8.3

Recensione OPPO RX17 Pro: non solo un telefono sgargiante (foto e video)

Emanuele Cisotti




Recensione OPPO RX17 Pro

OPPO è arrivata da poco nel nostro mercato ma ha già mostrato di saperci fare e dopo il super top di gamma OPPO Find X sta cercando di riempire anche gli altri spazi del mercato e lo fa in questo finale di 2018 con un RX17 Pro di fascia medio alta con qualche asso nella manica.

LEGGI ANCHE: Recensioni OPPO

7.5

Confezione

All’interno della confezione di OPPO RX17 Pro troverete, oltre allo smartphone, una custodia in silicone azzurra (almeno nella colorazione Radiant Mist), un cavo USB/USB-C, delle buone cuffie USB-C stereo in stile Apple (ovvero che rimangono bene fisse dentro l’orecchio, ma non sono in-ear) e un alimentatore da ben 50W (10V/5A).

8.5

Costruzione ed Ergonomia

OPPO RX17 Pro è realizzato con un profilo metallico opaco e un bellissimo retro in vetro satinato. In mano la sensazione di robustezza e solidità è notevole, rendendo questo RX17 Pro un prodotto “prezioso” al tocco e appagante nell’utilizzo quotidiano. Non è leggerissimo (183 grammi), ma è comunque abbastanza sottile (7,9 millimetri) e nell’utilizzo quotidiano. Sul lato destro troviamo il tasto fisico di accensione e su quello sinistro i due tasti per regolare il volume. Molta bella parte concava sui lati corti, che richiama quanto visto su Find X. Un piccolo dettaglio di design che serve dargli più carattere. Se parliamo di carattere non possiamo non parlare della fantastica colorazione Radiant Mist che sfuma sul retro fra il blu e il viola in base a come riflette la luce. Il frame metallico invece è direttamente verniciato della sfumatura di colore. Purtroppo però non è impermeabile.

8.0

Hardware

Questo OPPO ha l’hardware di un semi-flagship, ovvero abbastanza al top per regalare un’esperienza finale come un top di gamma, ma con alcune assenze per permettere di tenere il prezzo un po’ più basso. Abbiamo un processore Snapdragon 710 octa core da 2,2 GHz, una GPU Adreno 616 e ben 6 GB di RAM LPDDR4. La memoria interna ammonta a 128 GB ed è in tecnologia UFS 2.1. Non è però espandibile, visto che il carrellino estraibile può essere utilizzato solo per utilizzare due nanoSIM. Buona la connettività: LTE fino a 800 Mbps, Wi-Fi ac dual band, Bluetooth 5.0 e NFC. Il connettore USB-C non permette però di essere utilizzato per l’uscita video, mentre invece funziona per la riproduzione musicale, essendo assente il jack audio da 3,5 millimetri. Il sistema di sblocchi è composto da un sblocco con il volto 2D (che funziona bene) e un lettore sotto al display, nella media di quello che si può trovare ora sul mercato, ma niente di rivoluzionario. Spesso lo sblocco con il volto si attiva prima che voi riuscite a sbloccarlo con il dito, facendovi premere a vuoto sul display nel tentativo di attivare il lettore di impronte. Buono l’audio fornito però dal solo speaker inferiore.

SCHEDA: OPPO RX17 Pro

8.5

Fotocamera

La fotocamera di OPPO RX17 Pro è stata una fantastica sorpresa. Non perché OPPO non l’avesse ampiamente anticipato con hashtag pomposi e specifiche al top, ma perché solitamente tutte le aziende (sopratutto quelle non in cima alle vendite) si vantano di risultati fotografici eccellenti poi puntualmente ridimensionati dai fatti. Abbiamo 3 fotocamere: una 12 megapixel ad apertura variabile (ƒ/1.5-2.4) stabilizzata otticamente, una 20 megapixel ƒ/2.0 utilizzata solo per l’effetto sfocatura (che funziona bene, ma non è il migliore in assoluto) e un’ultima fotocamera dalla risoluzione sconosciuta per il calcolo della tridimensionalità del volto grazie ad un emettitore ad infrarossi. Allo stato attuale tutte queste funzionalità sono ancora dormienti in attesa di un aggiornamento. Ma parlando di pura qualità fotografica siamo rimasti positivamente stupiti in ogni condizioni di luce. Con buona luce le immagini sono ben definite, hanno degli ottimi colori e la messa a fuoco è precisa. Con poca luce la fotocamera riesce a catturare molti dettagli, non brucia troppo le altre luci e la modalità notte può venire in soccorso in alcuni casi, anche se in altri abbiamo rilevato foto migliori con la fotocamera in automatico.

Seguici su Instagram

Bene anche i video che sono un po’ tremolanti in 4K ma che in Full HD godono anche della stabilizzazione elettronica che (anche in un giro offroad a tutta velocità su una Lambroghini Urus il risultato era ancora ampiamente accettabile. E infine bene anche la fotocamera frontale da 25 megapixel ƒ/2.0, rendendo l’intero pacchetto molto completo. In termini di funzionalità software non ci sono molte sorprese, se non la possibilità di utilizzare l’intelligenza artificiale per riconoscere le scene e una funzionalità di maschere AR e emoji animate con il volto. Escludendo eventuali ex-top degli scorsi anni, questo OPPO RX17 Pro è indubbiamente l’unico camera phone di fascia media disponibile sul mercato.

SAMPLE: Foto – Video

8.5

Display

OPPO RX17 Pro ha un display da 6,4 pollici AMOLED con risoluzione FullHD+ (1080 x 2340 pixel) in formato 19:9. Si tratta di un ottimo pannello che, benché non offra molte regolazioni, garantisce una piacevolezza di utilizzo al top senza dover appunto cercare ulteriori modifiche tramite le impostazioni. La luminosità è ottima, così come gli angoli di visione e la definizione dell’immagine. Peccato che la tecnologia non sia stata sfruttata per garantire a questo smartphone una vera modalità always on.

7.5

Software

Questo smartphone di OPPO viene commercializzato in Italia aggiornato ad Android 8.1 con la patch di ottobre. L’intero sistema è pesantemente personalizzato con l’interfaccia ColorOS 5.2 di OPPO. Come sempre la personalizzazione può avere i suoi pro ed i suoi contro, ma generalmente permette allo smartphone di avere una sua identità e contraddistinguersi dalla massa di smartphone Android. Il software ColorOS non prevede un drawer delle applicazioni e tutte le icone sono sulle schermate home, con all’estrema sinistra un riepilogo rapido come alcune funzioni veloci, il meteo, il calendario e altri widget. Tra le funzionalità troviamo la modalità ad una mano (attivabile però solo dalle notifiche), la possibilità di avviare l’assistente vocale premendo brevemente il tasto di accensione, un menù laterale per aprire in sovrimpressione alcune app di messaggistica e la possibilità di clonare alcune app. Ci sono poi ancora delle gesture per attivare alcune funzioni rapide, la modalità non disturbare, lo spazio gioco e il menù sicurezza. C’è una noia però che non riusciamo proprio a giustificare: le notifiche appaiono solo nel blocco schermo e come contatore sulle icone delle app. Non si vedono quindi come icona nella barra di notifica, a meno di non trascinarla verso il basso: una caratteristica presa in prestito da iPhone, ma che qui trova poco senso visto il notch molto ridotto.

8.0

Autonomia

La batteria da 3700 mAh garantisce un’ottima autonomia che permette di arrivare a fine giornata anche nei giorni più intensi (sì anche quelli in cui passi la giornata a fotografare e riprendere Lamborghini). In più abbiamo il pieno supporto alla ricarica super rapida SuperVOOC che garantisce di caricare il 40% dello smartphone in soli 10 minuti. Fantastico. Manca invece la ricarica rapida.

7.0

Prezzo

OPPO RX17 Pro ha un prezzo di lancio di 599€. Se si guarda la CPU potrebbe sembrare tanto, ma se guardiamo l’intero sistema (che abbiamo definito semi-flagship) è in realtà un buon prezzo, per un dispositivo che ha molte caratteristiche di un top di gamma ad un prezzo inferiore.

Tutte le offerte su OPPO RX17 Pro

Foto

Giudizio Finale

OPPO RX17 Pro

8.3

OPPO RX17 Pro

OPPO RX17 Pro è uno smartphone sorprendente nel design, nel suo colore Radiant Mist e nella fotocamera. È un pacchetto completo interessante che in tutta onestà ci ha stupito. Il software non è per i puristi Android però: più adatto invece per chi viene da iOS.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Buon hardware
  • Buon design e ottima costruzione
  • Ottimo comparto fotografico
  • Schermo ampio e luminoso
Contro
  • Il software non è per tutti
  • Memoria non espandibile
  • Niente jack audio
  • Lettore di impronte non veloce come quelli "classici"