8.6

Meizu MX4 Pro, la recensione (foto e video)

video Emanuele Cisotti -




Recensione Meizu MX4 Pro

A breve distanza dal fratello “minore” Meizu MX4, arriva la versione Pro, che porta con sé dimensioni maggiori, maggiore potenza e un lettore di impronte digitali. Vogliamo subito toccare una questione scottante in modo da non doverne più parlare: la somiglianza con il prodotto Apple. Qualcuno non vuole ammetterne l’esistenza perché minerebbe il loro orgoglio anti-mela, ma negare una cosa simile sarebbe negare l’evidenza, visto che è proprio l’azienda stessa ad ispirarsi ai principi della mela statunitense. Ed è facile capire il perché: Meizu vende principalmente in Cina dove il fascino di Apple è alto, ma dove il prodotto ha meno appeal a causa delle varie restrizioni delle reti cinesi e delle diverse necessità e interessi del pubblico asiatico. Chiudendo questa parentesi con una precisazione: Meizu MX4 Pro non è un clone di iPhone (di personalità ne ha molta!), ma ci sono alcuni punti di contatto evidenti. Niente di “tragico”, ma impossibile far finta che non ci siano.

6.5

Confezione

All’interno della confezione di MX4 Pro troviamo un alimentatore da parete da 2A e un cavo USB-microUSB. Molto gradevole il “libretto” che contiene il telefono. Purtroppo non troviamo cuffie nella confezione.

7.5

Costruzione ed Ergonomia

Recensione Meizu MX4 Pro 4

Meizu MX4 Pro ricalca in modo quasi identico il predecessore MX4, nelle forme, nel design e nelle scelte di assemblaggio. Anche qui la cover posteriore (in plastica) può essere rimossa per inserire la microSIM, ma ancora non è possibile espandere la memoria o sostituire la batteria. La scocca attorno al vetro frontale è in alluminio ed è un vero peccato che anche il resto dello smartphone non lo sia. Il contrasto con la plastica posteriore è netto al tatto e sembra quasi un po’ cheap. Forse questo è il punto più debole dello smartphone, che nel nostro caso aveva anche un microscopico problema di chiusura percepibile al tatto.

Nella versione Pro di questo MX4 ci saremmo aspettati un passo in avanti in tal senso. L’aumento di dimensioni poi non semplifica la presa e il phablet di Meizu risulta scivoloso in mano.

9.0

Hardware

Recensione Meizu MX4 Pro 5

Dentro questo MX4 Pro troviamo il nuovo processore di Samsung, Exynos Octa 5430 a 8 core: 4 Cortex A15 a 2 GHz e 4 Cortex A7 a 1,5 GHz. La RAM è da 3 GB, mentre la memoria interna da 32 GB, purtroppo non espandibili. Lo speaker inferiore è potente e “limpido” nella qualità audio. La connettività è garantita dall’LTE fino a 150 Mbps, dalla Wi-Fi a/b/g/n e dal bluetooth. In questa versione abbiamo poi anche il chip NFC (assente nell’altro modello). Presente il led di notifica.

Impossibile non soffermarsi sulla presenza di un tasto fisico che funge da molteplici funzioni. Oltre ad accedere alla home, permette anche di bloccare il telefono se tenuto premuto, senza dover raggiungere il tasto fisico di blocco posto in alto (che a questo punto è quasi ridondante). È anche touch e permette di impostare una funzione a scelta fra nessuna/home/indietro. Concludiamo però con la sua vera potenzialità: lo sblocco con l’impronta digitale. Vi basterà premere il dito per risvegliare lo schermo e tenerlo poggiato un altro mezzo secondo per permettere al telefono di riconoscere l’impronta. Riconoscimento veramente notevole, migliore (soprautto per comodità) rispetto a quanto visto su Samsung e Huawei. Decisamente la migliore delle implementazioni viste su Android ad oggi.

SCHEDA: Meizu MX4 Pro

7.5

Fotocamera

Screenshot Meizu MX4 Pro 012

La fotocamera da 20,7 di megapixel Sony offre risultati del tutto simili a quelli già visti con la fotocamera di MX4. Le foto con buona luce sono solitamente di qualità superiore a quelle viste con altri smartphone, anche in commercio a prezzi superiori. Con il calare della luce (senza necessariamente essere al buio) le immagini che vengono scattate sono però interessanti solo con lo zoom al minimo, mentre aumentando lo zoom si nota come i dettagli siano impastati. Un problema purtroppo comune a molti altri smartphone. Le funzionalità software della fotocamera sono moltissime e di semplice accesso (anche se l’interfaccia non ruota ruotando il telefono).

I video sono discreti e sono scomparsi i problemi con i video in 4K che avevamo con il precedente modello. Solo l’audio non sembra all’altezza della qualità video.

SAMPLE: Foto – Video (1080p4K)

9.0

Display

Recensione Meizu MX4 Pro 2

Vi ridordate l’ottimo schermo di MX4? Adesso potete averlo a risoluzione QuadHD. Anzi, ancora superiore. Parliamo infatti di ben 2560 x 1536 pixel, all’interno di un display da 5,5 pollici IPS di ottima qualità, con ottimi angoli di visione, una luminosità altissima al massimo e una buona luminosità automatica (anche qui il problema riscontrato sul precedente modello, che ricordiamo aveva un firmware non definitivo). Display assolutamente promosso e probabilmente il miglior 2K al momento in circolazione (di poco, si parla comunque di schermi ottimi). Supporta un gran numero di gesture a schermo spento.

8.5

Software

Screenshot Meizu MX4 Pro 01Screenshot Meizu MX4 Pro 03

Il software di Meizu in questi mesi ha fatto un bel balzo in avanti, soprautto in termini di stabilità e numero di funzionalità. La FlyMe (alla versione 4.1.1.1I al momento in cui scriviamo) è sembrato un OS di un altro livello, pensato maggiormente per esigenze più diverse, benché rimanga un sistema operativo più “chiuso” e controllato rispetto al classico Android stock. Questo lo si capisce dalle non moltissime opzioni presenti nelle impostazioni, ma che diventano sempre di più se si “scava” nei vari sottomenù. Possiamo abilitare delle gesture in home page e, sempre per rimanere in tema di gesture, abilitare lo SmartTouch, un piccolo pallino che permette di lavorare con altre gesture semplicemente premendolo e che permette sopratutto di saltare da una app all’altra con uno swipe laterale.

Il multitasking è accessibile trascinando dal basso verso l’alto, mentre dalle impostazioni (a cui non potete accedere dalle notifiche) possiamo abilitare il non disturbare, abilitare l’apertura rapida di una app da blocco schermo, mostrare la velocità di rete nella barra delle notifiche o cambiare gli sfondi di sistema.

Abbiamo poi il “classico” tool per la sicurezza che troviamo in molti firmware di provenienza asiatica e che permette di gestire (in una sola app) molti aspetti della sicurezza che non era possibile gestire dalle impostazioni, come eliminare i file temporanei, cercare i file più grandi o gestire il traffico dati.

Questa ultima incarnazione della FlyMe 4.1 è un software solido, completo e decisamente più “occidentale” rispetto a prima, se non fosse anche solo per un avviso in italiano che ci avverte quando stiamo per entrare in menù (per esempio lo store dei temi) con contenuti solo in cinese.

Software: Browser

Screenshot Meizu MX4 Pro 013

Il browser si è dimostrato essere più solido rispetto al passato e con prestazioni tutto sommato più che accettabili. A volte siamo però andati incontro (solo nei siti più pesanti in versione desktop) a dei micro-inpuntamenti, come se il browser avesse atteso un attimo per eseguire il nostro scroll.

Software: Multimedia

Dal punto di vista multimediale il sistema non ha niente da eccepire, rispetto alle altre aziende. L’unica cosa da considerare è la stretta divisione in cartelle dei contenuti. Musica, foto e video devono andare nelle cartelle corrette per essere visualizzate nei vari software. Per fortuna ci viene in soccorso l’ottimo file manager, che permette anche di proteggere con l’impronta digitale alcuni file. Nella galleria (ma non nei video) è comunque possibile aggiungere manualmente altre cartelle da scansionare.

7.5

Autonomia

Screenshot Meizu MX4 Pro 02

L’autonomia della batteria da 3350 mAh non ha brillato, per le sue possibilità, ma non è stata neanche un tallone d’Achille del dispositivo. Ci ha sempre portato a fine serata anche con un utilizzo più intenso, ma è molto difficile che riusciate a farci due giornate complete. Nel menù è presente una regolazione delle prestazioni della CPU. Conviene alzare “l’asticella” prima di avviare un gioco 3D e riabbassarla quando avrete finito per contenere i consumi energetici.

7.0

Prezzo

MX4 Pro verrà venduto in Italia a 479€ (e non 449€ come detto inizialmente).

Acquisto

Meizu MX4 Pro al momento viene venduto in Italia su Topresellerstore a 499€, ma è disponibile in preordine su Meizu.it ad un prezzo entro i 479€.

Confronti

Benchmark

benchmark meizu mx4 pro

Foto

Giudizio Finale

Meizu MX4 Pro

8.6

Meizu MX4 Pro

Meizu MX4 Pro è risultato, in parte anche per l'aggiornamento del software, un prodotto molto più "solido" e completo di MX4. Rimane un prodotto molto differente dall'esperienza d'uso che offre Android stock e tutte le altre versioni più "occidentali". Se aspettavate l'occasione giusta per provare un telefono di questo tipo è arrivato il vostro momento. Sicuramente il miglior Meizu mai prodotto dall'azienda.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Ottimo schermo
  • Software completo e stabile
  • Molte gestures e funzionalità smart
  • Lettore di impronte digitali funzionale
Contro
  • La fotocamera fatica a basse luminosità
  • La cover posteriore contrasta con la qualità costruttiva del resto dello smartphone
  • Memoria non espandibile
  • Browser con mini impuntamenti su siti pesanti
Meizu MX4 Pro

Meizu MX4 Pro

confronta modello

Ultime dal forum: