Xiaomi Redmi 3, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Non è passato molto da quando in queste pagine vi abbiamo parlato del phablet in metallo Redmi Note 3. A brevissima distanza Xiaomi ha deciso di immettere in commercio un nuovo smartphone della sua famiglia low cost questa volta più compatto. Parliamo di Xiaomi Redmi 3.

PRO

  • Buon display
  • Buona fotocamera (nella sua fascia)
  • Ottima autonomia
  • Software completo

CONTRO

  • L'audio è solo "ok"
  • Il firmware è rivolto agli utenti asiatici
  • Le prestazioni sono buone, ma non brillanti
  • Manca la frequenza ad 800 MHz LTE

Confezione

La compattissima confezione dello smartphone contiene un cavo USB-microUSB e un alimentatore a 5V/2A con presa americana (nella confezione di Topresellerstore viene incluso anche l'adattatore italiano).

Costruzione ed Ergonomia

Il nuovo smartphone di Xiaomi ha il retro in metallo, impreziosito (almeno esteticamente) da una trama a rombi che, come sempre in questi casi, la si può amare o la si può odiare. A noi è piaciuta, visto che aiuta a dare una certa personalità ad un prodotto inserito in una fascia di prodotti solitamente anonimi. Nella parte alta e bassa del posteriore sono posizionate due bande in plastica per le antenne. Lo smartphone in mano, nonostante sia leggermente scivoloso, è comodo e si può anche definire compatto, sopratutto considerando le dimensioni degli smartphone negli ultimi anni.

Hardware

Xiaomi ha scelto un processore Qualcomm Snapdragon 616 octa core da 1,5 GHz, assieme ad una GPU Adreno 405 e 2 GB di RAM. La memoria interna ammonta invece a 16 GB ed è espandibile, anche se vale il "classico" compromesso di molti smartphone asiatici, per cui dovrete scegliere fra la memoria espandibile e l'utilizzare una seconda SIM. La connettività 4G permette di navigare fino a 150 Mbps, anche se purtroppo manca la frequenza degli 800 MHz. Abbiamo trovato lo smartphone leggermente pigro nel riagganciare le celle negli spostamenti rapidi (come treno o metro).

La Wi-Fi è b/g/n e il Bluetooth 4.1. Manca purtroppo l'NFC, mentre troviamo la porta ad infrarossi. Lo speaker è posizionato posteriormente e ha un volume nella media. Purtroppo è facile coprire lo speaker poggiando il dispositivo su una superficie non perfettamente piana.

SCHEDA: Xiaomi Redmi 3

Fotocamera

Per essere uno smartphone economico Xiaomi Redmi 3 si comporta molto bene per quanto riguarda il comparto fotografico, grazie ad una buona fotocamera da 13 megapixel (f/2.0) che permette di realizzare scatti godibili e un buon bilanciamento dei colori in quasi ogni condizioni. Anche con poca luce, nei limiti del dispositivo, riuscirete comunque a realizzare foto accettabili per la situazione. La fotocamera ha il supporto anche di un singolo led flash.

La fotocamera frontale è invece da 5 megapixel (anch'essa buona), mentre quella principale permette di fare dei video (sufficienti) in Full HD a 30 fps. Il software è poi sufficientemente completo e offre alcune funzioni interessanti (come l'HDR), ma comunque senza stravolgere quella che è una fotocamera "standard".

SAMPLE: Foto - Video

Display

Il display è un 5 pollici con risoluzione di 1280 x 720 pixel ed è realizzato in tecnologia IPS. Benché gli angoli di visione non siano perfetti lo schermo è comunque superiore alla media dei prodotti della sua fascia, come definizione, come colori e come luminosità (che si adatta abbastanza bene alla luce ambientale).

Software

La versione della MIUI presente su questo Redmi 3 è la 7.1 basata su Android 5.1.1 Lollipop. Questa personalizzazione software, a nostro parere, inizia ad essere un po' statica e molto simile a se stessa nelle sue ultime versioni, ma offre comunque delle buone soddisfazioni all'utente finale che avrà a che vedere con un sistema gradevole, con funzionalità intelligenti (come la modalità ad una mano) e app utili (come Security o il buon file manager). Non ci sono quindi grandi novità, ma la solita attenzione che Xiaomi ha per i dettagli.

Al momento Redmi 3 viene venduto in Italia tramite importatori che lo vendono in lingua inglese e con il Play Store preinstallato. È possibile abilitare le app di terze parti per funzionare in automatico in italiano grazie a MoreLocale 2. Il bootloader è bloccato per installare il firmware internazionale (quando arriverà) ci vorranno un po' di passi in più. Sono presenti molte app per i contenuti cinesi, ma è possibile rimuoverle quasi totalmente. Non abbiamo poi riscontrato il problema delle notifiche che avevamo su Redmi Note 2 e Redmi Note 3.

Per il resto la MIUI si conferma il solito software Xiaomi veloce e scattante in molte situazioni, anche se qualche sporadico rallentamento lo potrete avvistare su questo smartphone.

Autonomia

La batteria, in questo "piccolo" e compatto dispositivo è da ben 4100 mAh. Il risultato che è possibile ottenere è notevole con una autonomia di circa un paio di giorni con un utilizzo medio e anche oltre con un utilizzo blando.

Prezzo

Xiaomi Redmi 3 viene venduto in Italia da Topresellerstore a 179€, prezzo che include anche assistenza italiana e costi di importazione. Il prezzo è sicuramente più alto di quello asiatico, ma comunque interessante.

Benchmark

[benchmark ids="1533, 1464, 0694, 1455"]

Foto

Giudizio Finale

Xiaomi Redmi 3

Xiaomi Redmi 3 è uno dei migliori smartphone di Xiaomi che abbiamo mai provato, soprattutto in rapporto al suo prezzo. È per questo che ancora di più ci dispiace che il bootloader sia bloccato. Con i giusti accorgimenti però Redmi 3 vi darà enormi soddisfazioni.

Sommario

Confezione 6.5

Costruzione ed Ergonomia 8.5

Hardware 8

Fotocamera 8

Display 8.5

Software 8

Autonomia 8.5

Voto finale

Xiaomi Redmi 3

Pro

  • Buon display
  • Buona fotocamera (nella sua fascia)
  • Ottima autonomia
  • Software completo

Contro

  • L'audio è solo "ok"
  • Il firmware è rivolto agli utenti asiatici
  • Le prestazioni sono buone, ma non brillanti
  • Manca la frequenza ad 800 MHz LTE

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vive nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Se potesse vivrebbe anche in un mondo di Lego e in uno di musica elettronica.

Commenta