8.8

Recensione Samsung Galaxy Note 10+ (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione Samsung Galaxy Note 10+

La famiglia Galaxy Note è sempre stata la famiglia di prodotti per eccellenza di Samsung, che aggiungeva dimensioni importanti (ormai quasi eguagliate anche dalla famiglia Galaxy S) e la presenza della S Pen, strumento potente e flessibile per molti utenti. Nel 2019 abbiamo due varianti e quella che realmente prende l’eredità di Note 9 quest’anno è Galaxy Note 10+, che trovate qui recensito.

LEGGI ANCHE: Migliori smartphone

8.5

Confezione

È un piacere scoprire che Samsung non ha risparmiato neanche quest’anno sulla confezione di Note 10+. Anzi. Abbiamo all’interno un nuovo alimentatore da 25W finalmente con porta USB-C. Di conseguenza il cavo è un USB-C/USB-C che potrà quindi essere usato per molteplici scopi (come collegare il Note ad un monitor esterno). Abbiamo poi sempre gli ottimi auricolari AKG in-ear con adattatori (e cavo in corda), l’adattatore USB-C/USB e l’adattatore USB-C/microUSB. Immancabili anche le punte di ricambio per la S Pen. Peccato però che in una confezione così corposa non ci sia un adattatore da USB-C a jack audio.

9.0

Costruzione ed Ergonomia

Galaxy Note 10+ è indubbiamente un gioiello per quanto riguarda qualità costruttiva e design. È un prodotto grande ma nonostante sia realizzato in vetro e metallo (il profilo ora è ancora più sottile) il peso non supera i 200 grammi (e si attesa sui 196). Le dimensioni rendono comunque il peso proporzionato, anche grazie ad uno spessore di soli 7,9 millimetri. Ottima la presa e l’utilizzo durante una comune giornata di lavoro. Non molto apprezzata la scelta di spostare il tasto per l’accensione e lo spegnimento a sinistra, mentre invece complimenti a Samsung per aver allineato tutte le porte sui bordi corti dello smartphone. Una piccola attenzione al design che ritroviamo anche sul retro, dove le fotocamere sono state ora raggruppate in un angolo. Il retro trattiene ancora molto le impronte. Molto particolare la nuova finitura aura glow che si differenzia molto dalla concorrenza. Il colore varia dall’argento al rosso misto arcobaleno in base a come ci riflette la luce sopra. Lo smartphone è sempre IP68, con ottima resistenza ad acqua e polvere.

9.5

Hardware

Aggiornato l’hardware dello smartphone che ora è dotato di un processore realizzato con processo produttivo a 7nm, ovvero un Exynos 9825 octa core da 2,73 GHz, con GPU Mali G76 MP12. La RAM ammonta a ben 12 GB (50% in più rispetto al 2018) e la memoria interna base raddoppia passando a 256 GB in tecnologia UFS 3.0 e espandibili tramite microSD, rinunciando al supporto per la seconda nanoSIM. Questa SIM si può connettere alla rete tramite LTE a 2000 Mbps e anche in 5G nella versione specifica (che differisce solo in questo). Il Wi-Fi è dual band e supporta il Wi-Fi 6, il Bluetooth è 5.0, non manca l’NFC e l’uscita video tramite USB-C 3.1. Bene il lettore di impronte digitali ultrasonico sotto al display dello smartphone che sopperisce alla mancanza di scansione dell’iride (che però era molto lento). Bene anche il nuovo feedback aptico e della vibrazione, rifinito rispetto al passato. Non troviamo la radio FM e diciamo addio anche al jack audio (l’unico motivo vero per cui non possiamo dare il voto massimo). Immancabile invece la S Pen, ancora dotata di Bluetooth e che si arricchisce di nuove (poco utili) air gesture. Molto bene l’audio stereo: potente e corposo.

SCHEDA: Samsung Galaxy Note 10+

9.0

Fotocamera

Come da tradizione il comparto fotocamere è ereditato dal migliore Galaxy S in commercio, in questo caso S10 5G. Abbiamo una fotocamera principale da 12 megapixel ƒ/1.5-2.4 stabilizzata, una 12 megapixel ƒ/2.4 zoom 2x stabilizzata e una 16 megapixel ultra-grandangolare ƒ/2.2. Ritroviamo anche il sensore ToF per il calcolo della profondità 3D in tempo reale. Il led flash è ancora singolo. La qualità fotografica di questo comparto fotografico è già stata discussa. Ottima in ogni circostanza. Con buona luce le foto sono ricche di dettaglio, con un ottimo bilanciamento del punto di bianco, mai troppo nitide e con i colori ben bilanciati. In più la messa a fuoco è ottima e la velocità di scatto altrettanto. Con meno luce (per esempio al chiuso la sera) è una delle fotocamere che garantisce risultati migliori e si difende egregiamente anche all’esterno al buio con una buona modalità notte (solo ancora leggermente dietro a quella dei Pixel di Google). HDR automatico e intelligenza artificiale sono sempre attivi ma disattivabili all’occasione. Tante e buone modalità di scatto sono a disposizione di tutti. Abbiamo la modalità Instagram per pubblicare alla massima qualità storie sul famoso social network, il fuoco live, la modalità panorama e la modalità manuale. Buone anche le foto dalla nuova fotocamera frontale da 10 megapixel ƒ/2.2. Peccato solo non aver avuto anche qui il sensore ToF (come su S10 5G).

Molto bene anche il comparto video che registra video fino al 4K 60fps: diventa stabilizzato elettronicamente a 30fps (o in Full HD a 60fps). La qualità è eccellente e il bilanciamento dei colori, così come la messa a fuoco, è al massimo della categoria. Incredibile poi la modalità ultrastabilizzata che sacrifica un po’ di definizione per una stabilizzazione al pari di quella di un gimbal. Frontalmente i video sono in 4K. Il nuovo sensore ToF permette di fare foto con effetto sfocatura. Non si riesce ad ingannare l’utente facendogli credere che sia una profondità di campo naturale ma l’effetto è comunque simpatico. Lo stesso sensore permette anche di aggiungere effetti in realtà aumentata sul volto delle persone (disegnandole a mano), così come anche di scansionare oggetti di medie dimensioni e se di forma umanoide farli muovere a tempo con una persona in sovrimpressione. Inutile ma simpatico.

10.0

Display

Anche nel 2019 il display è indubbiamente il punto forte di questo smartphone. Si tratta di un ottimo pannello da 6,7 pollici QHD+ (1440 x 3040 pixel) in formato 19:9. Decisamente niente male per uno smartphone che non ha in sostanza aumentato le sue dimensioni. La risoluzione così alta è gradita ma meno utile del solito, considerando l’abbandono della piattaforma Gear VR. La tecnologia utilizzata è la stessa del Dynamic AMOLED con supporto ad HDR10. La luminosità è ottima, così come anche la resa cromatica, forzabile a piacimento su una modalità vivida più appariscente (ma meno fedele). L’always-on è molto ricco e si può anche risvegliare lo schermo con un doppio tocco. Come consuetudine è ancora leggermente curvo ai lati: non ha una funzione in tal senso, ma rimane molto elegante.

9.0

Software

Samsung Galaxy Note 10+ arriva sul mercato con Android 9.0 Pie con le patch di agosto 2019. La personalizzazione Samsung è l’ultima One UI 1.5 con un’estetica immutata rispetto alla versione precedenze ma con alcune piccole novità, molte delle quali relative a questo prodotto. Abbiamo sempre Samsung Pay, la modalità ad una mano, le gesture di navigazione (non sono migliorate), le app in finestra, i pannelli edge sul bordo e i temi. Game Launcher si è leggermente rinnovato, ma per i giocatori (e non solo) farà piacere scoprire che è stata introdotta la possibilità di registrare il display integrando anche l’anteprima del volto ripreso dalla fotocamera frontale. Abbiamo poi un nuovo editor video e tutto quello che avete apprezzato dai modelli precedenti. Relativamente alla S Pen si possono ancora prendere le note a schermo bloccato (ora in più colori), e in Samsung Notes troviamo una nuova funzione che converte il testo scritto a mano in testo pronto per Microsoft Word. E funziona anche abbastanza bene. Sempre con la penna potrete effettuare ritagli dello schermo (da salvare, anche con note scritte a mano o da tenere in sovrimpressione), creare dei messaggi animati (ora in perfetto formato verticale per le storie Instagram), ridurre le app ad icona o anche prendere appunti sul calendario (come fareste su quello di carta). La penna può ancora eseguire funzioni con il tasto fisico, ora arricchite da movimenti in aria: non lo userete più di un paio di volte.

Per quanto riguarda la produttività Samsung DeX (qui il nostro ultimo speciale a riguardo) può ora essere eseguito come un software all’interno di sistemi macOS o Windows. È particolarmente utile su macOS dove un buon sistema di scambio file non è presente. Peccato che copiare i file dal Mac sia facile, ma non viceversa. Speriamo in un aggiornamento. In più gli utenti Windows godranno ora della perfetta integrazione con Il Mio Telefono, che vi permetterà di ricevere le notifiche dello smartphone su PC senza neanche doverlo connettere via cavo, così come anche di avere un mirror totale del display, permettendovi di non dover interagire con il dispositivo.

8.0

Autonomia

La batteria 4300 mAh è un bel passo avanti rispetto ai 4000 mAh dello scorso anno a cui si aggiunge anche un processore leggermente meno energivoro. E questo ci riporta finalmente ai tempi in cui i Galaxy Note si compravano anche per l’autonomia. Non è diventato un battery phone ma quantomeno non dovrete più preoccuparvi di caricarlo prima di sera. Presente poi la ricarica rapida a 45W ma si deve comprare un alimentatore separato. Ancora qui la ricarica wireless a 15W e quella inversa (per caricare gadget e smartphone) a 9W.

6.5

Prezzo

Samsung Galaxy Note 10+ viene venduto a 1129€, non proprio un prezzo per tutti. Ma i Galaxy Note non hanno mai avuto un prezzo per tutti e pertanto non ci stupiamo. Il prezzo in linea con il mercato lo rendono un prodotto per pochi, ma non ci saremmo aspettati diversamente.

Tutti i migliori prezzi di Samsung Galaxy Note 10+

Trovate Galaxy Note 10+ su Amazon al prezzo di lancio. Controllate il box a seguire perché si aggiornerà al calare del prezzo.

Benchmark

Foto

Giudizio Finale

Samsung Galaxy Note 10+

8.8

Samsung Galaxy Note 10+

Samsung Galaxy Note 10+ è un prodotto per pochi, ma è anche indubbiamente il prodotto da battere, almeno in termini di completezza hardware e software. Con la S Pen e il nuovo DeX è anche un ottimo prodotto per la produttività. Il prezzo è alto? Indubbiamente, ma se non è lui a poter costare così tanto chi può?

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Ottimo display
  • Ottime fotocamere
  • Buona autonomia
  • Full optional
Contro
  • Prezzo alto
  • Si deve scegliere fra doppia SIM e memoria espandibile
  • Manca lo sblocco del volto 3D
  • Niente jack audio

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina AndroidWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.