Pixel 6 e 6 Pro svelati: così "perfetti" che solo Google potrebbe rovinarli

Fotocamera top, display top, batteria top, processore top, sicurezza top: o la va, o la spacca!
Pixel 6 e 6 Pro svelati: così "perfetti" che solo Google potrebbe rovinarli
Nicola Ligas
Nicola Ligas

Mancano ancora 10 giorni alla presentazione ufficiale di Pixel 6 e Pixel 6 Pro, ma Carphone Warehouse, un noto rivenditore britannico, ha pubblicato due dettagliatissime pagine dedicate ai nuovi googlefonini, ricche di informazioni inedite che andiamo subito a svelarvi.

Cominciamo dal processore, chiamato Tensor, il primo realizzato da Google, che permette a Pixel 6 e Pixel 6 Pro di elevarsi rispetto alla concorrenza in vari modi:

  • Intelligenza artificiale avanzata elaborata sul dispositivo: per migliorare foto, video, traduzioni e altro. Sarà ad esempio possibile avere sottotitoli in tempo reale in 55 lingue e tradurre chat e messaggi automaticamente, sul dispositivo, senza scambio di dati con la rete.
  • Fotografia computazionale, con funzioni quali Night Sight, Portrait Mode e Magic Eraser (ci torneremo su a breve)
  • Massima efficienza energetica per una migliore autonomia (tutto da dimostrare - NdR)
  • Performance fino all'80% superiori rispetto a Pixel 5 (che ha uno Snapdragon 765G, non esattamente un top di gamma)
  • Sicurezza al vertice del settore, con più strati di sicurezza hardware di qualsiasi altro smartphone e con il nuovo security chip Titan M2. Lato software c'è la promessa di almeno 5 anni di patch di sicurezza, ed una nuova app dedicata proprio alla sicurezza del dispositivo.

Ma vediamo quindi queste novità fotografiche, che sono indubbiamente uno degli elementi più attesi dei Pixel 6.

  • Magic Eraser: rimuove oggetti o persone indesiderati in Google Foto (potrebbe non funzionare al meglio con qualsiasi scatto - vedi esempio sotto).
  • Face Unblur: toglie lo sfocato da un volto in movimento (entro un certo limite - vedi esempio sotto).
  • Portrait mode: ci sono varie opzioni per abbellire l'effetto bokeh dello sfondo, inoltre viene reso alla perfezione ed esaltato qualsiasi tipo di colorito della pelle.
  • Motion Mode: aggiunge profondità extra per animare la scena ancora di più. Utile ad esempio per "catturare folli acrobazie con lo skateboard e selvagge onde in pieno movimento".

Anche dal punto di vista hardware ci sono diverse conferme importanti. Pixel 6 Pro avrà tre fotocamera: una principale da 50 megapixel, un teleobiettivo 4x da 48 megapixel (con SuperRes Zoom sarà possibile arrivare fino a 20x di ingrandimento) ed un grandangolo da 12 megapixel. Teleobiettivo a parte, gli altri due li troveremo anche su Pixel 6.+

Il display di Pixel 6 Pro è un 6,7'' LTPO a 120Hz (può scendere fino a 10Hz per risparmiare batteria) ricoperto da Gorila Glass Victus. Lo smartphone ha certificazione IP68. Pixel 6 avrà invece uno schermo da 6,4'' ad elevato refresh (90Hz, anche se non viene specificato) e sarà sempre IP68 e con Gorilla Glass Victus.

Grandi promesse anche sul fronte dell'autonomia. Oltre 24 ore per Pixel 6 Pro e fino a 48 ore per Pixel 6 con Extreme Battery Saver abilitato. Ma soprattutto arriva la ricarica rapida a 30 Watt (50% in 30 minuti), per entrambi (caricabatterie venduto a parte), e c'è anche un nuovo Pixel Stand, il doppio più potente del precedente (23 Watt).

Google fa davvero sul serio quest'anno, ed i prezzi trapelati finora non sono nemmeno malvagi (649 ed 899 euro rispettivamente per Pixel 6 e Pixel 6 Pro), tanto più che potrebbe esserci un interessante bundle con delle ottime cuffie Bose. Riusciranno finalmente i Pixel a fare breccia nel mercato (non nostro) o ci sarà qualche intoppo?

Commenta