Recensione Lenovo Legion Phone Duel 2: solo per veri gamer (foto e video)

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Recensione Lenovo Legion Phone Duel 2

Se c'è un'azienda che è entrata con prepotenza nel mondo dei gaming phone nel 2020 questa è sicuramente Lenovo. Quest'anno l'azienda riparte dal suo Legion Phone Duel e lo aggiorna con le ultime soluzioni in circolazione, per portare all'utente finale uno smartphone ancora più estremo. Scopriamolo insieme.

PRO

  • Potenza massima
  • Ricarica fulminea
  • Fotocamera frontale popup
  • Refresh rate di 144 Hz

CONTRO

 

  • Jack audio solo con l'accessorio
  • Memoria non espandibile
  • Manca la ricarica wireless
  • Software un po' scarno
 

Confezione

All'interno della grande confezione di Legion Phone Duel 2 troviamo, ovviamente oltre allo smartphone, l'alimentatore da 90W, due cavi USB-C/USB-C, una cover in plastica trasparente e un adattatore da USB-C a jack audio da 3,5 millimetri.

Costruzione ed Ergonomia

Se il primo modello era riconoscibilmente un gaming phone questo esalta ancora di più questa caratteristica spingendosi ancora più avanti con il design. La cornice è ancora in metallo opaco, ma è sul retro dove troviamo i veri cambiamenti. La scocca in vetro è infatti divisa in tre parti, con quella centrale rialzata rispetto alle altre due, mantenendo comunque una simmetria. Questo perché Lenovo ha ridisegnato completamente lo smartphone all'interno portando tutti i componenti della scheda madre nella parte centrale, dividendo la batteria in due porzioni ai suoi lati. In questo modo tutti i componenti che potevano creare spessore e soprattutto calore durante il gioco sono ora lontani da dove si posizionerebbero le mani. Un design mai visto prima su di uno smartphone.

Eravamo perplessi per come sarebbe stato poi l'utilizzo quotidiano come smartphone con questo formato diverso dal solito ma ci siamo ricreduti. Il rigonfiamento centrale non crea problemi, considerando anche che comunque Legion Phone Duel 2 è comunque uno smartphone spesso (9,9 millimetri) e soprattutto molto pesante (259 grammi). All'interno di questa parte centrale sono poi incluse ben due ventole, una che spinge l'aria calda fuori dal retro e una verso il lato lungo dello smartphone.

Hardware

Lenovo riparte dall'ottimo modello dell'anno scorso e lo aggiorna con l'ultimo SoC di Qualcomm. Parliamo ovviamente dello Snapdragon 888 octa core da 2,8 GHz con GPU Adreno 660 e di ben 12 o 16 GB di RAM di tipo LPDDR5 a supporto. La memoria non è espandibile ma sarà disponibile comunque nei tagli da 256 e 512 GB in tecnologia UFS 3.1, quindi velocissime. Ottima la connettività: abbiamo il supporto 5G dual SIM (sia Sub6 che mmWave), il Wi-Fi 6, il Bluetooth 5.2 e ovviamente l'NFC. Non manca un buon lettore di impronte digitali all'interno dello schermo AMOLED e un eccellente audio stereo frontale: uno dei punti migliori di questo smartphone.

Uno dei fronti dove l'azienda ha lavorato di più su questa seconda variante è sul fronte termico. L'azienda ha concentrato come detto tutti i componenti fondamentali nella parte centrale dello smartphone, circondandoli con delle piastre in rame e delle camere di vapore ben più grandi rispetto al passato e anche su più livelli. Il tutto è poi connesso a due sistemi di ventole attive che sputano verso l'esterno l'aria più calda. Abbiamo un sistema Octa Trigger che permette di sfruttare ben 4 trigger ultrasonici virtuali sul lato lungo dello smartphone, come anche due capacitivi sul retro e due "virtuali" nello schermo. Presente anche un sistema di feedback aptico "realistico" chiamato Dual Haptix e che si attiva in alcuni giochi specifici compatibili (come PUBG).

Manca il jack audio da 3,5 millimetri, ma ci sono due porte USB-C: potrete quindi comunque caricare lo smartphone mentre usate delle cuffie cablate.

Fotocamera

Indubbiamente non si compra un gaming phone per la sua fotocamera, ma al tempo stesso non si può ovviamente negare che sia un aspetto fondamentale di qualsiasi smartphone, considerando che è probabilmente anche l'unico che ci portiamo appresso. Lenovo ha "silenziosamente" portato avanti un aggiornamento abbastanza importante del suo comparto fotografico. Le specifiche ci raccontano di un duo di fotocamere simili allo scorso anno, ma i risultati ci sono sembrati migliori. Abbiamo quindi una fotocamera da 64 megapixel ƒ/1.9 e una 16 megapixel ƒ/2.2 grandangolare. Le foto sono di ottima qualità con buona luce e forse solo leggermente troppo contrastate con poca luce. In più l'azienda sembra averci ascoltato ridisegnando l'app della fotocamera, portando varie funzioni a portata di dito (come la fotocamera grandangolare e l'HDR automatico). Anche con meno luce le immagini scattate rimangono godibili e di notte la modalità apposita è più che discreta. Non aspettatevi risultati da top da top di gamma premium ma avrete in tasca comunque un set di fotocamere assolutamente all'altezza, senza l'orpello di altri inutili sensori da 2 o 5 megapixel.

In più la più grande sorpresa la troviamo nella fotocamera frontale da 44 megapixel. È stata posizionata lateralmente e si apre un meccanismo meccanico a scomparsa. La posizione è ottimale anche per i selfie e non solo per le dirette streaming. Ma è la qualità che stupisce di più: assurdo come uno dei migliori selfie phone in commercio sia un gaming phone di Lenovo. Kudos!

Discreti anche i video fino all'8K (o al 4K@60fps). Peccato che per avere una stabilizzazione migliore si debba scendere al 4K a 30fps, comunque una risoluzione molto alta. C'è anche la possibilità di registrare video in HDR e anche in modalità doppia fotocamera unendo la ripresa dalla fotocamera principale e quella grandangolare, oppure dalla frontale e dalla principale (in Full HD).

Display

Ancora una volta Lenovo ha utilizzato un pannello eccezionale per questo Legion Duel 2. Parliamo di un gigantesco 6,92 pollici di diagonale con risoluzione FullHD+ (1080 x 2460 pixel) e tecnologia AMOLED. Supporta ovviamente l'HDR10 e non ha interruzioni di sorta, visto che la fotocamera frontale è inclusa in un meccanismo a scomparsa. Lo schermo supporta il refresh rate a 144 Hz, ma si possono scegliere anche valori minori e lasciare che sia poi il software a spingersi fino a 144Hz solo nei (pochi) giochi compatibili. In questo modo si ottiene comunque un'esperienza eccezionale, mantenendo però un'autonomia superiore. Abbiamo una luminosità di picco a 1300 nits, il supporto alla tecnologia DC dimming (per ridurre gli sfarfallii a bassa luminosità) e abbiamo un supporto del 111% dello spazio colore DCI-P3. Presente anche l'always-on display, personalizzabile ma che mostra le notifiche con un'icona generica.

Software

Dal punto di vista software Lenovo Legion Phone Duel 2 è basato su Android 11 aggiornato con le patch di febbraio 2021 e con una personalizzazione Legion. Questo si riflette principalmente nel tema preimpostato, visto che per il resto si tratta di un software abbastanza vicino alla filosofia stock e senza molte personalizzazioni. Il sistema è comunque sempre fluido. Dove invece l'azienda ha lavorato molto è nel suo modulo Legion Realm, che è avviabile anche tenendo premuto i due tasti dorsali principali. Da qui potrete avere una rapida panoramica su tutti i giochi installati e potrete personalizzare alcune impostazioni sulle prestazioni e soprattutto il Legion Assistant, che è il menù contestuale che si può aprire dentro i giochi scorrendo dall'altro verso il basso. Da qui avrete subito una chiara indicazioni delle prestazoni dello smartphone (con un tasto per massimizzarle) e potrete anche avere in tempo reale lo stato della rete Wi-Fi e dati contemporaneamente, permettendovi di scegliere quale utilizzare in ogni istante e passare da una all'altra rapidamente. Tra le altre funzioni più utili merita sicuramente una citazione la funzionalità per includersi all'interno della schermata, permettendo anche di scontornarsi o di aumentare la trasparenza, in modo da poter fare live streaming (direttamente su YouTube o Twitch). In più potrete anche registrare brevi clip direttamente da questo pannello, selezionando in anticipo la durata e la qualità (in modo da non dover registrare enormi gameplay per poi cercare le clip da tagliare).

Il software che noi abbiamo testato non è definitivo e non è ancora al 100% stabile. Una precisazione forse inutile per chi comprerà lo smartphone definitivo, ma dovuta nel caso aveste visto qualche imperfezione nel nostro video.

Autonomia

La batteria è una grande 5.000 mAh. L'autonomia di questo smartphone è davvero notevole, migliore in proporzione a quella degli altri smartphone Snapdragon 888. Si riesce a completare senza pensieri qualsiasi giornata di utilizzo anche più intenso (nel nostro caso abbiamo tenuto il display a 120 Hz). Il sistema di raffreddamento fa molto bene il suo dovere probabilmente e le ventole attive partono raramente anche durante l'esecuzione di giochi. In più abbiamo forse il più rapido sistema di ricarica di sempre. Si tratta della possibilità di caricare lo smartphone da 0 al 100% in circa mezz'ora: questo valore può essere ancora ridotto se si usano entrambi i cavi in confezione ed entrambe le porte USB-C. Questo perché l'alimentatore è da ben 90 W, un record nel mondo degli smartphone e anche più della potenza di ricarica di alimentatori pensati per i notebook.

Prezzo

Lenovo Legion Phone Duel 2 è disponibile in preordine sul sito dell'azienda a partire da 899€ per il modello 12/256 GB. Si tratta di un prezzo giusto per un prodotto che ha un hardware di tutto rispetto, ma che ovviamente deve ancora farsi conoscere nella sua nicchia di mercato.

Foto

Giudizio Finale

Lenovo Legion Phone Duel 2

Lenovo Legion Phone Duel 2 è ancora una volta lo smartphone più estremo in circolazione. E ci piace l'idea di applicare l'idea del "doppio" su tanti aspetti: doppia batteria, doppi trigger (tripli), doppio speaker, doppia porta USB-C e doppia ventola attiva. Ma non solo, soluzioni eccezionali come quella della fotocamera popup laterale dimostrano grande dedizione al concetto di gaming phone. C'è qualche limite, ma questo (come lo scorso anno) è uno smartphone per gamer, senza eccezioni.

Sommario

Confezione 8

Costruzione ed Ergonomia 8

Hardware 9.5

Fotocamera 7.5

Display 9

Software 7.5

Autonomia 8.5

Prezzo 7

Voto finale

Lenovo Legion Phone Duel 2

Pro

  • Potenza massima
  • Ricarica fulminea
  • Fotocamera frontale popup
  • Refresh rate di 144 Hz

Contro

 

  • Jack audio solo con l'accessorio
  • Memoria non espandibile
  • Manca la ricarica wireless
  • Software un po' scarno
 

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vive nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Se potesse vivrebbe anche in un mondo di Lego e in uno di musica elettronica.
Lenovo Legion Phone Duel 2 (16 GB)

Lenovo Legion Phone Duel 2 (16 GB)

  • Display 6,92" FHD+ / 1080 x 2460 PX
  • Fotocamera 64 MPX ƒ/1.9
  • Frontale 44 MPX ƒ/2.0
  • CPU octa 2.8 GHz
  • RAM 16 GB
  • Memoria Interna 512 GB Espandibile
  • Batteria 5000 mAh
  • Android 11
Lenovo Legion Phone Duel 2

Lenovo Legion Phone Duel 2

  • Display 6,92" FHD+ / 1080 x 2460 PX
  • Fotocamera 64 MPX ƒ/1.9
  • Frontale 44 MPX ƒ/2.0
  • CPU octa 2.8 GHz
  • RAM 12 GB
  • Memoria Interna 256 GB Espandibile
  • Batteria 5000 mAh
  • Android 11

Commenta