8.0

Huawei Mate Xs, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione Huawei Mate Xs

Huawei era stata una delle prime a presentare al mondo un suo smartphone pieghevole pronto al commercio, salvo poi venderlo in pochissime unità e solo sul mercato statunitense. Durante il 2020 l’azienda ha presentato però anche per l’Europa la variante Xs, migliorata in alcuni componenti hardware e sopratutto nella sua cerniera. Con la sua disponibilità in Italia arriva anche la nostra recensione

LEGGI ANCHE: Migliori smartphone pieghevoli

8.0

Confezione

La grande (giustamente!) confezione di Mate Xs contiene al suo interno un cavo USB-C/USB-C, un alimentatore da ben 65W, delle buone cuffie stereo USB-C e un bumper adesivo per proteggere il bordo. Essendo uno smartphone tutto schermo era difficile pensare ad una soluzione diversa, ma dobbiamo confermarvi quello che probabilmente vi siete immaginati: è brutto. Meglio utilizzare la cover in pelle che si riceve con l’acquisto su Amazon (che noi non avevamo in prova).

9.0

Costruzione ed Ergonomia

Dal punto di vista costruttivo questo Mate Xs è qualcosa di mai visto prima. La scocca è divisa in due parti molto sottili e con una sola parte più spessa dove sono posizionati molti dei componenti fondamentali, come la porta USB-C, i tasti fisici, il lettore di impronte (laterale) e le fotocamere. Queste due parti sono tenute insieme da un enorme display pieghevole in plastica. Nel punto di giunzione troviamo una sofisticata cerniera che ci ha dato l’impressione di essere estremamente solida. Quando lo smartphone è chiuso ci troviamo quindi davanti un prodotto che è come se fosse realizzato da un unico pezzo. Bellissimo. In mano è ovviamente pesante, sono ben 300 grammi e da chiuso anche abbastanza spesso con i suoi 11 millimetri. Da aperto però la superficie, ad eccezione del bordo più spesso, diventa sottilissima, ma comunque con un peso abbastanza bilanciato. Le due parti sono tenute chiuse grazie ad un gancio che tiene in posizione le parti. Quando il tasto di rilascio viene premuto una molla fa allontanare le due metà, ma bisogna comunque dispiegarlo a mano. A fine corsa c’è un leggerissimo blocco che però è difficile da notare. Da aperto rimane saldamente in posizione.



8.5

Hardware

Huawei ha ovviamente dotato questo smartphone dell’hardware migliore a disposizione. Abbiamo un processore HiSilicon Kirin 990 5G octa core da 2,86 GHz con GPU Mali G76 MP14, ben 8 GB di RAM e addirittura 512 GB di memoria interna in tecnologia UFS 2.1. Questa memoria è espandibile tramite NM di Huawei e rinunciando alla seconda nanoSIM. Ottima la connettività: 5G, Wi-Fi ac, Bluetooth 5.0 e NFC. Presente anche la porta USB-C 3.1 con supporto all’uscita video (e alla modalità desktop). Come detto è presente un lettore di impronte digitali sul lato destro, che funziona molto bene sia in termini di precisione che di velocità. Buono l’audio, anche se buona parte è fornito dallo speaker singolo posizionato inferiormente. In certi casi potrebbe essere semplice coprirlo per errore, andando ad abbattere il volume. L’audio è in parte supportato dalla capsula auricolare, ma senza risultati particolarmente incisivi. Non è presente purtroppo, come tradizione, un jack audio.

SCHEDA: Huawei Mate Xs

8.0

Fotocamera

Huawei Mate Xs è dotato di una tripla fotocamera molto interessante. Abbiamo un sensore principale da 40 megapixel ƒ/1.8, un secondo sensore grandangolare da 16 megapixel ƒ/2.2, una fotocamera zoom con rapporto 2x rispetto alla principale (è una 8 megapixel ƒ/2.4) e infine un sensore ToF che aiuta nel ritaglio dei soggetti in primo piano per creare una sfocatura artificiale. I risultati non stupiscono e sono in linea con le aspettative. Si tratta di un set di fotocamere da vero top di gamma, ma nel 2019. Poco male, ma è giusto sapere che Huawei stessa nel 2020 ha leggermente alzato l’asticella. Di giorno otteniamo foto veramente ottime, con colori perfetti e un alto livello di dettaglio. Con il calare della luce si ottengono ancora scatti interessanti, così come anche al buio, dove però P40 Pro fa meglio sia in automatico che in modalità notturna. La modalità notturna in certi casi realizza foto un po’ troppo rumorose.

Bene i video, che sono registrabili sia a 30fps che a 60fps sia in 4K che in FullHD. Le immagini sono definite e stabili. Il grande vantaggio di questo gruppo di fotocamere è che possono essere utilizzate in toto anche per scattarsi selfie. La comodità di poter utilizzare la fotocamera grandangolare o il sensore migliore anche per la modalità selfie per qualcuno potrebbe essere una delle chiavi per scegliere questo prodotto piuttosto di altri. Anche utilizzando le fotocamere in modo classico si può mostrare sulla porzione di schermo posteriore un’anteprima per chi si sta facendo fotografare.

8.5

Display

Questo smartphone è dotato di un unico pannello plastico OLED da 8 pollici che può essere piegato in due parti. Quella più grande frontale è uno schermo da 6,6 pollici che è poi quello che utilizzerete la maggior parte del tempo. La risoluzione totale è di 220 x 2480 pixel e la qualità della schermo è notevole, senza ombra di dubbio. La piega del display è a malapena visibile una volta che lo schermo è disteso e si nota solo ad angolazioni estreme (o con una forte luce diretta). L’ampio raggio di curvatura ha poi ridotto anche i problemi al tatto e lo schermo risulta abbastanza piatto. Sul display plastico è presente di fabbrica una pellicola protettiva. Nel periodo di utilizzo noi abbiamo utilizzato Mate Xs come qualsiasi smartphone e senza quindi farci troppi problemi di poggiarlo solo su superfici morbide. È anche vero però che non potendo muoverci lo abbiamo tenuto molto poco in tasca, in auto o altre situazioni a rischio. Durante il nostro test (durato ormai oltre 2 settimane) però non si è formato nessun graffio sulla superficie esterna. Difficile pensare che non succederà mai, ma quantomeno non sembra accadere rapidamente. La pellicola può essere sostituita per far tornare lo smartphone come nuovo, ma solo dai centri assistenza Huawei. Lo svantaggio della pellicola è che è molto elettrostatica e attira molta polvere su di sé.

6.5

Software

Mate Xs arriva sul mercato con Android 10 e EMUI 10.0.1, al momento della nostra prova aggiornato con le patch di febbraio 2020. Questo software ha quindi la classica personalizzazione di Huawei che aggiunge tutta una serie di funzioni che abbiamo già visto nei suoi smartphone. In questo caso la vera novità è la gestione dello schermo diviso, decisamente più completa (e godibile) rispetto agli altri modelli. Trascinando lateralmente attiviamo infatti un menù che permette di aprire una seconda app, o affiancata o sovrapposta. Questo è molto comodo nel caso vogliate per esempio guardare un video in una schermata ma continuare a chattare con gli amici. Sempre in multitasking si possono eseguire delle operazioni come copiare testo o allegare file, trascinando quello che desideriamo semplicemente da un’app all’altra (se affiancate). Purtroppo le ottimizzazioni per questo ampio display finiscono qui. Speriamo in qualche funzione dedicata nei prossimi aggiornamenti. Ovviamente anche questo Mate Xs è google-free. Noi, dopo oltre 10 giorni, abbiamo voluto testare (anche per spirito di curiosità) un metodo per installare Play Store e servizi Google su questo telefono. Almeno per la prima parte ha funzionato ma non essendo un metodo ufficiale, non possiamo garantire che funzionerà sempre e quindi non consigliamo di acquistare questo smartphone pensando di avere i servizi Google garantiti. Anzi: Huawei Mate Xs ha i servizi Huawei garantiti e quelli sono indubbiamente il futuro di questo e di tutti gli altri smartphone Huawei.

8.0

Autonomia

La batteria è una 4.500 mAh che ci ha sempre garantito risultati sopra le aspettative, arrivando ampiamente alla fine di qualsiasi giornata di utilizzo. In base a come è stato questo utilizzo si può pensare anche di usarlo anche per parte della seconda giornata, ma non per un secondo giorno completo. Mate Xs è dotato poi di ricarica da ben 65W, in sostanza rapida quasi quanto quella di molti portatili. Non è presente la ricarica wireless.

5.0

Prezzo

Huawei Mate Xs viene venduto in Italia a 2599€. Più caro quindi di circa 600€ rispetto allo smartphone pieghevole più caro sul mercato. Qui abbiamo però un pannello più ampio e la connettività 5G. Ma soprattutto abbiamo un design esotico e allo stesso tempo folle. È un prodotto che punta al mercato del lusso e pertanto il prezzo è inquadrato. Un peccato però per chi sperava, quando è stato annunciata questa versione rivista, in un prezzo più vicino a quanto già in commercio.

Tutte le migliori offerte per Huawei Mate Xs

Foto

Giudizio Finale

Huawei Mate Xs

8.0

Huawei Mate Xs

Huawei Mate Xs è lo smartphone più spettacolare degli ultimi anni. Un prodotto complesso e fuori scala, così come il suo prezzo che lo posiziona direttamente fra i prodotti di lusso e non fra quelli di consumo. Lo schermo esterno è sì a rischio graffi ma se trattato con cura sembra resistere bene alla vita quotidiana. E poi c'è il fattore app: ce ne sono tante nello store Huawei, ma dovete sapere di non aver bisogno di quelle di Google.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Esclusivo e futuristico
  • Schermo ottimo
  • Cerniere molto robuste
  • Buona autonomia (e ricarica rapida)
Contro
  • Prezzo "fascia lusso"
  • Software con poche funzioni specifiche
  • Non per chi utilizza molto i servizi Google
  • Niente ricarica wireless
Huawei Mate Xs

Huawei Mate Xs

8.0

  • CPU
    octa 2.86 GHz
  • Display
    8" 2200 x 2480 px
  • RAM
    8 GB
  • Fotocamera
    40 Mpx Æ’/1.8
  • Batteria
    4500 mAh

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina AndroidWorld ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.