8.3

Recensione Xiaomi Mi Note 10: 5 fotocamere per uscire dagli schemi (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione Xiaomi Mi Note 10

Mi Note 10 di Xiaomi ha sicuramente attirato l’attenzione su di sé per il suo design appariscente e per la presenza di ben cinque fotocamere. Ma alla prova dei fatti, come si comporta? Scopriamolo nella nostra recensione.

LEGGI ANCHE: Recensioni Xiaomi

7.0

Confezione

All’interno della scatola nera che contiene Xiaomi Mi Note 10 troviamo anche una cover in silicone semi trasparente, un cavo USB/USB-C e un alimentatore da ben 30W. Peccato per l’assenza delle cuffie, accessorio ormai estinto dalle confezioni Xiaomi.

8.0

Costruzione ed Ergonomia

Xiaomi Mi Note 10 è costruito in maniera eccellente. Il profilo in metallo opaco va a rastremarsi sui bordi, dove si uniscono i due vetri della scocca. È uno smartphone dalle dimensioni non irrisorie, ma quantomeno fa fede al suo nome di Note. Per capirsi lo spessore è di quasi 10 millimetri (9,7 per la precisione) e il peso arriva a 208 grammi. Sono dati al di sopra della media. Non è di per sé un vero difetto, ma è importante chiarire che queste specifiche sulla scheda tecnica, assieme al design affusolato, vogliono dire principalmente una cosa: Xiaomi Mi Note 10 è uno smartphone scivoloso. Per fortuna che c’è una cover in omaggio, anche se è sempre un peccato “coprire” prodotti così ben disegnati. Lo smartphone non è resistente ad acqua e polvere.

8.0

Hardware

Lo smartphone Xiaomi ha un buon hardware, ma non quello di un top di gamma. Si parla in fatti di un prodotto di fascia media, con spunti da top di gamma. Abbiamo infatti il processore Snapdragon 730G octa core da 2,2 GHz con GPU Adreno 618. La RAM ammonta a 6 GB e abbiamo 128 GB di memoria interna non espandibile, ma in tecnologia UFS 2.1. Come vedremo però una velocità ancora maggiore avrebbe garantito tempi di salvataggio più rapidi degli scatti a 108 megapixel. Buona la connettività: LTE fino a 800 Mbps, Wi-Fi ac dual band, Bluetooth 5.0 e chip NFC. Non c’è invece il led di notifica, ma è c’è la radio FM. Presente invece il lettore di impronte digitali sotto al display, mediamente veloce, ma molto preciso. C’è anche lo sblocco con il volto 2D, quindi poco sicuro. Presente sul bordo inferiore il jack audio per le cuffie, dettaglio sempre apprezzato. La porta è in formato USB-C ma non ha uscita video. Sempre sul bordo inferiore troviamo anche lo spekaer mono. La qualità è nella media, senza particolari dettagli degni di nota.

SCHEDA: Xiaomi Mi Note 10

8.5

Fotocamera

Sicuramente il motivo per cui interessarsi a questo Mi Note 10 sono le sue fotocamere: ben 5. La principale è il nuovissimo sensore da 108 megapixel, al momento in esclusiva su questo smartphone. Ha un’apertura ƒ/1.7 ed è anche stabilizzato otticamente. Scatta, grazie alla tecnologia del pixel binning alla risoluzione di 27 megapixel. Abbiamo poi una fotocamera da 12 megapixel ƒ/2.0 che funge da zoom 2x, una da 5 megapixel ƒ/2.0 stabilizzata che funge da zoom ottico 5x. Completa il tutto una fotocamera da ben 20 megapixel grandangolare e un sensore da 2 megapixel per le macro. La classica lente aggiuntiva che tutti i produttori stanno usando per segnare un “+1” sulla propria scheda tecnica. Indubbiamente la soluzione di Xiaomi di adottare questi quattro sensori è molto intelligente e non è assolutamente una soluzione casuale. Il sensore principale ha un’altissima risoluzione, così come quello grandangolare, a risoluzione decisamente più alta della concorrenza. E i due zoom permettono di avere sensori diversi per avere diversi livelli di zoom, ma tutti senza tirare in ballo lo zoom digitale. Senza girarci intorno: le foto vengono bene e nel complesso la fotocamera è stata all’altezze delle nostre aspettative. Gli manca probabilmente un po’ di magia del software di Google, Apple o Samsung (ciascuna in modo diverso), ma la definizione e la qualità c’è tutta, anche nelle foto da 27 megapixel. Questo è importante chiarirlo, perché scattare sempre a 108 megapixel, perché si può fare, ha vari svantaggi. Il primo di tutti è la lentezza nel salvare l’immagine risultante: l’operazione impiega anche fino a quasi 7-8 secondi. In più si perde l’automatismo dell’HRD e i file risultati sono molto grandi (dai 5 ai 25 MB ciascuno). È comunque possibile scattare in questa modalità, per i contesti in cui si ha tempo da spendere e la differenza in termini di qualità è percepibile. Nonostante la maggiore qualità ha comunque senso implementare anche gli zoom ottici, che rimangono imbattibili nei contesti con buona luce, nonostante la risoluzione inferiore.

C’è poi una discreta modalità notturna e la possibilità anche di scattare in manuale e salvare i file RAW, anche se solo a 27 megapixel. Infine, oltre alle più classiche modalità di foto c’è anche una nuova funzionalità per registrare “vlog”, intesi più che altro come brevi video già montati e pronti per i social. Anche i video classici sono nel complesso buoni e possono essere registrati in 4K a 30 fps. La stabilizzazione non è perfetta, ma è comunque molto buona e testato in situazioni complesse come un concerto dei Chemical Brothers si è rivelato essere un compagno assolutamente all’altezza. Solo la ri-messa a fuoco è sembrata un po’ ballerina e troppo frequente. Discreta infine anche la fotocamera frontale da 32 megapixel ƒ/2.0 che regalerà dei buoni selfie in quasi ogni condizione.

Se c’è però un motivo per scegliere una CPU top di gamma rispetto ad una di fascia media nel 2019 è anche e sopratutto come questo può gestire 108 milione di pixel. Lo Snapdragon 730G si fa onore, ma indubbiamente tutta l’interfaccia della fotocamera non è fluida come sulla concorrenza.

Molte foto sono state ridimensionate per l’upload. Trovate gli originali di queste immagini in questo file zip.

8.5

Display

Mi Note 10 si farà anche notare per il suo enorme e bellissimo display SuperAMOLED da 6,47 pollici con risoluzione Full HD+. Supporta anche l’HDR10 ed è curvo sui bordi. Questo suo essere così estremo nelle forme ha però uno svantaggio: i tocchi involontari. Ci è successo in più occasioni di toccare gli angoli mentre lo usavamo, attivando così funzioni indesiderate. Nel complesso però lo schermo è molto bello e di sicuro impatto. Supporta anche la nuova modalità always-on della MIUI 11 che permette anche di far illuminare lo schermo diversamente all’arrivo delle notifiche.

8.5

Software

Questo smartphone Xiaomi arriva in commercio già aggiornato alla MIUI 11, ma senza però avere già a bordo Android 10, fermandosi invece alla versione 9 Pie. In realtà le differenze tangibili sono minime, se non quasi impercettibili. Abbiamo comunque un’interfaccia più pulita rispetto al passato, con anche la possibilità di attivare una modalità scura, oltre che di modificare i temi o attivare le comode gesture di navigazione. Abbiamo poi ancora il software per la sicurezza, il secondo spazio per tenere al sicuro alcuni contenuti e il software per massimizzare le performance di gioco, che rimangono sempre ottime in ogni contesto. Le prestazioni sono buone, ma sembra comunque che ci sia ancora qualche sbavatura e qualche piccolo lag non è impossibile da trovare, anche fuori dall’app fotocamera.

8.5

Autonomia

La batteria è una gigantesca 5260 mAh e nell’utilizzo quotidiano si sente, non solo per il peso dello smartphone, ma anche per l’autonomia che questa riesce a garantire. Anche con un utilizzo abbastanza intenso arrivare a due giorni non è impossibile e in ogni caso concludere la giornata con molta batteria residua (attorno al 30-40%) per molti potrebbe essere la quotidianità. Non sarà poi presente la ricarica wireless, ma di sicuro è presenta la ricarica rapida da 30W che permette di ripristinare la batteria in poco tempo per un secondo giorno pieno di batteria.

7.0

Prezzo

Xiaomi Mi Note 10 viene venduto in Italia a 599€, un prezzo sicuramente non contenuto e a cui ormai si trovano vari top di gamma (basti pensare che Mi Mix 3 5G costa solo 100€ in più). Si fatica forse a giustificare un prezzo simile per uno smartphone Xiaomi non top di gamma, ma mettendo insieme i pezzi del puzzle si capisce che una ragione per questo prezzo c’è.

Tutte le migliori offerte per Mi Note 10

Benchmark

Foto

Giudizio Finale

Xiaomi Mi Note 10

8.3

Xiaomi Mi Note 10

Xiaomi Mi Note 10 è un prodotto diverso per la lineup dell'azienda cinese. Perché non è un top di gamma, ma non ha un prezzo stracciato. C'è un motivo però: in questo Mi Note 10 troviamo tante novità che non troviamo su altri dispositivi Xiaomi, come le cinque fotocamere di cui una da 108 megapixel, la batteria da oltre 5000 mAh e il bel display SuperAMOLED curvo. Non è per tutti, ma fa bene il suo dovere.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • 5 fotocamere (di cui 4 con un senso)
  • Ottima autonomia
  • Bel display
  • Jack audio presente
Contro
  • Non aggiornato ad Android 10
  • Molto scivoloso
  • L'hardware fatica a star dietro alla fotocamera
  • Prezzo non contenuto