Recensione Redmagic 7: gaming phone per tutti

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Recensione Redmagic 7

Redmagic torna ancora più aggressiva nel mondo degli smartphone gaming e lo fa con la sua settima generazione. Non tradisce la sua filosofia e il suo hardware è aggiornato.

PRO

  • Potentissimo
  • Con il jack audio
  • Game Space OS sempre utile
  • Schermo a 165 Hz

CONTRO

  • Software con margini di miglioramento
  • Fotocamere solo sufficienti
  • Parti del software mal tradotte
  • Fotocamera frontale scarsa

Confezione

All'interno della confezione di Redmagic 7 troviamo il cavo USB-C/USB-C, un alimentatore da ben 65W e una cover in silicone per proteggere lo smartphone dalle cadute accidentali.

Costruzione ed Ergonomia

Gli smartphone Redmagic sono forse quelli che negli anni hanno mantenuto più di tutti una linea stilistica che li contraddistingue ad un primo sguardo. Questo Redmagic 7 condivide ancora una volta lo spirito "aggressivo" dei precedenti desitn, andando un po' a modernizzarlo con un retro più piatto, ma sempre disegnato con tratti più chiari che ne denotano una connotazione più futuristica e "gaming". Sul retro trova spazio anche il logo Redmagic (che si illumina a schermo acceso) e due piccole strisce colorate RGB che possono essere attivate in contesti differenti.

Lo smartphone è costruito poi in modo molto robusto, con un profilo in metallo e il retro in vetro. In mano non è leggero (215 grammi) né particolarmente sottile (9,5mm) ma in ogni caso rimane comunque utilizzabile in modo relativamente comodo. Almeno considerando il trend attuale degli smartphone.

Hardware

Ovviamente come tutti gli smartphone Redmagic anche questo monta un hardware da vero top di gamma. Quasi senza compromessi. Abbiamo il processore Snapdragon 8 Gen 1 (il primo che proviamo dall'annuncio a dicembre) octa core a 3 GHz e realizzato da 4nm, con GPU Adreno 730. Il tutto è accoppiato con 12, 16 o 18 GB di RAM LPDDR5 e 128 o 256 GB di memoria interna UFS 3.1 non espandibile.

Buona la connettività: 5G, Wi-Fi 6E e Bluetooth 5.2. Non manca l'NFC e neanche il jack audio da 3,5 millimetri. Quello che davvero ci ha stupito però è l'ottimo rapporto fra prestazioni e temperature. Anche senza attivare la ventola fisica (che garantisce fino a 20.000 RPM) lo smartphone non va mai in thermal throttling (almeno non per i primi 30 minuti di test intensivo). Questo grazie probabilmente al sistema ICE 8.0 per mantenere basse le temperature. Questo è possibile grazie alla ventola, allo strato di grafite, al gel termico, al foglio di rame e ai componenti in alluminio. Un sistema congiunto che probabilmente fa davvero bene il suo dovere. Difficile dirlo con certezza non avendo provato altri smartphone con questa CPU.

Buono anche l'audio stereo che viene garantito dallo speaker inferiore e dalla capsula auricolare.

Rimanendo nell'ambito gaming sono poi presenti i tasti dorsali capacitivi che garantiscono una notevole comodità aggiuntiva dura il gioco. Supportano un campionamento del tocco a 500 Hz e hanno un tempo di risposta al tocco di soli 8ms.

Fotocamera

Nessuna novità nel comparto fotografico, che rimane abbastanza "basilare". Abbiamo una fotocamera da 64 megapixel ƒ/1.8, una grandangolare da 8 megapixel ƒ/2.0 e una fotocamera per le macro da 2 megapixel. È un sistema molto semplice e che garantisce scatti più che sufficienti con buona luce e solo sufficienti con meno luce. Non si compra questo smartphone per scattare foto e nel complesso è sicuramente il comparto che più lascia il passo rispetto ai concorrenti premium. Probabilmente un giusto prezzo da pagare per "pagare poco" lo smartphone. Le opzioni di scatto sono tantissime, ma il software non è sempre chiarissimo nel rendere palese il loro funzionamento. Molto buona la messa a fuoco multipunto. Solo sufficiente la fotocamera frontale da 8 megapixel ƒ/2.0.

Esattamente come per lo scorso anno i video si registrano in 4K a 60fps con un discreto apporto della stabilizzazione elettronica, oppure addirittura in 8K, rinunciando però al piacere di un video stabile.

Display

Non ci sono novità neanche nel pannello frontale che rimane un componente decisamente non trascurabile quando si parla di uno smartphone per i giochi e la multimedialità. Si tratta di un pannello da 6,8 pollici con risoluzione FullHD+ (1080 x 2400 pixel) e realizzato in tecnologia AMOLED. È molto luminoso grazie ai suoi 700 nits di picco. Non arriverà agli altre 1000 nits di picco di alcuni smartphone premium ma al suo valore massimo è comunque godibile anche all'aperto, purché magari non proprio sotto il sole diretto. Lo schermo supporta un refresh rate fino a 165 Hz (un record) e ha un touch sampling a 720 Hz. Lo schermo supporta poi il 100% dello spazio colore DCI-P3 ed è protetto da un vetro Gorilla Glass 5.

Software

Redmagic 7 viene lanciato sul mercato con Android 12 e personalizzato con il Redmagic OS 5.0. Si tratta di un'interfaccia che non stravolge l'interfaccia di Android, ma che senza ombra di dubbio strizza comunque l'occhio ai videogiocatori, con grafiche futuristiche e colori molto contrastati. Tra le funzioni aggiuntive troviamo la barra laterale con una serie di scorciatorie rapide, il sensore di battito cardiaco nel lettore di impronte digitali e la già citata possibilità di modificare il colore delle luci dei led posteriori.

C'è poi un menù specifico poi per i videogiocatori che permette di accedere rapidamente alla lista di tutti i giochi installati nello smartphone. Da qui si potranno gestire le prestazioni dei singoli giochi, per esempio decidendo quanta potenza erogare all'avvio dei vari titoli o modificando in modo molto preciso la sensibilità e o la scorrevolezza del tocco. Una volta avviato il gioco abbiamo poi un menù accessibile dal lato che permette di modificare al volo le impostazioni della potenza e molto altro. Potrete per esempio configurare i tasti dorsali, aggiungere un mirino al centro dello schermo, prendere appunti al volo o registrare gameplay.

Indubbiamente in questa modalità troverete tutto quello che davvero dovrebbe servirvi durante un match. Potrete interrompere le notifiche, abilitare o disabilitare la ventola e anche impedire allo smartphone di caricarsi quando connesso alla corrente (rimanendo però alimentato). Tra i plugin la funzione forse più interessante è quella relativa alle macro che potrete creare.

Nel complesso è un buon software, ma una critica che dobbiamo necessariamente fare a Redmagic è quella relativa alle traduzioni dei vari menù. Incomplete, a volte in spagnolo a volte con le lettere minuscole ad inizio voce. Sono tutte critiche che facciamo da anni ed è un peccato vedere che non vengano ascoltate.

Autonomia

La batteria di questo smartphone è da 4.500 mAh. Dobbiamo dire di essere rimasti positivamente sorpresi dall'autonomia generale, anche considerando che spesso gli smartphone gaming partono da capacità minime di 5.000 mAh. Nonostante questo e nonostante un processore potentissimo di cui ancora si sa relativamente poco dobbiamo dire che siamo rimasti soddisfatti. Utilizzandolo come smartphone "normale" si arriva a fine giornata con una carica completa senza problemi e questo vale anche se lo si sottopone ad un'ora circa di gioco al giorno. Superando questa soglia, ovviamente consiederando di tener attivati il refresh rate aumentato e spingendo verso l'alto la potenza è più facile invece aver bisogno di una ricarica intermedia. Ci viene però in soccorso la ricarica rapida a 65W.

Prezzo

Redmagic 7 viene venduto sul sito ufficiale a 629€ nella versione 12/128. Sono solo 30€ in più dello scorso anno e questa cifra è comunque ampiamente più bassa di praticamente tutti gli altri smartphone gaming in circolazione. Ci vogliono cento euro in più per la versione 16/256 e si arriva a 799€ per il taglio 18/256. Tutti ottimi prezzi se guardiamo all'hardware di questi smartphone.

Foto

Giudizio Finale

Redmagic 7

Redmagic 7 rimane anche per il 2022 lo smartphone gaming economico di riferimento. L'hardware è ancora migliorato e lo smartphone ha quello che serve per definirlo gaming: design, potenza, software specifico, raffreddamento e tasti dorsali.

Sommario

Confezione 8

Costruzione ed Ergonomia 8.5

Hardware 9.5

Fotocamera 7

Display 9

Software 7.5

Autonomia 8

Prezzo 8

Voto finale

Redmagic 7

Pro

  • Potentissimo
  • Con il jack audio
  • Game Space OS sempre utile
  • Schermo a 165 Hz

Contro

  • Software con margini di miglioramento
  • Fotocamere solo sufficienti
  • Parti del software mal tradotte
  • Fotocamera frontale scarsa

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vive nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Se potesse vivrebbe anche in un mondo di Lego e in uno di musica elettronica.
RedMagic 7

RedMagic 7

  • Display 6,8" FHD+ / 1080 x 2400 PX
  • Fotocamera 64 MPX ƒ/1.8
  • Frontale 8 MPX ƒ/2.0
  • CPU octa 3 GHz
  • RAM 12 GB
  • Memoria Interna 128 GB Espandibile
  • Batteria 4500 mAh
  • Android 12
Mostra i commenti