8.4

OPPO Reno, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione OPPO Reno

OPPO è un’azienda che nel nostro paese ha già iniziato a spingere sull’acceleratore, sfruttando le sue molte capacità di colosso asiatico della telefonia mobile e avendo quindi le spalle molto larghe. Questo OPPO Reno è la variante più “compatta” del top di gamma OPPO Reno 10x Zoom che arriverà a giugno. Si tratta quindi di uno smartphone di fascia media, ma con delle carte molto interessanti da giocarsi.

LEGGI ANCHE: Recensioni OPPO

8.0

Confezione

La confezione allungata di OPPO Reno contiene all’interno un cavo USB/USB-C, un alimentatore VOOC 5V/4A, un paio di discrete cuffie stereo classiche (quindi non in-ear) e una cover rigida semi-trasparente nera.

8.5

Costruzione ed Ergonomia

OPPO Reno è uno smartphone non propriamente compatto. Il suo spessore di 9 millimetri e il suo peso di 185 grammi in mano lo rendono un prodotto importante e non sempre semplicissimo da utilizzare con una mano. La qualità costruttiva di questo prodotto dall’altra parte è eccellente: più di quello che abbiamo trovato su prodotti top di gamma venduti anche al doppio del prezzo. La finitura posteriore del vetro è opaca e questo gli permette di non trattenere nessuna impronte digitale. L’azienda è stata poi brava a sfruttare lo spessore aggiuntivo per integrare le fotocamere all’interno della scocca, eliminando le sporgenze. Ne ha però inserita comunque una, molto piccola, per proteggere il vetro delle fotoacamere quando poggiate lo smartphone su di un piano: è una piccola semi sfera di ceramica, elegante e che dimostra la grande attenzione al design dell’azienda cinese. Ad ulteriore conferma anche la scanalatura che corre lungo tutto il profilo per migliorare la presa. È uno smartphone di un’eleganza e una personalità, ormai rara nel mondo degli smartphone. Peccato solo che la fotocamera a scomparsa, bellissima sotto ogni aspetto, non permetta allo smartphone di essere impermeabile.

8.5

Hardware

OPPO Reno è un ottimo smartphone di fascia media dal punto di vista dell’hardware. Abbiamo un processore Snapdragon 710 octa core da 2,2 GHz, con GPU Adreno 616, 6 GB di RAM LPDDR4 e ben 256 GB di memoria interna purtroppo non espandibili. La memoria è però di tipo UFS 2.0 e quindi molto veloce. Molto buona la connettività: LTE fino a 600 Mbps, Wi-Fi ac a doppia banda, Bluetooth 5.0 e chip NFC. Discreto il lettore di impronte digitali sotto al display, che è al pari della concorrenza e che ancora non può raggiungere precisione e velocità dei lettori di impronte classici. Presente il supporto dual SIM, mentre è invece assente il led di notifica. Buono lo speaker mono posizionato nella parte inferiore dello smartphone, dove (per fortuna) trova spazio anche un jack audio da 3,5 millimetri.

SCHEDA: OPPO Reno

8.0

Fotocamera

OPPO Reno è dotato di una doppia fotocamera. La principale è una 48 megapixel ƒ/1.7 che scatta immagini a 12 megapixel interpolando quattro pixel in uno per raccogliere più dati. La seconda fotocamera è una 12 megapixel ƒ/2.4 che viene sfruttata per la sfocatura dei contorni ed effettivamente l’aiuto fornito è valido vista la qualità della foto con effetto bokeh. Peccato però che non ci siano altre fotocamere per focali diverse, per poter realizzare foto grandangolari o zoom, ormai presenti su quasi ogni smartphone in circolazione (almeno dalla fascia media in su). La qualità delle foto con buona luce è notevole e l’HDR (attivabile anche in automatico) fa bene il suo lavoro. Il bilanciamento dei colori è buono e non vi troverete davanti ad immagini troppo “false”. Interessante la possibilità di attivare una “modalità abbagliante” che in sostanza rende l’immagine più “carica” di colori e più appariscente, ma meno realistica. L’effetto non è comunque troppo esagerato ed è sempre piacevole avere questo tipo di controllo. Fra le altre modalità troviamo quella manuale, lo slow motion ed i timelapse. Le foto al buio sono discrete, ma non perfette: la modalità notte però aiuta. Prendendosi qualche istante in più avrete a che fare con una immagine dalle luci meno bruciate e maggiori dettagli.

I video si possono registrare fino alla risoluzione del 4K (a 30fps) e hanno veramente una buona qualità. Peccato per l’assenza di stabilizzazione che fa sì che il risultato finale sia sempre un po’ più tremolante del desiderato. Non male affatto la fotocamera frontale da 16 megapixel ƒ/2.0 e che appare grazie ad un grazioso sistema meccanico. Le foto hanno un buon dettaglio e la messa a fuoco è buona. Peccato solo che pulendo con le dita l’obiettivo dalla polvere si finisce per sporcare il sensore. Fate quindi attenzione a pulirlo spesso con un panno.

9.0

Display

Lo smartphone può vantarsi di avere un enorme display da 6,4 pollici in tecnologia OLED e risoluzione FullHD+. Il formato è il classico 18:9, non interrotto però da nessun notch o nessun foro. Questo è stato possibile nascondendo la capsula auricolare sul bordo, inserendo la fotocamera frontale in un meccanismo meccanico a scomparsa e spostando il sensore di luminosità sotto al display. Lo schermo è sicuramente molto spettacolare e il bilanciamento dei colori rende giustizia al prodotto, così come anche la luminosità massima e la regolazione automatica, che fa praticamente sempre il suo dovere. Presente anche una funzione di always-on display, che però non mostra le notifiche delle app di terze parti (ovvero quelle scaricate dal Play Store). Lo smartphone offre una ottima pellicola protettiva preinstallata sul display.

7.5

Software

È stata oggettivamente una bella scoperta trovare la nuova ColorOS 6.0 su OPPO Reno. La prima cosa che abbiamo voluto verificare è la presenza delle notifiche nella barra delle notifiche (ironico, no?): finalmente questa funzione è stata aggiunta a dimostrazione di come OPPO abbia deciso di ascoltare le critiche del pubblico e della stampa. Nel complesso l’intero sistema è molto più vicino al nostro ideale di un buon software, seppur ancora si possano fare dei miglioramenti. Sopratutto dal punto di vista della coerenza, visto che non abbiamo trovato un filo conduttore fra varie scelte grafiche e funzionali del sistema, ma piuttosto varie idee proposte insieme senza molta coesione. Nel complesso è un difetto minore, ma visto che OPPO sembra ascoltarci, perché non chiedere?

Il sistema è molto veloce e fra le funzionalità più interessanti troviamo la modalità gaming (chiamata spazio gioco), il gestore del telefono per la sicurezza, una modalità di guida (che riduce le distrazioni), Google Assistant sulla pressione del tasto di accensione, le gesutre di navigazione e una barra laterale che vi darà sempre accesso a dei comandi rapidi. Non molti, ma può tornare utile. Il sistema è basato su Android 9.0 e ci sono le patch di marzo 2019 al momento della recensione. Speriamo che in futuro l’azienda punti di più sugli aggiornamenti: direttamente interpellati da noi OPPO ha garantito aggiornamenti più frequenti (a scapito magari della tempestività) con patch di sicurezza quindi aggiornate con maggiore attenzione.

8.0

Autonomia

La batteria di questo OPPO Reno è “solo” una 3765 mAh. Potreste infatti che pensare che non siano poi così tanti per uno smartphone grande e pesante come questo. In realtà la scelta è stata probabilmente fatta a causa dello spazio occupato dalla fotocamera motorizzata, ma non spaventatevi. Abbiamo avuto risultati eccezionali per quanto riguarda l’autonomia e non abbiamo praticamente mai avuto problemi in tal senso, arrivando sempre a fine giornata con ancora della batteria “avanzata”, anche se mai abbastanza per un secondo giorno. Presente la ricarica rapida VOOC, ma non la ricarica wireless.

7.0

Prezzo

OPPO Reno ha un prezzo da medio gamma con spunti da vero top: 499€. Si tratta di un prezzo allineato e corretto per il prodotto, anche se lo posiziona in una fascia da sempre molto difficile e piena di concorrenti. Il prezzo è giusto, ma per favorire le vendite qualche offerta non guasterebbe.

Benchmark

Foto

Giudizio Finale

OPPO Reno

8.4

OPPO Reno

OPPO Reno è uno smartphone di fascia media sopra le righe. Come un po' gli altri prodotti dell'azienda cinese si distingue dalla massa e cerca di dare una visione un po' diversa. In più il software è stato aggiornato e seppur non perfetto, è più vicino a quello che avremmo sempre voluto.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Ottima qualità costruttiva
  • Ingegnoso meccanismo della fotocamera
  • Software rinnovato
  • Hardware completo
Contro
  • Il software è ancora migliorabile
  • Un po' pesante
  • La fotocamera si riempie di polvere
  • Memoria non espandibile