8.0

LeEco Le Max 2, la recensione (foto e video)

LeEcoLeEco Le Max 2video Emanuele Cisotti -




Recensione LeEco Le Max 2

Come sapete se seguite da tempo le nostre pagine, il brand LeEco (ex LeTV) ha un certo fascino su di noi. Gli smartphone del colosso cinese sono infatti particolarmente interessanti, anche se (almeno nella loro forma originale) poco appetibili per certi versi dagli utenti occidentali. Scopriamo oggi il nuovo top di gamma dell’azienda.

7.5

Confezione

LeEco Le Max 2 - 1

La confezione contiene all’interno un alimentatore 12V/2A, un cavo USB-USB Type-C e un adattatore da USB Type-C a jack audio da 3,5 mm. Oltre a questo si viene omaggiati di una comoda (ma brutta) cover trasparente in silicone.

8.0

Costruzione ed Ergonomia

LeEco Le Max 2 - 7

Le Max 2 è un dispositivo particolarmente importante dal punto di vista delle dimensioni. È abbastanza sottile ma non troppo (7,99 mm) ed è decisamente pesante (185 grammi). In mano si tiene abbastanza bene, ma comunque può succedere di trovarlo leggermente scivoloso a causa della sua estesa superficie metallica liscia e dei bordi abbastanza stondati. Ma il fatto di essere costruito interamente in metallo non può essere ovviamente considerato solo come un difetto e infatti non lo è. Le Max 2 si presenta come un dispositivo elegante e perfettamente costruito, anche se (al momento) disponibile solo nella colorazione rosa (o oro rosa se lo vogliamo chiamare con il nome originale).

8.5

Hardware

LeEco Le Max 2 - 5

Il più potente della famiglia LeEco è dotato di un processore Snapdragon 820 quad core da 2,15 GHz con GPU Adreno 530. Abbiamo poi 4 GB di RAM e 32 GB di memoria interna. La memoria è di ultima generazione (UFS 2.0) e così lo è anche la RAM (LPDDR4). Non c’è purtroppo la possibilità di espandere la memoria con una microSD e la versione con 6GB di RAM e 64 GB di memoria interna ancora non si trova in commercio. La connettività è LTE fino a 450 Mbps ed è supportata anche la banda ad 800 MHz. Presente il Wi-Fi ac ed il Bluetooth 4.2. Purtroppo, come per altri smartphone asiatici è invece assente l’NFC.

Sulla parte superiore della scocca troviamo invece la porta ad infrarossi, mentre sul retro (con un particolare effetto a specchio) un grande lettore di impronte digitali che permette di sbloccare il telefono anche a schermo spento. Benché il dito venga rilevato praticamente nel 100% dei tentativi, la velocità di sblocco non ci ha particolarmente sorpreso. Buono il volume dello speaker posto inferiormente. Manca purtroppo un jack audio (nonostante lo spessore lo avrebbe permesso).

SCHEDA: LeEco Le Max 2

8.0

Fotocamera

La fotocamera principale è una 21 megapixel con apertura ƒ/2.0 e aiutata da un doppio led flash a due tonalità e dello stabilizzatore ottico dell’immagine. Siamo rimasti sorpresi dalla qualità degli scatti, grazie a colori abbastanza ben bilanciati una buona precisione della messa a fuoco automatica (non velocissima) e un enorme quantità di dettaglio (aiutati anche dalla grande risoluzione della foto). Non c’è purtroppo una modalità di HDR automatico, che se impostato manualmente fa abbastanza bene il suo dovere. Il software è intuitivo e con un discreto numero di opzioni a disposizione, ma non ci sono controlli manuali. I video in 4K hanno una buona qualità ma purtroppo la messa a fuoco non è continua e richiede dei tap sulla scena. La fotocamera frontale è una buona 8 megapixel ƒ/2.2.

SAMPLE: FotoVideo

8.5

Display

LeEco Le Max 2 - 2

Il display molto ampio è da 5,7 pollici con risoluzione QuadHD, ovvero 2560 x 1440 pixel. Lo schermo offre una ottima fedeltà cromatica, una buona luminosità e una buona regolazione automatica della stessa. La tecnologia utilizzata è la LTPS IPS e dalle impostazioni troverete 4 profili di colore fra cui scegliere. Solo la luminosità minima risulta un po’ alta.

8.0

Software

Screenshot_20160624-104524Screenshot_20160624-104532

È la versione 6.0.1 Marshmallow di Android quella che troviamo in Le Max 2. Nonostante questo è difficile riconoscerla, considerando la pesante personalizzazione apportata da LeEco sul suo software. All’accensione non è presente la lingua italiana ma installando More Locale 2 e con un paio di comandi tramite adb riuscirete quantomeno a tradurre nella nostra lingua le app di terze parti. La comunità italiana che lavora su LeEco è comunque molto attiva e quindi potrebbe arrivare a breve anche un firmware interamente tradotto.

La EUI 5.6 è comunque molto gradevole e, se non fosse per la sua cina-centricità è uno dei nostri software preferiti, graficamente ben studiato e molto semplice da utilizzare. Molto bello anche il pannello di controllo da cui si accede premendo il multitasking (che però ricorda molto quello di iOS). Nel firmware presente al momento non è possibile liberarsi delle app e dei contenuti cinesi. Molto completo il sistema di controllo dei permessi e delle notifiche. Molte app sono già riconosciute come “sicure” dal sistema, altre (come Telegram) necessiteranno di un paio di minuti di attenzione per sbloccare i vari permessi e ricevere correttamente le notifiche. Buono il browser, anche questo però pensato per il mercato asiatico. Lo stesso vale per il lettore musicale.

7.5

Autonomia

La batteria integrata (e non removibile) di Le Max 2 è da 3100 mAh. Questa riesce a garantire un’autonomia nella media, anche considerando tutti i vari stratagemmi software della EUI per contenere il consumo energetico. Con un utilizzo intenso arriverete dopo cena, ma in base alla lunghezza della vostra giornata potreste dover dare una carica aggiuntiva, per fortuna molto rapida grazie all’utilizzo della tecnologia Quick Charge di Qualcomm.

8.5

Prezzo

LeEco Le Max 2 viene venduto su Honorbuy a 339€, un prezzo che rende questo smartphone uno dei più economici nella rosa di quelli che possiamo davvero definire top dal punto di vista hardware (battendo anche OnePlus 3).

Benchmark

Foto

Giudizio Finale

LeEco Le Max 2

8.0

LeEco Le Max 2

Le Max 2 è bello, ben costruito, potente e con componenti di qualità, come il display e la fotocamera. Il prezzo è poi particolarmente contenuto, rendendolo una scelta veramente molto appetibile. Certo, si tratta di uno smartphone totalmente pensato per un pubblico asiatico, ma se non vi spaventa il mondo del modding troverete da soli la soluzione a questo problema.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Ottima qualità costruttiva
  • Tanta potenza
  • Bella interfaccia
  • Bel display
Contro
  • Il lettore è leggermente più lento della concorrenza
  • Software asiatici non removibili (senza root)
  • Memoria non espandibile
  • Manca il jack audio