7.9

Nextbit Robin, la recensione (foto e video)

nextbit robinvideo Emanuele Cisotti -




Recensione Nextbit Robin

Sarà il design moderno e giovanile o forse la tecnologia cloud che sta dietro a questo progetto, ma Nextbit Robin ha da subito attirato su di sé una grandissima attenzione, la nostra compresa. Ci siamo quindi fiondati su questo Robin con una profonda curiosità, essendo questo prodotto sicuramente un outsider in un panorama smartphone abbastanza statico.

7.5

Confezione

Nextbit Robin - 9

La confezione di Nextbit Robin inquadra istantaneamente il prodotto. È stretta e lunga, come una scatola di cioccolatini e al suo interno, dietro a qualche pagina di istruzioni rapide c’è il telefono, il cavo USB-USB Type-C piatto e il pin per levare la SIM. Per non rovinare quest’armonia l’alimentatore a ricarica rapida (12V/1.5A) è in una confezione separata. Tutto è intonato al colore dello smartphone.

8.5

Costruzione ed Ergonomia

Nexbit Robin foto - 13

Nextbit Robin è interamente realizzato in plastica, con le bande alle estremità corte di colorazioni diverse. Lo smartphone è costruito in maniera estremamente solida e in mano trasferisce una buona sensazione di qualità, oltre all’indubbio pregio di non trattenere le impronte. Il design è il più simmetrico possibile e le forme estremamente squadrate, rendendo questo Robin estremamente diverso da quasi tutto quello che si era visto sino ad oggi. Il tasto di accensione (che contiene anche il lettore di impronte digitali) è piatto e si trova sul lato destro. Nonostante la forma si preme con buona semplicità. Ben comodi i due piccoli tasti stondati per il volume. Si premono bene nell’uso quotidiano, meno quando siamo in chiamata e abbiamo il telefono all’orecchio.

In termini di design belli gli speaker frontali centrati e il led di notifica sulla parte inferiore (anche se ne risente in questo caso la visibilità). Nonostante poi le forme squadrate lo smartphone si tiene sorprendentemente bene in mano. A sorpresa peggiora invece il grip (a causa sopratutto delle dimensioni superiori) utilizzando il Bump Case ufficiale (da comprare a parte). Comunque anch’esso un bellissimo accessorio).

8.0

Hardware

Nexbit Robin foto - 9

Nextbit ha scelto per questo suo smartphone una scelta bilanciata: un processore Snapdragon 808 esa-core da 1,8 GHz con Adreno 418. A supporto troviamo 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna. Questa memoria non è espandibile tramite microSD, ma abbiamo 100 GB di cloud gratuito (a vita) che espandono come una memoria virtuale la memoria del telefono. La connettività è LTE a 300 Mbps (supporta tutte le bande), Wi-Fi ac e Bluetooth 4.0 (supporta LE). Presente anche l’NFC e come già detto sul tasto di accensione c’è un lettore di impronte digitali (molto preciso).

Veramente notevoli le casse frontali stereo che forniscono un suono appagante in quasi ogni situazione e un volume decisamente superiore alla media. Solo con certi brani e al massimo volume si può notare un minimo di distorsione. Il connettore sulla parte inferiore è di tipo USB Type-C.

SCHEDA: Nextbit Robin

7.0

Fotocamera

2016-03-04 11.19.05

La fotocamera principale è una 13 megapixel f/2.2, mentre la frontale è una 5 megapixel. La camera principale trova a supporto due led flash di diversa tonalità. La qualità delle foto di entrambe le fotocamere è ampiamente dentro le nostre aspettative per uno smartphone ti questo tipo. Abbiamo un sufficiente numero di dettagli, un buon funzionamento dell’HDR (da attivare a mano) e dei colori ben bilanciati. Solo l’esposizione a volte è imperfetta con aree leggermente bruciate. Con poca luce l’immagine inizia a perdere dettaglio e ad impastare, rimanendo comunque godibile. Stesse considerazioni anche per i video a 1080p.

Il vero tallone d’Achille della fotocamera è la velocità del software. L’applicazione impiega anche un paio di secondi a scattare dopo che si è premuto il tasto di scatto, tempo che può anche raddoppiare con l’HDR. Troppo.

SAMPLE: Foto – Video

7.5

Display

Nexbit Robin foto - 3

Nextbit ha scelto per il suo Robin un display da 5,2 pollici Full HD (1920 x 1080 pixel) in tecnologia IPS. Il display riesce a accontentare praticamente chiunque con una buona risoluzione, una buona luminosità e una buona regolazione automatica. Inclinando molto lo schermo diventa leggermente azzurro, mentre i colori non del tutto fedeli (e un po’ contrastati) possono essere corretti con una opzione nelle Impostazioni (Mod. Schermo Dynamic) perdendo però un po’ di verve.

8.0

Software

2016-03-04 11.17.482016-03-04 11.17.25

Nextbit ha puntato molto sul suo software. È qui infatti che si svolge buona parte della “magia”. Android è alla versione 6.0 Marshmallow e l’esperienza d’uso è molto simile a quella stock, con alcune importanti differenze. Il drawer c’è ma ci vogliono due tap per raggiungerlo, rendendolo meno appetibile. Sullo stesso tasto è possibile anche vedere quali app sono state bloccate e quali sono archiviate. Il sistema infatti si occupa di fare il backup periodico di foto e app (con tanto di dati) sul cloud dell’azienda. Quando il telefono inizia a riempirsi il vostro Robin si occuperà di archiviare le app meno utilizzate (che diventeranno grige) per far spazio a nuovi contenuti e app in modo del tutto invisibile all’utente. Sarà proprio come avere spazio illimitato (dove con illimitato consideriamo 32 GB + 100 GB). Il sistema funziona a dovere e se non volete che un’app (magari poco utilizzata) venga rimossa potrete appunto bloccarla.

Nextbit Robin animazione cloud

Il sistema di ripristino è estremamente preciso e funzionale e richiede, con una buona rete Wi-Fi o 4G al massimo 1 minuto del vostro tempo. Potrete scegliere voi quando il backup debba essere realizzato ma di default avviene solo in Wi-Fi e sotto carica. Sul retro si avvierà una ipnotica animazione con i quattro led sotto il simbolo di Nextbit. Inutile ma scenico. Al momento però non abbiamo accesso ai dati sul cloud e non è ancora attivo il backup (e l’archiviazione) dei video.

Per il resto il sistema presenta poche sorprese, se non che i widget si possono mettere solo su un livello separato e che quando ci sono dei pop-up lo sfondo andrà in semi-trasparenza.

7.0

Autonomia

La batteria da 2680 mAh vi porterà alla fine della vostra giornata con un utilizzo medio-intenso, anche se nei giorni di maggiore utilizzo vi ci potrebbe volere una seconda ricarica verso l’ora di cena.

7.5

Prezzo

Nextbit Robin è acquistabile sul sito ufficiale dell’azienda a 399$ (circa 365€ al cambio attuale), un prezzo più che buono per un prodotto come questo e che si posiziona in una nuova categoria a sé stante.

Confronti e speciali

Tutti i confronti e gli speciali che riguardano Nextbit Robin:

Benchmark

Foto

Giudizio Finale

Nextbit Robin

7.9

Nextbit Robin

Nextbit Robin è un coraggioso sguardo al futuro e gioca quasi tutto il suo fascino sul design e sul sistema di memoria cloud. Non avendo poi particolari debolezze (se non la fotocamera lenta a scattare) siamo convinti che in molti si faranno tentare da un prodotto che esce dagli schemi, che vi affascinerà e che comunque non vi deluderà.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Design fuori dagli schemi
  • Audio potente
  • Ottimo sistema di backup cloud
  • Bootloader sbloccato
Contro
  • Fotocamera lenta a scattare
  • Lo schermo è solo nella media
  • Memoria non espandibile (tramite microSD)
  • Al momento non avete accesso ai vostri dati sul cloud
Nexbit Robin

Nexbit Robin

confronta modello

Ultime dal forum: