicazioni che possono essere spostate però non vengono completamente rimosse dalla memoria interna, solo alcuni file vengono spostati sulla microSD. Inoltre, come già accennato, solo alcuni dispositivi permettono questa procedura.

Spostare app su SD

Per prima cosa bisogna capire se il proprio dispositivo Android, che sia uno smartphone o un tablet, permette o no lo spostamento dei dati delle applicazioni e dei giochi su microSD. La presenza a bordo di uno slot per le microSD non vuol per forza dire che tale operazione è automaticamente a disposizione dell’utente. Spesso l’espansione di memoria viene messa a disposizione dell’utente per immagazzinare foto, video e altri contenuti multimediali di vario genere, o ancora documenti ed altri file sensibili magari da spostare tra un computer e un altro.

Come fare quindi a capire se con il proprio dispositivo si può usufruire di tale funzionalità? Molto semplice: dovete recarvi nelle impostazioni del vostro smartphone o tablet Android e cercare la voce App o Applicazioni. A questo punto in alcuni casi potreste dover scegliere se premere su Gestione applicazioni o su Applicazioni predefinite. Lasciate perdere la seconda opzione e dirigiamoci in Gestione applicazioni. Qui visualizzerete l’elenco delle applicazioni e dei giochi installati sul vostro dispositivo.

Come spostare applicazioni su SD - Per capire se un app o un gioco è spostabile sulla memoria esterna bisogna consultare la voce Memoria di ogni singola applicazione.
Come spostare applicazioni su SD – Per capire se un app o un gioco è spostabile sulla memoria esterna bisogna consultare la voce Memoria di ogni singola applicazione.

Capire quale tra le tante app e i tanti giochi presenti sul vostro Android sia effettivamente spostabile su microSD non è banale. Spesso sono le app e i giochi più corposi ad avere questa possibilità, in sostanza quello che vi stiamo dicendo è che dovrete cercarle manualmente. Individuate ad esempio proprio un gioco, come i recenti The Trail o Asphalt Xtreme. Premendoci si apriranno un elenco di voci, tra cui anche quelle relative alle Autorizzazioni o alle Notifiche, premete su Memoria. Da questa schermata potrete immediatamente capire sia se l’app o il gioco è spostabile su microSD, sia se il vostro dispositivo ve lo permette. Dovete cercare un pulsante che riporta diciture quali “Sposta in scheda SD“, “Sposta in memoria esterna” o “Cambia“. Premendoci vi chiederà se spostare i dati di tale software sulla Memoria dispositivo o sulla Scheda SD. Va da sé che se volete spostarla dovete premere su Scheda SD.

LEGGI ANCHE: microSD da 200 GB: quali smartphone le supportano?

Premendo su Scheda SD potrebbe aprirsi un’altra finestra di dialogo che vi fornirà gli ultimi avvisi utili prima di procedere con lo spostamento. Lo smartphone vi ricorderà che durante la transizione sarà impossibile utilizzare quella determinata app e che ovviamente è sconsigliato rimuovere la microSD durante la procedura stessa. Se in una determinata applicazione o gioco, o in tutte quelle presenti sul vostro dispositivo, non compare tale voce, le alternative sono due: o non avete una microSD inserita, o il vostro smartphone non permette lo spostamento.

Tale spostamento comunque non è assolutamente definitivo. Se volete rispostare tutte le applicazioni sulla memoria interna del vostro dispositivo, magari per cambiare la microSD con un modello più recente e più capiente, potete seguire la stessa procedura: Impostazioni -> Applicazioni -> Gestione applicazioni -> “Nome app” -> Memoria -> Cambia -> Memoria dispositivo. Attenzione inoltre: se effettivamente dovete cambiare microSD, non sarà sufficiente spostare tutti i dati di una in quella nuova per far funzionare tutto correttamente, è meglio seguire la procedura inversa appena spiegata.

Spostare app su SD senza Root

Purtroppo, come già accennato nel precedente paragrafo, spostare le applicazioni su SD sui dispositivi dotati delle più recenti versioni di Android senza il supporto dello stesso sistema operativo è impossibile. Se il vostro smartphone o tablet non concede di default l’opzione per spostare i dati sulla memoria esterna, non ci sono strade semplici (senza root quindi) da percorrere.

Forzare lo spostamento delle app su SD

Il vostro smartphone non permette lo spostamento di applicazioni su microSD ma voi ne avete comunque bisogno? Come spesso accade su Android, è possibile sbloccare operazioni non concesse dal sistema operativo a patto però di rischiare andando a rendere il sistema più instabile e, soprattutto, invalidando la garanzia del proprio dispositivo. Alcuni di voi avranno già capito dove vogliamo andare a parare: sono necessari i permessi di root. Si tratta di un argomento così vasto che non possiamo trattare troppo nello specifico in questa guida.

Forzare lo spostamento delle app su SD - Ci sono app che permettono di forzare lo spostamento su microSD, ma richiedono i permessi di root.
Forzare lo spostamento delle app su SD – Ci sono app che permettono di forzare lo spostamento su microSD, ma richiedono i permessi di root.

Per prima cosa si deve procedere con lo sblocco del bootloader, che causa un ripristino ai dati di fabbrica del dispositivo; poi vanno presi i permessi di root. Solo a quel punto si possono installare app gratuite come Link2SD o App2SD che, proprio grazie ai permessi di root, permettono di sbloccare le limitazioni imposte dal sistema e spostare i dati di app e giochi anche su microSD. Come accennato però, acquisire i permessi di root ha come conseguenza la perdita della garanzia sul proprio dispositivo. Si tratta di procedure che consigliamo solo agli utenti più esperti, che dovranno comunque cercare altre guide per eseguire tutte le operazioni necessarie allo sblocco del bootloader e all’accesso ai permessi di root.

Spostare app su SD Huawei P9 Lite

Molti utenti, anche tra quelli che frequentano il nostro forum, cercano su Google come spostare applicazioni e giochi su microSD nel caso di Huawei P9 Lite, uno dei low-cost di maggiore successo del 2016 che probabilmente, anche in questo 2017, venderà un buon numero di esemplari.

LEGGI ANCHE: Spostamento (o anche solo Installazione) delle applicazioni su scheda SD

Purtroppo il modello in questione non permette di spostare le applicazioni sulla memoria esterna. Recandovi in Impostazioni -> App -> “Nome App” -> Memoria noterete che non c’è alcuna voce relativa allo spostamento dei dati su microSD.

Scaricare app direttamente su SD

Si tratta di un’altra procedura virtualmente impossibile a meno di non ricorrere a espedienti che non consigliamo assolutamente all’utente medio. Tale procedura, che richiede l’installazione di Android Studio e una serie di conoscenze per l’utilizzo dell’SDK e di ADB, imposterebbe la vostra microSD come memoria primaria. L’effetto potrebbe anche essere quello di rallentare le prestazioni del sistema. Vi consigliamo di procedere con quanto indicato nei precedenti paragrafi.