8.8

OnePlus 6, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione OnePlus 6

Sono passati esattamente sei mesi da OnePlus 5T e l’azienda cinese ha già pronto per voi il suo nuovo top di gamma che, senza sorprese, si chiama OnePlus 6. Scopriamo quali passi in avanti ha fatto l’azienda in questa prima metà del 2018.

LEGGI ANCHE: Recensioni OnePlus

7.5

Confezione

Nessuna sorpresa nella confezione di OnePlus 6. Abbiamo un alimentatore DashCharge 5V/4.5A per la ricarica super rapida, un cavo USB/USB-C e una custodia in silicone trasparente. Non sarà ricercata come le altre originali acquistabili sul sito, ma è sicuramente una gradita aggiunta per tutti quelli che vogliono proteggere lo smartphone sin dal primo momento.

8.5

Costruzione ed Ergonomia

OnePlus 6 mantiene proporzioni e dimensioni molto simili rispetto al suo predecessore. Mantenuto il design della Horizon Line del profilo che adesso però è il punto di partenza per il nuovo retro in vetro (per la prima volta in un top di gamma OnePlus). La versione da noi provata è quella in vetro lucido effetto ceramica, ma quest’anno troverete anche altre due varianti opache (effetto metallo). In mano lo smartphone trasmette una fantastica sensazione di qualità, ancor più degli scorsi anni. La qualità costruttiva è eccellente e tutto vi convincerà di avere un vero top di gamma in mano. L’unico lato negativo è la scivolosità. Non è uno smartphone compatto e in mano risulta leggermente scivoloso, un po’ più anche di 5T. Il fantastico slider fisico per la suoneria è ancora presente ed è ora posizionato sul lato destro.

Quest’anno l’azienda si sbilancia poi nell’affermare che OnePlus 6 è resistente all’acqua (ma non impermeabile). Non vi è alcuna certificazione ufficiale, con la motivazione che tanto nessuna azienda copre i danni da liquido (e quindi neanche OnePlus). Allo stesso tempo se una certificazione IP vi da un minimo di tranquillità, sareste altrettanto tranquilli ad usarlo sotto la pioggia con un generico “resistente all’acqua”?

9.0

Hardware

Nuovo anno, nuovo processore. Adesso OnePlus 6 basa la sua piattaforma sullo Snapdragon 845 octa core da 2,8 GHz e GPU Adreno 630. La RAM ammonta a 6 o 8 GB (in tecnologia LPDDR4X) e la memoria interna è disponibile nei tagli da 64, 128, e 256, sempre nella velocissima tecnologia UFS 2.1. Ottima la connettività: Wi-Fi ac dual band, Bluetooth 5.0, LTE Gigabit ed NFC. Lo smartphone è poi dual SIM, ma nel carrellino (come al solito) non c’è uno slot per espandere la memoria. Quello che vi aspettereste è ancora presente: velocissimo lettore di impronte digitali sul retro, led di notifica e anche il jack audio. Peccato che la porta USB-C sia ancora 2.0. Un aggiornamento che in molti ancora stentano a fare. Ancora mono e ancora sopra la media lo speaker posizionato nella parte bassa del telefono.

SCHEDA: OnePlus 6 – OnePlus 6 (8 GB)

8.5

Fotocamera

OnePlus aveva già chiarito in passato che benché nessuno voglia tralasciare il comparto fotografico, non sarebbe stato questo il fulcro di OnePlus 6. L’incremento però c’è stato. La fotocamera principale da 16 megapixel ora è dotata di stabilizzazione ottica e ha pixel più grandi (il che significa catturare più luce). Fa un po’ sorridere la seconda fotocamera da ben 20 megapixel, che se in precedenza serviva per gli scatti notturni e che ora in tale ottica è stata surclassata dalla fotocamera principale. In pratica quindi serve solo per le foto in modalità ritratto, che vengono scontornate con precisione e sono molto godibili. Saltiamo di proposito l’analisi sugli inutili nuovi effetti della modalità Bokeh.

Parlando di pura qualità delle foto c’è stato un salto in avanti che dimostra le ottime scelte fatte su questo nuovo sensore. Le foto sono sempre estremamente godibili e l’HDR automatico fa ottimamente il suo lavoro. Anche al buio si nota un passo in avanti notevole, che lo avvicina ai migliori smartphone del momento, pur senza riuscire a scalzare i “grandi nomi”. Bene anche nei video dove la presenza di uno stabilizzatore ottico si vede anche in 4K a 60fps. Scendendo al 4K (o al Full HD) 30fps si vede entrare in gioco la stabilizzazione elettronica che davvero smussa ogni vibrazione involontaria. Un compromesso accettabile (uguale a Galaxy S9 Plus, per capirsi). Abbiamo anche un nuovo slow motion “super” che però si ferma a 480fps a 720p o a 240fps in Full HD. Il risultato è molto fluido e godibile. Bene anche la fotocamera frontale da 16 megapixel ƒ/2.0 che è l’unico comparto in cui sentiamo parlare di intelligenza artificiale, riferendosi alla funzionalità di scontornamento dello sfondo.

SAMPLE: Foto – Video

9.0

Display

OnePlus 6 si adegua alla moda del momento introducendo anche nel display di OnePlus 6 un notch che spezza la barra delle notifiche in due. Lo schermo da 6,28 pollici copre quindi una grandissima parte della superficie frontale ed ha una risoluzione di 2280 x 1080 pixel (ovvero Full HD+). La tecnologia è Optic AMOLED e la luminosità ed il contrasto è sempre eccellente. La regolazione automatica della stessa funziona bene. Abbiamo poi il display ambient per le notifiche a telefono bloccato e la possibilità di cambiare il profilo colore, scegliendo anche fra sRGB, DCI-P3 o personalizzato. Fantastica la modalità lettura (perché nessuno l’ha ancora implementata allo stesso modo?) che rende lo schermo in bianco e nero e disponibili le gesture a schermo spento.

9.0

Software

La OxygenOS è sicuramente una delle personalizzazioni software più apprezzate dal pubblico di appassionati. Il motivo è semplice: il suo punto forte è la velocità, estrema in molte situazioni, e con implementazioni aggiuntive che si integrano perfettamente con Android Stock (qui alla versione 8.1 Oreo). Fra queste segnaliamo la possibilità di fare screenshot estesi, lo sblocco facciale (che è fulmineo anche con poca luce, ma odia i miei occhiali da sole), la possibilità di nascondere il notch via software e OnePlus Switch per importare i contenuti dal telefono precedente. Implementate anche su questo OnePlus 6 le gesutre per navigare nascondendo del tutto la barra di navigazione e una nuova modalità di gioco che è stata studiata e ottimizzata per la maggior parte dei giochi più popolari sul Play Store.

Inutile insistere sulla velocità di questa interfaccia e sulla cura di alcuni dettagli, molto apprezzati dai possessori di OnePlus. Sempre presente la possibilità di duplicare alcune app social/chat e Shelf per avere widget e informazioni rapida all’estrema sinistra della home.

7.5

Autonomia

La batteria di OnePlus 6 è una 3300 mAh. Anche quest’anno abbiamo a disposizione la tecnologia DashCharge che permette non solo di caricare lo smartphone rapidamente ma anche di “affaticarsi” al suo posto durante questo processo. L’autonomia ci ha sempre permesso di arrivare a fine giornata e quindi anche quest’anno (o questo “mezzo anno”) OnePlus è riuscita a portarsi a casa un’autonomia decisamente buona considerando la dimensione della batteria. Non siamo però più riusciti ad ottenere i risultati ampiamente sopra la media di OnePlus 5T, nonostante il nuovo processore meno energivoro. Chissà che non possa migliorare ancora con qualche aggiornamento. Non è presente la ricarica wireless.

8.0

Prezzo

OnePlus 6 costa 519€ nella sua versione 6/64, che diventano 569€ per la variante 8/128 e 619€ per quella 8/256. L’aumento di 20€ è così contenuto da rendere imbarazzanti gli aumenti fino a 100€ di altre aziende. È però anche vero che più il prezzo sale e più il divario tra il prezzo di questo smartphone (che subisce solitamente pochi ribassi, nel bene e nel male) e quello della concorrenza, dopo qualche mese di sconti online, si abbassa sempre più.

Acquisto

OnePlus 6 è disponibile da quest’anno non più solo sul sito ufficiale, ma anche su Amazon, che per molti è sinonimo di assistenza fulminea e sporadici ribassi (chissà!).

Confronti

Lista di tutti i confronti fatti fra OnePlus 6 e altri smartphone:

Foto

Giudizio Finale

OnePlus 6

8.8

OnePlus 6

OnePlus 6 è un miglioramento incrementale del precedente modello. Non c'è una funzionalità o specifica nuova su cui verte il marketing di questo prodotto. Questo perché OnePlus 6 è uno smartphone concreto, con tutto al suo posto e tutto ben fatto, partendo dal software, passando per il display e l'hardware. Fa bene anche la fotocamera, nonostante OnePlus non abbia speso molte parole a riguardo.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Bel design e ben costruito
  • Ottimo hardware
  • Ottimo software
  • Schermo ampio e luminoso
Contro
  • Memoria non espandibile
  • Type-C senza uscita video
  • Autonomia inferiore a OnePlus 5Tt
  • Impermeabile ma senza certificazione