8.4

Recensione OPPO Find X2 Pro: qualità da vendere (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione OPPO Find X2 Pro

OPPO ci ha fatto attendere un anno e mezzo per il successore del suo OPPO Find X. Finalmente però Find X2 Pro è arrivato ed è quasi pronto a sbarcare sul nostro mercato. Scopriamo cosa è cambiato e cosa c’è di nuovo in questo nuovo top di gamma OPPO.

LEGGI ANCHE: Recensioni OPPO

8.0

Confezione

Dentro alla confezione di blu di questo Find X2 Pro (su cui capeggiano anche taglio di memoria e logo 5G) troviamo un cavo USB/USB-C e l’alimentatore SuperVOOC 2.0 da ben 65W. È più grande e pesante della media ma se lo confrontate agli alimentatori dei notebook (a volte meno potenti) non è poi così drammatica come cosa. Abbiamo poi anche un paio di buone cuffie in-ear con cavo USB-C e una gradita cover in silicone.

9.0

Costruzione ed Ergonomia

OPPO Find X2 Pro è un prodotto che prima di tutto si vuole distinguere proprio per la sua qualità costruttiva. La versione da noi provata è quella realizzata in ceramica con una texture zigrinata sul retro che gli conferisce un’unicità in un mondo di smartphone estremamente simili. E anche il fatto di non aver disposto le fotocamere a quadrato o rettangolo è sicuramente un pregio. Per il resto lo smartphone mantiene la sua forma stondata con i bordi più corti di forma convessa. In mano trasmette istantaneamente la sua qualità anche grazie al suo peso non trascurabile di 207 grammi. È uno smartphone importante come dimensione, come ormai ogni top di gamma in circolazione. Rispetto al passato però OPPO Find X2 Pro è anche resistente ad acqua e polvere secondo lo standard IP68, sicuramente una cosa non da poco, anche frutto dell’abbandono dell’iconico modulo mobile per la fotocamera frontale. Una critica al modulo della fotocamera molto sporgente e che fa “ballare” il telefono se poggiato su di un piano.



9.0

Hardware

OPPO Find X2 Pro è dotato ovviamente di un hardware davvero da top di gamma. Abbiamo, per la prima volta al nostro test, il nuovissimo processore Snapdragon 865 (che equipaggia anche gli S20, ma solo negli USA). Si tratta di un SoC octa core da 2,84 GHz con GPU Adreno 650 e ben 12 GB di RAM LPDDR5 a supporto. Abbiamo anche 512 GB di memoria interna UFS 3.0 non espandibili. Poco male. Peccato invece per l’assenza di supporto al dual SIM (neanche eSIM). Ottima la connettività: 5G (solo Sub6) e LTE da 2 Gbps, Wi-Fi 6, Bluetooth 5.1 e ovviamente anche il chip NFC. Per quanto riguarda gli sblocchi perdiamo purtroppo lo sblocco 3D del volto, ma abbiamo comunque un buon lettore di impronte digitali ottico sotto al display, che si è rivelato fra i più veloci e precisi di questa categoria. Presente anche lo sblocco con il volto 2D che funziona in modo egregio, ma ovviamente non offre lo stesso livello di sicurezza di quello 3D. Molto bene l’audio stereo fornito dallo speaker inferiore e la capsula auricolare in alto. Ottimo il sistema di feedback aptico garantito dal motorino della vibrazione.

SCHEDA: OPPO Find X2 Pro

8.0

Fotocamera

OPPO per questo Find X2 Pro ha fatto una scelta che abbiamo apprezzato moltissimo, ovvero non esagerare con il numero di fotocamere, ma spingere tutto sulla qualità e le funzionalità delle stesse. Il sensore principale è il 48 megapixel ƒ/1.7 stabilizzato otticamente, supportato da un altro sensore da 48 megapixel ƒ/2.0 grandangolare e un 13 megapixel ƒ/3.0 zoom 5x. La fotocamera principale è la nuovissima Sony IMX689 che realizza oggettivamente degli scatti veramente notevoli in praticamente ogni condizione di luce. È una fotocamera di qualità, che garantisce alto dettaglio, buona messa a fuoco e sopratutto un eccellente bilanciamento del bianco. L’intelligenza artificiale si attiva in automatico ma non è troppo invasiva e non crea mai colori troppo falsati. Molto bene anche la fotocamera grandangolare. Finalmente abbiamo un sensore grandangolare capace di portare un po’ di dettaglio in più. Ci è piaciuto molto infine anche lo zoom 5x, anche se superata questa soglia si può notare un cambio di colore un po’ più marcato. Le immagini sono leggermente più spente e un po’ più scure. Bene però quello che si può fare a valori intermedi fino al 5x. È poi possibile scattare foto a 48 megapixel o scatti macro usando la grandangolare. Il risultato di questi ultimi però non ci ha colpito particolarmente. La fotocamera soffre poi un po’ di altre dell’effetto flare dovuto alla luce che filtra nel sensore.

Ci sono tante opzioni per i video: si parte dal 4K a 60fps, molto bello, ma molto poco stabilizzato, passando per due livelli di stabilizzazione in Full HD: Ultra e Ultra Pro. La prima è in sostanza quella ci aspetteremmo da un top di gamma per questa risoluzione, mentre la variante Pro accentua ancora di più la stabilizzazione perdendo un po’ di qualità, ma senza rendere comunque il tutto inutilizzabile. Anzi. C’è poi anche un’opzione per i video in modalità HDR, ma soffrono un po’ di lentezza di messa a fuoco. Infine la fotocamera frontale è una 32 megapixel ƒ/2.4 capace di scattare veramente ottimi selfie, ben bilanciati nel colore e con un ottimo dettaglio. Meno convincenti i video, solo Full HD e poco stabilizzati.

10.0

Display

Di qualità veramente eccelsa il pannello AMOLED da 6,7 pollici utilizzato su OPPO Find X2 Pro. Lo schermo ha una risoluzione altissima: QHD+ (1440 x 3168 pixel) e può funzionare a questa risoluzione anche con un refresh rate di 120 Hz. Questo garantisce un’ottima fluidità visiva ed è un vero piacere per gli occhi, come abbiamo detto più volte. Di base il software è pensato per variare la velocità di refresh in base al tipo di app e di utilizzo che facciamo, sfruttando l’AI in base a come utilizziamo lo smartphone. Nel nostro test ci è sembrato un ottimo compromesso: non abbiamo mai notato fluidità inferiori, ma la batteria viene preservata. Tra le molte impostazioni troviamo l’Ultra Vision, per aumentare la fluidità di contenuto a 30 o 60 fps, 3 impostazioni di colore e un buon always-on display che mostra le icone delle notifiche di tutte le applicazioni. Finalmente. Dal punto di vista tecnologico abbiamo anche una sensibilità al tocco di 240 Hz e la protezione Gorilla Glass 6 sul vetro frontale.

8.5

Software

In passato siamo sempre stati onesti sul fatto che la ColorOS fosse un po’ il punto debole di molti smartphone OPPO, quasi infallibili sotto gli altri aspetti. Con OPPO Find X ci eravamo trovati davanti una ColorOS 5.1 che non rendeva giustizia allo smartphone ottimo che era. Abbiamo però speso ottime parole per la ColorOS 6 e per gli ottimi passi in avanti fatti. E così faremo anche per la ColorOS 7.1 che è forse la più grande innovazione all’interno di questo smartphone. Non è l’unica azienda che ha raccontato di uno stravolgimento software di recente, ma è quella che lo ho fatto in modo più concreto. E il software è la “cosa” con cui si “scontriamo” ogni giorno quando usiamo uno smartphone.

La ColorOS 7.1 è un software che ha pochissimo in comune rispetto alla personalizzazione di 2 generazioni fa. L’interfaccia è stata ripensata, è meno fumettosa, ma non per questo meno ricca di funzionalità. Anzi. C’è un nuovo livello di personalizzazione grazie ad un menù per modificare in vari modi le icone e gli effetti di luce che si attivano sul bordo dello schermo alla ricezione di una notifica. Abbiamo poi la modalità scura (che si attiva anche in automatico in base all’orario), la possibilità di utilizzare il trascinamento verso il basso per aprire la tenda delle notifiche e la barra laterale dove posizionare le vostre app preferite. Per chiudere: abbiamo anche la funzionalità per clonare le app, lo spazio gioco e adesso anche una funzione di multi-utente. Plauso a OPPO per aver poi creato un’app Relax, molto apprezzata da chi vi scrive. Vi permette di fare esercizi di respirazione, mettere musica per aiutare la concentrazione o suoni della natura per rilassarsi.

Abbiamo davanti non solo un software più bello, ma anche più maturo e più piacevole da utilizzare. Brava OPPO ad avere davvero ascoltato gli utenti e le loro richieste.

8.0

Autonomia

OPPO ha avuto la buona idea di introdurre sì i 120 Hz sul display (tra l’altro a risoluzione QHD+) ma anche di lasciare che questa funzionalità fosse gestita autonomamente dall’AI. Questo ha fatto sì che l’autonomia non ne risentisse. Certo, la batteria non è enorme, visto che parliamo di 4.260 mAh, eppure questo Find X2 è tranquillamente uno smartphone che arriva a sera anche con un utilizzo intenso. E il lavoro fatto dall’AI si vede. Impostando lo schermo a 120 Hz fissi diventa decisamente più difficile raggiungere il traguardo dell’intera giornata lavorativa. Ma se scegliere quest’ultima opzione potrete comunque contare sulla ricarica super-rapida Super VOOC 2.0 che carica il vostro smartphone (a schermo spento) in soli 38 minuti grazie ai 65W di potenza. Più di quanto viene erogato da alcuni alimentatori per notebook. Peccato per l’assenza di ricarica wireless.

6.5

Prezzo

OPPO Find X2 Pro arriverà sul mercato ad un prezzo di 1199€. Il prezzo è in linea con le caratteristiche da vero top di gamma, giustificato anche dalla presenza di connettività 5G, ricarica a 65W e materiali di pregio. Se OPPO possa permettersi di fare un prezzo simile è una domanda che ci poniamo dall’arrivo in Italia. Di sicuro però la sostanza e la qualità non mancano. Più che il prezzo è però l’arrivo l’8 maggio sul mercato italiano a complicare le cose. Quanto passano veloci 2 mesi? OPPO ci fa sapere che questo è dovuto all’alta complessità del prodotto che richiede lunghi tempi di realizzazione. In omaggio con ogni acquisto le cuffie true wireless ENCO FREE. Lo smartphone è disponibile per l’acquisto su Amazon.

Foto

Giudizio Finale

OPPO Find X2 Pro

8.4

OPPO Find X2 Pro

OPPO Find X2 Pro è un passo in avanti più grande di quanto avremmo immaginato. Sì, le fotocamere sono migliorate, così come anche la qualità costruttiva, l'hardware ed il display. Sopratutto quest'ultimo ora a 120 Hz è veramente ottimo. Ma è la ColorOS rinnovata il più grande balzo in avanti di questo smartphone. Il prezzo rimane molto alto, ma è alla fascia premium che OPPO sta puntando.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Schermo fantastico
  • Ottima qualità costruttiva
  • Impermeabile
  • Software nettamente migliorato
Contro
  • Solo una SIM
  • Registrazione video migliorabile
  • Prezzo importante
  • Niente ricarica wireless

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina AndroidWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.