Recensione Redmi Note 10: lo Xiaomi economico che cercavate (foto e video)

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Recensione Redmi Note 10

La famiglia Redmi Note è indubbiamente una delle più interessanti di tutte, perché racchiude molto dal punto di vista della scheda tecnica ad un prezzo contenuto. Ed è così anche quest'anno, con Redmi Note 10. Scopriamolo nella nostra recensione completa.

LEGGI ANCHE: Recensioni Xiaomi

PRO

  • Costa poco
  • Fotocamere godibili
  • Buona autonomia
  • Doppia SIM + microSD

CONTRO

  • A volte prestazioni un po' sottotono
  • Qualche bug con il sensore di prossimità
  • Di notte le foto sono appena sufficienti
  • Always-on non Always On

Confezione

All'interno della confezione troviamo il cavo USB/USB-C, l'alimentatore da ben 33W e una cover in silicone trasparente.

Costruzione ed Ergonomia

Redmi Note 10 è uno smartphone tutto sommato semplice dal punto di vista costruttivo e di design. È realizzato in plastica e questo ne aiuta sicuramente la resistenza nel tempo e anche il peso, visto che si tratta di 178 grammi. Anche il design non è particolarmente originale ma ha l'indubbio pregio di essere simile a quello del resto della famiglia, facendo sì che questo Redmi Note 10 possa essere davvero considerato come parte di una famiglia di prodotti più grande. In passato Xiaomi aveva proposto tanti design molto diversi su ciascun modello della lineup. La cover comunque, pur essendo di plastica, non trattiene troppo le impronte e questo è sicuramente un pregio. Notevole anche il fatto che lo smartphone sia resistente agli spruzzi.

Hardware

Redmi Note 10 è uno smartphone di fascia medio bassa. Abbiamo il processore Snapdragon 678 octa core da 2,2 GHz sviluppato a 11 nanometri. Abbiamo poi una GPU Adreno 612 e 4 GB di RAM. La memoria interna ammonta a 128 GB ed è in tecnologia UFS 2.2. Il carrellino estraibile può poi alloggiare anche due nanoSIM oltre alla memoria di espansione. La connettività è poi più che buona: 4G, Wi-Fi ac a doppia banda, Bluetooth 5.0, radio FM (!) e porta ad infrarossi. Peccato per l'assenza, decisamente poco giustificabile, del chip NFC per i pagamenti. L'audio è stereo ed è potente, anche troppo quando fa vibrare la scocca sul retro dello smartphone. Un fastidio: il sensore di prossimità non c'è o sembra funzionare male. Il telefono sembra utilizzare il movimento come indicazione che si sia portato lo smartphone all'orecchio e questo non sempre funziona bene.

Fotocamera

Sono quattro i sensori fotografici di questo Redmi Note 10. La principale è una 48 megapixel f/1.8, con a supporto una grandangolare da 8 megapixel f/2.2 e due 2 megapixel, una per le macro e una per il miglioramento dell'effetto bokeh negli scatti in modalità ritratto. Le immagini raccolte dalla fotocamera principale sono di qualità decisamente buona e superiore anche alle nostre aspettative. Buono il dettaglio, buona la resa dei colori e anche l'HDR lavora bene. Non è fulminea nell'eseguire le varie operazioni, in linea con le prestazioni di tutto lo smartphone.

Quando la luce cala lo smartphone inizia a mostrare un po' il fianco e utilizzare la modalità notte (che non rallenta troppo lo scatto) è consigliabile per aumentare la nitidezza. Al buio totale aiuta, ma le foto rimangono sempre un po' poco definite. Normale in questa categoria di smartphone. I video si possono registrare in 4K a 30fps dalla videocamera principale. La qualità è buona, ma la stabilizzazione meno. Non va molto bene per scene in movimento. Meglio scendere al Full HD e scegliere di mantenere i 30fps. In questa modalità potrete registrare video anche dalla grandangolare e dalla videocamera frontale, una sufficiente 13 megapixel f/2.5.

Display

Redmi Note 10 è dotato di un pannello AMOLED con risoluzione di 1080 x 2400 pixel, ovvero Full HD+. Lo schermo ha una diagonale da 6,43 pollici e come buona parte degli smartphone più economici ha un refresh rate "classico" a 60 Hz. Lo schermo è molto più che onorevole e per la sua fascia di prezzo è sicuramente uno dei migliori in circolazione, per contrasti, luminosità e in generale piacevolezza di utilizzo nella quotidianità. Peccato solo che l'always-on display non sia davvero "always" e rimanga attivo per pochi secondi dopo la ricezione della notifica.

Software

Ovviamente uno dei tratti distintivi di questo smartphone Xiaomi è il suo software Android 11 (con le patch di febbraio 2021) personalizzato con l'interfaccia MIUI 12. Uno dei punti forte di questo software è sicuramente il gran numero di opzioni e impostazioni con cui "giocare" per renderlo il più vicino ai propri gusti possibili, per quanto esteticamente la MIUI lasci sempre ben presente la sua "impronta". Abbiamo funzioni come il Game Turbo, la possibilità di migliorare la riproduzione dei video, l'opzione per sdoppiare le app con due account separati e anche la possibilità di aprire le app in finestra. Segnaliamo solo la presenza di pubblicità in alcune app (come nella schermata al termine dell'installazione di un'app). Niente di troppo invasivo, ma che merita comunque segnalare.

Il commento più importante da fare sul software non è tanto sulle funzionalità, ma sulle prestazioni. Non esattamente esaltanti. Non è impossibile imbattersi in qualche rallentamento o in qualche software in leggero affanno per qualche secondo. Niente di non giustificabile in questa fascia di prezzo, ma considerando alla velocità a cui ci aveva abituato Xiaomi merita comunque segnalarlo. Siamo comunque molto fiducioso negli aggiornamenti software: non è inusuale che le prime versione dei software Xiaomi siano colpiti da qualche bug.

Autonomia

La batteria è una enorme 5.000 mAh che garantisce una buona autonomia. Non è uno smartphone che possa sempre garantire due giorni di autonomia con una singola carica, ma non avrete mai problemi a finire una giornata di utilizzo intenso con una singola carica. Molto bene anche la ricarica rapida a 33W, una bella rarità in questa fascia di prezzo.

Prezzo

Il vero punto forte di questo dispositivo è indubbiamente il prezzo. Parliamo di 229€ per la versione 4/128 o 199€ per quella 4/64 non ufficialmente venduta in Italia, ma acquistabile comunque in Europa, come per esempio dallo store spagnolo Goboo con spedizioni rapide (il nostro viene da lì). Il prezzo è già buono di listino e siamo sicuri che con qualche leggero "ritocco" dei prossimi mesi diventerà ancora più ghiotto.

Foto

Giudizio Finale

Redmi Note 10

A Redmi Note 10 forse gli manca la brillantezza di altri Xiaomi delle fasce superiori. Ma il fulcro è tutto qui: il prezzo qui è molto basso e spesso si fa l'errore di avere aspettative molto alte solo perché è uno Xiaomi. Nella sua fascia di prezzo Redmi Note 10 offre un validissimo pacchetto completo. C'è qualche bug, che speriamo venga fixato a breve.

Sommario

Confezione 7.5

Costruzione ed Ergonomia 8

Hardware 7.5

Fotocamera 7.5

Display 8

Software 7.5

Autonomia 8

Prezzo 8.5

Voto finale

Redmi Note 10

Pro

  • Costa poco
  • Fotocamere godibili
  • Buona autonomia
  • Doppia SIM + microSD

Contro

  • A volte prestazioni un po' sottotono
  • Qualche bug con il sensore di prossimità
  • Di notte le foto sono appena sufficienti
  • Always-on non Always On

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vive nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Se potesse vivrebbe anche in un mondo di Lego e in uno di musica elettronica.
Redmi Note 10

Redmi Note 10

  • Display 6,43" FHD+ / 1080 x 2400 PX
  • Fotocamera 48 MPX ƒ/1.8
  • Frontale 13 MPX ƒ/2.5
  • CPU octa 2.2 GHz
  • RAM 4 GB
  • Memoria Interna 128 GB Espandibile
  • Batteria 5000 mAh
  • Android 11

Commenta