7.2

Recensione Huawei P Smart 2021 (foto e video)

Emanuele Cisotti




Recensione Huawei P Smart 2021

Le condizioni del mercato degli smartphone Android lo sappiamo è cambiata in modo molto profondo e l’azienda ha quindi scelto di rallentare un po’ sulla produzione di nuovi smartphone Android (senza però mai fermarsi, i Mate 40 sono in arrivo!), concentrandosi maggiormente su wearable e PC. Ma l’azienda vuole esserci con una sua proposta alternativa e quindi ecco Huawei P Smart 2021.

LEGGI ANCHE: Recensioni Huawei

Confezione

Nella confezione troviamo un alimentatore da 22.5W e un cavo USB/USB-C. Sembra esserci spazio anche per una cover che noi però non abbiamo trovato.

7.5

Costruzione ed Ergonomia

Huawei P Smart 2021 dal punto di vista di design ricorda moltissimi altri smartphone dell’azienda cinese dando quindi una coerenza stilistica alla sua lineup. Lo smartphone è realizzato in plastica, ma la qualità è comunque buona e nel complesso è piacevole da utilizzare. Il peso non è comunque contenuto: parliamo di ben 206 grammi, dovuti principalmente alla corposa batteria. In mano si utilizza comunque abbastanza agevolmente, anche se il lettore di impronte digitali sul lato destro è forse un po’ troppo incavato.

6.5

Hardware

Huawei in questo momento ha dei vincoli non indifferenti sui componenti hardware che può riuscire ad utilizzare, ma sta comunque svicolandosi da questo con nuove collaborazioni. Il processore Kirin 710A per esempio non è lo stesso di prima, ma è prodotto in collaborazione con una nuova azienda utilizzando un processo produttivo a 14nm (invece che 12, peccato). Abbiamo poi la GPU Mali G51 MP4, 4 GB di RAM e 128 GB di memoria interna espandibile. Un punto di forza è indubbiamente il poter utilizzare due nanoSIM e non dover rinunciare alla memoria espandibile. Abbiamo poi il Wi-Fi purtroppo monoband, il Bluetooth 5.1, la radio FM e c’è anche il jack audio da 3,5 millimetri. Assente imperdonabile purtroppo è il chip NFC. È anche vero che al momento non ci sarebbero stati servizi di pagamento capaci di sfruttarlo e che quindi non è poi questa grande perdita in prospettiva.

SCHEDA: Huawei P Smart 2021

8.0

Fotocamera

Huawei P Smart 2021, rispetto al modello dello scorso anno, migliora in modo sensibile nella fotocamera, con un sensore ora da 48 megapixel ƒ/1.8 e una grandangolare da 8 megapixel ƒ/2.4. Le altre due fotocamere sono due sensori da 2 megapixel ƒ/2.4, una bokeh e una macro, di scarsissima utilità. I risultati hanno superato le nostre aspettative, con un buon bilanciamento dei colori, una buona nitidezza (mai esagerata) e una buona definizione. Per la fascia di prezzo P Smart 2021 monta una delle migliori fotocamere in circolazione. La grandangolare lascia un po’ il passo in termini di definizione e gestione delle alte luci, ma rimane divertente in condizioni di luce ottimali. Le foto con poca luce sono nella media per gli smartphone economici e si possono migliorare con la modalità dedicata. Non vi aspettate miracoli ma sono comunque utilizzabili in varie occasioni. Più che sufficiente anche la fotocamera frontale da 32 megapixel ƒ/2.2 e stessa considerazione anche della modalità bokeh della fotocamera principale.

8.0

Display

Lo schermo di questo P Smart 2021, pur senza poter pretendere ovviamente qualità di AMOLED da fascia alta è in linea con le nostre aspettative per un buon display in questa fascia di prezzo. Si tratta di un pannello da 6,67 pollici (quindi molto ampio) con risoluzione FullHD+ (1080 x 2400 pixel) e tecnologia IPS. La luminosità è buona, soprattutto una volta levata la pellicola protettiva, che aumenta anche i riflessi sullo schermo. Si può solo contestargli dei neri non perfetti, ma confermiamo che per il prezzo a cui viene venduto è assolutamente più che buono.

6.5

Software

Huawei P Smart 2021 arriva sul mercato aggiornato ad Android 10 con le patch di agosto 2020 al momento della nostra prova. Come tutti gli smartphone dell’azienda anche questo è dotato di servizi Huawei e non di quelli Google. Questo significa niente Play Store, ma AppGallery. Dobbiamo ammettere di essere rimasti colpiti dall’aumento notevole delle app presenti nello store (quasi 100.000 ormai) e la presenza di sempre più servizi che eravamo abituati a utilizzare sugli altri smartphone. A questo punto forse il “fianco” più scoperto è quello dei gadget che necessitano di app, ma è anche vero che in questi casi è possibile scaricare l’apk in altri modi. Uno di questi è Petal Search che funge da ricerca (come TrovApp) e anche come installatore permettendo di installare anche i diffusi xapk da APKPure. L’importante è acquistarlo sapendo a cosa si va incontro, un’alternativa completa, ma ancora non per tutti.

Il sistema ha comunque di suo delle funzioni interessanti grazie alla EMUI 10.1.1, come la possibilità di modificare i temi o il menù laterale in cui si possono inserire le scorciatoie delle app preferite, anche da aprire a schermo diviso.

8.5

Autonomia

Altro punto di forza di questo smartphone è indubbiamente la batteria da 5.000 mAh che garantisce senza problemi un giorno e mezzo di batteria con qualsiasi uso e che si avvicina ai due giorni di autonomia con utilizzo medio. Indubbiamente questo è uno dei risvolti positivi dei servizi Huawei. La ricarica è poi rapida a ben 22,5W: non male per questa fascia di prezzo.

7.5

Prezzo

Huawei P Smart 2021 viene venduto a 229€. Un buon prezzo se si guarda lo smartphone nella fascia di prezzo in cui si posiziona, ma che vista la sua diversità intrinseca deve ovviamente fare leva su altri fattori per attirare la vostra attenzione. E lo fa con una promo (fino al 1° novembre) che vi regala 3 messi di Huawei Music VIP, 3 mesi di Huawei Video, 15 GB per 12 mesi sul servizio Huawei Cloud e soprattutto un paio di Huawei Freebuds 3 dal valore commerciale di 139€ (si trovano a circa 120€). Ottime cuffie che “abbassano” vistosamente il costo dello smartphone.

Foto

Giudizio Finale

Huawei P Smart 2021

7.2

Huawei P Smart 2021

Huawei P Smart 2021 è una buona alternativa alla concorrenza "con Google". Bisogna sapere quello che si compra, ovviamente. I suoi punti di forza sono fotocamera, display e batteria: non poco. Peccato per l'hardware che inizia a mostrare i segni dell'età.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Buone fotocamere
  • Display ampio e luminoso
  • Ottima autonomia
  • Due nanoSIM + microSD
Contro
  • Hardware un po' datato
  • Meno app rispetto al Play Store
  • Wi-Fi monobanda
  • Niente NFC (e pagamenti mobili)