Recensione RedMagic 6R: il gaming phone vestito casual (foto e video)

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Recensione RedMagic 6R

RedMagic negli ultimi anni e ancor di più negli ultimi mesi ha molto accelerato sulla realizzazione di nuovi dispositivi. Noi abbiamo provato per ultimo RedMagic 6, ma altri dispositivi della stessa famiglia erano stati lanciati. Oggi è il turno di RedMagic 6R. Scopriamolo nella prova completa.

PRO

  • Hardware al top
  • Memorie veloci
  • Vere attenzioni ai gamer
  • Più leggero e sottile degli altri

CONTRO

  • Fotocamere sottotono
  • Audio solo mono
  • Troppe traduzioni approssimative
  • Niente jack audio

Confezione

All'interno della confezione nera di questo smartphone troviamo un alimentatore da 30W, un cavo USB/USB-C e una cover in silicone trasparente. Sempre una gradita aggiunta.

Costruzione ed Ergonomia

Dal punto di vista costruttivo RedMagic 6R è uno smartphone leggermente più semplice rispetto ad altri modelli della stessa categoria. Ma soprattutto dal punto di vista del design per molti questo sarà un punto a favore. La cornice è in metallo, mentre invece la parte posteriore è in vetro. Il design è decisamente più "classico" e le sue linee più pulite, ma comunque moderne e giovanili, faranno sicuramente felici i tanti che non avevano mai comprato un gaming phone per il suo design troppo eccessivo. Questa razionalizzazione ha però significato anche la scomparsa del led RGB. Lo smartphone non è impermeabile. RedMagic 6R pesa 186 grammi, un peso tutto sommato non esagerato ed è anche abbastanza sottile con i suoi 7,8 millimetri di spessore.

Hardware

Ovviamente anche questo 6R (dove la R sta per Racing) ha un hardware da vero top di gamma. Abbiamo il processore Snapdragon 888 octa core da 2,84 GHz a 5 nanometri, la GPU Adreno 660 e 8 o 12 GB di RAM LPDDR5. La memoria interna è rispettivamente da 128 e 256 GB ed è in tecnologia UFS 3.1 (velocissima) seppur non espandibile. Ottima la connettività: 5G, Wi-Fi 6E e Bluetooth 5.2. Non manca neanche l'NFC. Il lettore di impronte digitali è invece incastonato dentro al display ed è di discreta qualità. Purtroppo manca invece un jack audio ed è anche un peccato che l'unico speaker sia inferiore, non offrendo quindi nessun supporto (semi)stereo. Peccato anche per la vibrazione che non è particolarmente incisiva e neanche particolarmente piacevole.

Ottimo invece il sistema di dissipazione composto da molteplici strati: rame, raffreddamento al liquido, grafite, metallo e un gel termodinamico. È questa forse una delle caratteristiche che rende a tutti gli effetti questo smartphone più "gaming" di altri. L'altro indubbio fattore sono i trigger touch posizionati sul lato lungo destro. Quando lo smartphone è quindi in orizzontale sarà possibile sfruttarli nei giochi e programmarli perché eseguano determinate funzioni.

Fotocamera

Ovviamente anche RedMagic 6R non poteva esimersi dell'includere ben quattro sensori fotografici. Abbiamo una fotocamera da 64 megapixel ƒ/1.8, una 8 megapixel ƒ/2.2 grandangolare, una 5 megapixel ƒ/2.4 macro e una 2 megapixel ƒ/2.4 per il miglioramento delle foto in modalità ritratto. Gli ultimi due sensori, come è facile immaginare anche solo per la loro risoluzione, non sono particolarmente interessanti. Più che discreta la fotocamera principale che con buona luce realizza immagini all'altezza del dispositivo. Stesse identiche considerazioni anche per la fotocamera frontale da 16 megapixel ƒ/2.0 incastonata nel foto all'interno del display. Peccato solo che al calare dell'illuminazione i risultati cambino drasticamente: già con meno luce tutte le fotocamere iniziano a lasciare il passo e al buio la qualità è sottotono. Potrete sempre attivare la modalità notturna: le foto sono più luminose ma completamente impastate. Lasciate perdere. Infine una menzione per la fotocamera grandangolare che è attivabile solo in modalità Pro: una delle varie scomodità che si trovano nell'app fotocamera, assieme a qualche cattiva traduzione. I video in 4K a 60fps sono abbastanza stabili, ma non sono però nitidi e dettagliati come avremmo voluto.

Display

Lo schermo di questo RedMagic 6R è un ampio pannello da ben 6,67 pollici realizzato in tecnologia AMOLED. Lo schermo ha una risoluzione FullHD+ (1080 x 2400 pixel) ed ha una buona luminosità massima di picco di 770 lumen (anche se non arriva ai valori degli smartphone premium). La sua caratteristica principale è indubbiamente il refresh rate che può essere impostato fra i 60 e i 144 Hz, un valore altissimo. Nel mezzo potrete anche scegliere 90 e 120 Hz. C'è anche una modalità always-on, ma purtroppo non mostra nessuna icona per le notifiche in ingresso.

Software

RedMagic (che ricordiamo è un brand di ZTE) ha incluso in questo smartphone Android alla versione 11, personalizzato con l'interfaccia RedMagic OS 4.0. Si tratta di una personalizzazione gradevole e non molto invasiva, seppur non perfetta. Ci sono delle scelte grafiche non perfettamente coerenti e soprattutto una serie di traduzioni in italiano abbastanza approssimative. Il valore aggiunto è sicuramente la modalità Game Space che si avvia dalla tenda delle notifiche (perché non farne un'icona fra le app?). All'interno potrete regolare vari settaggi utili a spingere al massimo le prestazioni dei singoli giochi ma il meglio arriva una volta che il gioco è avviato: potrete configurare i trigger touch, attivare una registrazione a posteriori (che salva una clip degli ultimi secondi appena giocati), oppure programmare delle macro o attivare la modalità di alimentazione diretta che alimenta lo smartphone senza ricaricarlo se collegato all'alimentatore. Nel complesso il sistema operativo è comunque fluido e non ci sono evidenze di bug importanti.

Autonomia

La batteria non è enorme, visto che si tratta di 4.200 mAh di capacità. Questo perché in questa variante R si è indubbiamente preferito favorire la realizzazione di uno smartphone leggero e sottile, piuttosto che con un autonomia superiore alla media. Con un utilizzo medio-intenso arriverete comunque a fine giornata, ma questo non è vero se stresserete lo smartphone con molti giochi durante la giornata. In ogni caso avrete a disposizione la ricarica rapida a 30W.

Prezzo

RedMagic 6R viene venduto in Europa a 499€, che diventano 599€ per la variante con più RAM e più memoria interna. In ogni caso prezzi giusti per l'hardware, anche se alcuni concorrenti offrono un'esperienza complessiva più coerente. Per questo speriamo in un abbassamento di prezzo con qualche offerta nei prossimi mesi. Sarà in vendita a breve sul sito Redmagic.gg.

Foto

Giudizio Finale

RedMagic 6R

RedMagic 6R è uno smartphone che non c'era. Si tratta di uno smartphone con delle vere attenzioni al gaming (come il sistema di raffreddamento di vari materiali e i trigger touch) ma che comunque mantiene peso, dimensioni e linee di uno smartphone "comune". Sacrifica però un po' le fotocamere e l'audio, motivo per cui lo consigliamo comunque solo a chi davvero ha il gaming mobile in testa.

Sommario

Confezione 7.5

Costruzione ed Ergonomia 7.5

Hardware 8.5

Fotocamera 6

Display 8

Software 7.5

Autonomia 7.5

Prezzo 7.5

Voto finale

RedMagic 6R

Pro

  • Hardware al top
  • Memorie veloci
  • Vere attenzioni ai gamer
  • Più leggero e sottile degli altri

Contro

  • Fotocamere sottotono
  • Audio solo mono
  • Troppe traduzioni approssimative
  • Niente jack audio

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vive nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Se potesse vivrebbe anche in un mondo di Lego e in uno di musica elettronica.
RedMagic 6R

RedMagic 6R

  • Display 6,67" FHD+ / 1080 x 2400 PX
  • Fotocamera 64 MPX ƒ/1.8
  • Frontale 16 MPX ƒ/2.0
  • CPU octa 2.84 GHz
  • RAM 8 GB
  • Memoria Interna 128 GB Espandibile
  • Batteria 4200 mAh
  • Android 11

Commenta