OnePlus 5T

OnePlus 5T è il secondo di gamma di OnePlus nel 2017. Dopo il successo di OnePlus 5, l'azienda ha abbracciato i display borderless (vedi immagine qui sotto), tanto di moda quest'anno. Se state cercando ogni informazione al riguardo, siete arrivati nel posto giusto!

INDICE

OnePlus 5T è stato presentato il 16 novembre a New York, alle 17 ore italiane. Lo smartphone è disponibile in Italia dal 21 novembre alle ore 15. Lo streaming dell'evento di lancio è visualizzabile da questo link.

OnePlus 5T ha un design radicalmente diverso rispetto a OnePlus 5, ma nonostante questo il prezzo rimane lo stesso. 499 euro per il modello da 64 GB e 559 euro per quello da 128 GB. Bene quindi che non ci sia stato un rincaro, peccato però per chi avesse acquistato uno OnePlus 5 prima del lancio del 5T: si sentirà forse un po' "tradito".

Potete acquistare OnePlus 5T direttamente dallo store ufficiale.

Scheda Tecnica

OnePlus 5T è in buona parte basato su OnePlus 5, pertanto, sulla carta, le loro specifiche sono molto simili.

  • Schermo: 6,01'' AMOLED Full HD+ (1.080 x 2.160 pixel, 18:9) 401 ppi, con Corning Gorilla Glass 5, spettro di colore sRGB e DCI-P3
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 835 con GPU Adreno 540
  • RAM: 6 oppure 8 GB di RAM LPDDR4X
  • Memoria interna: 64 / 128 GB UFS 2.1. 2-LANE
  • Fotocamera posteriore: 16 megapixel Sony IMX 398, f/1.7, pixel da 1,12 µm + 20 megapixel Sony IMX 376K, f/1.7, pixel da 1 µm, dual LED flash
  • Fotocamera frontale: 16 megapixel Sony IMX 371, f/2.0, pixel da 1 µm
  • Connettività: dual nano SIM, LTE Cat. 12, Wi-Fi ac 2x2 MIMO 2,4/5 GHz, Bluetooth 5.0, NFC, GPS, USB 2.0 Type-C, jack audio
  • Batteria: 3.300 mAh con Dash Charge 5V/4A
  • Dimensioni: 156,1 x 75 x 7,3 mm
  • Peso: 162 grammi
  • OS: Android Nougat con OxygenOS

Oltre a cambiare design, ispirandosi probabilmente ad Oppo R11s, OnePlus 5T si concentra anche sulle fotocamere. Rimangono infatti due sensori posteriori ed uno frontale, che diventa però a 20 megapixel. Sparisce invece lo zoom 2x dalle dual-camera posteriori (non che sia mai stato propriamente tale). Il secondo sensore sul retro diventa così dedicato ad esaltare le foto in condizioni di scarsa luminosità. Da notare anche che il nuovo design dello smartphone ha costretto OnePlus a spostare il lettore di impronte digitali sul retro.

Lato software abbiamo un paio di novità interessanti:

  • Parallel Apps, che consente di avere due copie distinte della stessa app. Potrete così "clonare" Facebook, Instagram, Twitter, Skype Snapchat ed altre applicazioni selezionate.
  • Galleria rinnovata. Adesso non solo c'è una nuova grafica, ma è possibile cercare le foto in base alla posizione in cui sono state scattate, e visualizzarle anche su mappa.

OnePlus 5T prosegue sulla buona strada del suo predecessore. Schermo più grande e luminosissimo, fotocamera migliore per le foto con poca luce, e altre piccole novità. Il software è più maturo e robusto, anche se non ancora aggiornato ad Oreo. Anche l'autonomia sembra migliorata, nonostante non sia cresciuta la capacità della batteria. Nel complesso è quindi un degno successore di OnePlus 5, che ormai è fuori produzione.

Confronti

Per permettervi di scegliere meglio il vostro prossimo smartphone, abbiamo realizzato alcuni confronti tra OnePlus 5T ed i principali concorrenti. Li trovate tutti elencati qui sotto, e via via che ne arriveranno di nuovi aggiorneremo l'elenco.

Oreo

OnePlus 5T è stato aggiornato ad Oreo il 31 gennaio 2018, dopo un mese circa di test in versione beta. La OxygenOS 5.0.2 è quindi la prima versione stabile di Oreo. Interessante il fatto che in una successiva beta di Oreo, OnePlus abbia iniziato a testare un sistema di navigazione stile iPhone X. Niente nav bar quindi, ma tante gesture per spostarsi tra le app aperte e tornare alla home. Chissà se piacerà tanto da arrivare nel ramo stabile?

News

OnePlus 5T si prospetta insomma con un potenzialmente ottimo regalo di Natale (e non solo). Di seguito trovate le nostre recensioni degli altri smartphone OnePlus, e tutte le notizie relative a OP5T.

LEGGI ANCHE:

Gli ultimi articoli