3 motivi che rendono la fotocamera di HONOR 70 speciale

3 motivi che rendono la fotocamera di HONOR 70 speciale
 Redazione
Redazione

In collaborazione con HONOR

HONOR 70 è sicuramente uno degli smartphone più stupefacenti nel campo fotografico. Scopriamo perché l'ultimo smartphone top di gamma HONOR è un cameraphone a tutti gli effetti.

Nuovo sensore 54MP IMX800 Super Sensing

HONOR 70 è lo smartphone del debutto del nuovissimo sensore Sony IMX800 Super Sensing. Si tratta della prima fotocamera da 54 megapixel del mercato. Questa porta in dote molti miglioramenti per l'utente finale.

Il sensore di immagine IMX800 è da ben 1/1,49 pollici e vista l'alta risoluzione offre in modalità del tutto automatica la funzionalità del pixel binning 4-in-1. In sostanza nella foto che realizzerete ogni pixel è stato generato dal software grazie all'interpolazione di quattro pixel del sensore originale. Cosa vuol dire? Maggiore quantità di luce e di informazione che permetteono al processore di HONOR 70 di realizzare immagini finali più nitide e dettagliate, senza necessità di nessuna azione particolare da parte dell'utente. I pixel equivalenti sono da ben 2,0μm, molto più dei concorrenti.

In più abbiamo anche il supporto alla tecnologia All Pixel Autofocus, che permette a tutti i 54 megapixel del sensore di essere sfruttati per la messa a fuoco con differenza di fase, garantendo quindi una messa a fuoco velocissima e sempre precisa.

Rispetto ai concorrenti più blasonati si parla quindi in sostanza di un sensore più grande di oltre il 50% e di circa il 12% in più di pixel sfruttati per l'aufocus.

Ma il sensore IMX800 non è l'unico disponibile, visto che abbiamo anche una seconda fotocamera da ben 50 megapixel ultra grandangolare, con messa a fuoco automatica. Questo vi permette di sfruttarla come una fotocamera macro avvicinandosi molto ai vostri soggetti preferiti, senza la necessità di utilizzare una fotocamera aggiuntiva (magari di risoluzione inferiore). Si possono mettere a fuoco soggetti fino a 2,5 centimetri di distanza.

Sistema HONOR Image Engine

L'hardware è una parte fondamentale negli smartphone, ma ormai è sempre più importante anche tutto quello che ruota attorno all'elaborazione dell'immagine.

Nello specifico in HONOR 70 troviamo l'HONOR Image Engine, il sistema di algoritmi e il sistema di intelligenza artificiale che permette di sbloccare il potenziale del processore d'immagine di questo smartphone.

Questo è possibile principalmente grazie agli algoritmi HONOR RAW che permettono di migliorare gli scatti fotografici in molti scenari fotografici molto utilizzati, come i ritratti (anche di notte e controluce), paesaggi, macro o selfie. Come sappiamo un'immagine viene solitamente catturata dal sensore in modo "grezzo" raccogliendo tutte le informazioni e poi trasformando questi dati in un file JPG, poi ottimizzato dal sistema grazie ai suoi algoritmi. Nel caso di HONOR RAW invece le modifiche per il miglioramento delle luci e ombre e il miglioramento della qualità generale dell'immagine avvengono al livello di dati grezzi (RAW) per poi essere ritrovati anche nel file JPG finale, più comodo per il salvataggio e la condivisione.

Questo sistema è una soluzione migliore rispetto al modello YUV (su JPG) perché garantisce una qualità dell'immagine superiore.

Anche con l'illuminazione di appena 1 lux (ovvero la luce di una candela) HONOR 70 riesce a realizzare senza nessuna attesa un'immagine di grande qualità. Questo perché lo smartphone cattura un maggior numero di fotogrammi al momento della pressione del pulsante di scatto e li analizza istantaneamente al livello RAW per aumentare la gamma dinamica e aumentare anche il contrasto.

Solo Cut

HONOR è stata la prima a riconoscere come fondamentale nel lavoro di un video blogger la necessità di riprendere non solo l'ambiente circostante ma anche un soggetto, tenendolo comunque in primo piano. Per questo l'azienda ha introdotto per prima la doppia registrazione video in HONOR 70. E ora in HONOR 70 alza la posta con la nuova funzione Solo Cut che permette di registrare in contemporanea dalla stessa fotocamera due clip diverse, una che inquadra il paesaggio circostante e una che segua in automatico il soggetto della scena.

Questo è possibile grazie alla potenza del processore e agli algoritmi di HONOR che permetteono di riconoscere il volto delle persone all'interno della scena.

Sia prima che dopo aver avviato il video è possibile toccare il volto del soggetto scelto e a questo punto lo smartphone creerà un secondo filmato in Full HD a 30fps con la vostra "star" sempre al centro. Il video può essere sia verticale che orizzontale ed è anche possibile cambiare il soggetto in primo piano durante la ripresa.

La tecnologia Person Re-Identification analizza più di 10 caratteristiche della persona e la tecnologia Person Temporal Tracking confronta queste caratteristiche in tempo reale con la scena per avere sempre il soggetto inquadrato. Anche se questo dovesse uscire brevemente dall'inquadratura il sistema sarà capace di inquadrarlo nuovamente al suo ritorno.

In più, sfruttando al massimo le possibilità offerte dall'hardware di HONOR 70 è possibile anche applicare la modalità Dual Beauty Effect in tempo reale. Questo sistema da solo richiede una potenza di calcolo di circa il 150% superiore rispetto ad un classico video in 4K e il 100% in più rispetto ad un doppio video in Full HD.

Questa potenza viene erogata grazie al sistema di HONOR che divide il carico fra CPU, GPU, processore AI e processore d'immagine. Tutto in tempo reale.

Honor 70 è disponibile sul sito ufficiale Honor assieme allo smartwatch Honor Watch GS 3 aggiungendo solo 1 euro.

Mostra i commenti