8.0

Recensione LG V50 ThinQ: il prezzo da pagare per il 5G (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione LG V50

Il 5G è arrivato in Italia e con lui anche i primi smartphone. Fra questi il più dirompente è sicuramente il nuovo LG V50 ThinQ, che abbiamo usato anche nei nostri test della rete 5G a Milano con Vodafone.

LEGGI ANCHE: Recensioni LG

8.0

Confezione

All’interno della confezione di V50 ThinQ troviamo un alimentatore da 9V/1.86A, un cavo USB/USB-C e un paio di buone cuffie stereo in-ear con cavo in tessuto. In più al momento anche l’LG Dual Screen è incluso nel prezzo.

9.5

Costruzione ed Ergonomia

LG V50 è uno smartphone estremamente ben costruito. Come buona parte degli smartphone attuali il profilo è in metallo e il retro in vetro, ma quello che lo rende così ben fatto sono ovviamente i dettagli. Abbiamo sul retro un vetro completamente piatto che integra all’interno le fotocamere senza interruzioni, se non per il lettore di impronte. La curvatura del vetro ai lati e leggera e in mano lo smartphone sembra una pietra liscia, offrendo un’altissima sensazione di qualità, più di buona parte degli smartphone attualmente in commercio. In più ci aggiungiamo che il peso è tutto sommato contenuto, 183 grammi, e lo smartphone è ancora una volta resistente ad acqua e polvere secondo lo standard IP68 e anche a vibrazioni e cadute secondo lo standard MIL-STD-810G. L’unico contro è che questa forma così morbida lo rende un po’ scivoloso.

9.0

Hardware

V50 ThinQ è un vero top di gamma, a partire dal processore, uno Snapdragon 855 octa core da 2,84 GHz con GPU Adreno 640 e 6 GB di RAM. La memoria interna è poi da ben 128 GB ed è anche espandibile. Manca invece il supporto dual SIM, essendo lo smartphone venduto solo dall’operatore Vodafone. C’è poi un nuovo componente che merita attenzione: il modem radio 5G Qualcomm X50 che garantisce per la prima volta la connessione alle reti 5G fino a 2Gbps. È ancora una versione primordiale, ma già pienamente compatibile con le reti 5G italiane. Non staremo qui a discutere del senso o meno di acquistare uno smartphone 5G o della sua copertura, visto che ognuno deciderà in base alle proprie necessità e alla zona di residenza. È anche però difficile ignorare il fatto che nel momento in cui il 5G sarà davvero diffuso questo non sarà più l’unico (o quasi) smartphone compatibile in circolazione. Il 5G c’è e funziona, ma nel nostro test, ad oggi, non abbiamo potuto davvero trarne un beneficio. Sicuramente però è a prova di futuro.

Parlando ancora di connettività abbiamo l’NFC, il Wi-Fi ac e il Bluetooth 5.0. Presente anche il jack delle cuffie ed un efficiente lettore di impronte digitali classico. Manca invece la radio FM. Presente per l’audio l’Hi-Fi Quad Dac. Buono l’audio stereo offerto dai due speaker (o meglio dello speaker e dalla capsula auricolare). Comodo il tasto fisico laterale per attivare l’assistente vocale Google.

SCHEDA: LG V50

8.5

Fotocamera

LG ha dotato il suo V50 di ben tre fotocamere principali e due frontali. La principale è una ottima 12 megapixel ƒ/1.5 stabilizzata otticamente che realizza delle immagini veramente notevole, grazie ad un software che fa intervenire al momento giusto l’HDR, ma senza stravolgere il colore e il bilanciamento delle luci dell’immagine. Anche con luci difficili (come nelle immagini del concerto) l’HDR fa un lavoro egregio. L’HDR entra in gioco anche nella fotocamera da 16 megapixel ƒ/1.9 grandangolare. Non si tratta di un grandangolo esageratamente spinto e la distorsione viene mitigata via software. Scatta discretamente e svolge tutto sommato bene la sua funzione di fotocamera ausiliare, così come lo fa anche la fotocamera da 12 megapixel ƒ/2.4 zoom 2x. Fa ovviamente più fatica con meno luce, dove invece la grandangolare si difende decisamente meglio rispetto a quella della concorrenza.

Frontalmente abbiamo invece un sensore da 8 megapixel ƒ/1.9 e uno grandangolare da 5 megapixel ƒ/2.2. Se la prima fotocamera fa scatti accettabili (ma non più di questo), lo stesso non si può dire della fotocamera grandangolare. Simpatica per catturare foto di gruppo, ma niente di più.

Bene invece i video da entrambe le fotocamere. La principale registra addirittura in 4K a 60 fps. L’immagine è dettagliata e i colori estremamente gradevoli. Una buona stabilizzazione la si ottiene però scendendo di framerate o di risoluzione (lo si vede bene dal video demo registrato invece quasi tutto al massimo della risoluzione).

Dal punto di vista software abbiamo la fotocamera AI (da attivare però appositamente), la modalità manuale (anche nei video), l’abbastanza deludente foto studio, la possibilità di trasmettere live da YouTube e infine lo scatto triplo (ovvero con tutte e tre le fotocamere) a cui si aggiunge anche quello quintuplo che scatta anche con le due frontali. Peccato che arrivare ad attivare queste funzionalità sia così scomodo. Comodissimo invece lo zoom digitale che fa uno zoom morbido, molto più godibile di quello degli altri smartphone.

9.0

Display

LG V50 è dotato di un ottimo display da 6,4 pollici QuadHD+ (1440 x 3120 pixel) realizzato in tecnologia P-OLED. La risoluzione è altissima, così come anche è molto buona la luminosità massima e la regolazione automatica della stessa. Supporta l’HDR10, è possibile nascondere via software la tacca frontale (sì è ancora presente) e ci sono ben 7 modalità di calibrazione del display, oltre che la possibilità di correggere anche la temperatura colore. Molto buono infine l’always-on display, completamente personalizzabile.

6.5

Dual Screen

LG V50 ThinQ viene venduto assieme ad una cover che include al suo interno un secondo display da 6,2 pollici e risoluzione FullHD+. Per utilizzarlo anche lo smartphone abbasserà la risoluzione di conseguenza. Si tratta di un display P-OLED ma la resa non è affatto identica e non solo la luminosità è inferiore, ma anche la taratura è differente. Nell’uso quotidiano non è però un grande problema. Lo è di più lo scarso trattamento oleofobico di questo secondo display. La qualità costruttiva della cover è molto buona ed è possibile anche ripiegare lo schermo al contrario, andando però a coprire il lettore di impronte (e le fotocamere). La cover di per sé è molto ingombrante e aumenta il peso di altri 131 grammi. In più da chiusa non si hanno informazioni su eventuali notifiche, se non per la presenza di un piccolo led.

Ma parliamo di funzionalità. Si può usare in due modi: come un vero secondo schermo per usare due app (o tre con il multitasking), oppure usando il secondo schermo come controller per i giochi. Simpatico, anche se vi costringerà ad sorreggere il tutto dal display più sottile. Meglio in multitasking, dove può tornare invece molto comodo. Simpatica anche la funzione per avviare solo la tastiera nel display “inferiore”, in stile communicator. Ci è piaciuta molto l’idea di applicare un secondo schermo solo all’evenienza, ma nell’uso quotidiano ci siamo sentiti “liberati” nel momento in cui lo abbiamo usato senza. È comunque una cosa in più da tenere nello zaino per l’occasione giusta.

8.0

Software

LG ha implementato in questo V50 ThinQ l’ultima release di Android: 9.0 (Pie) con le patch di maggio 2019 nel momento in cui scriviamo la recensione. Si tratta di un software abbastanza standard per LG e senza particolari novità, ma comunque con alcune interessanti implementazioni aggiuntive rispetto ad Android “pulito”. Abbiamo per esempio la possibilità di personalizzare la barra delle notifiche a fianco del notch e si può attivare una floating bar laterale con delle scorciatoie e le app preferite. Le gesture di navigazione sono quelle di Android Pie, ma se volete potete anche ripristinare i tasti classici di LG. Nel complesso l’intero sistema è fluido e completo, anche se il software di LG fallisce nel trovare qualche spunto per differenziarsi davvero dalla concorrenza.

7.0

Autonomia

Questo LG V50 è dotato di una batteria da 4000 mAh che offre una discreta autonomia, seppur questo V50 ThinQ non possa certo essere acquistato per la sua autonomia. Noi siamo arrivati a fine giornata in quasi ogni occasione, anche se sembra soffrire un po’ di più la situazione di continuo switch di rete fra 5G e 4G nelle zone colpite. È difficile dire con certezza se questa sia la causa, ma in certe circostanze lo smartphone sembra consumare un po’ più della media. È però dotato di ricarica rapida Quick Charge 3.0 e di ricarica senza fili a 10W.

5.5

Prezzo

LG V50 viene venduto ufficialmente in Italia a 1299€ con Dual Screen incluso. Purtroppo non ci sono al momento offerte che lo prevedono senza questo accessorio e non sembra essere prevista la vendita fuori dall’operatore Vodafone. Se pensate di acquistarlo le offerte dell’operatore sono sicuramente l’opzione più interessante.

Benchmark

Foto

Giudizio Finale

LG V50

8.0

LG V50

Era tanto che aspettavamo un LG top di gamma di questa qualità. V50 ThinQ è potente, completo, bello, elegante, con un ottimo mix di fotocamere e un bel display. In più è anche 5G e ha un secondo display accessorio. Il prezzo però è altissimo e V50 diventa quindi uno smartphone per pochissimi: quelli che vogliono testare per primi le ultime novità.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Potente e completo
  • Ottima qualità costruttiva
  • Buone fotocamere
  • È il primo 5G
Contro
  • Prezzo altissimo
  • Autonomia solo ok
  • Il software non offre grandi spunti
  • Il Dual Screen non convince