8.3

Huawei Ascend P7, la recensione (foto e video)

video Emanuele Cisotti -




Recensione Huawei Ascend P7

Huawei Ascend P6 era un buon prodotto, ma per vari motivi è stato difficile indentificarlo come vero top di gamma. Senza cambiare troppo le carte in tavola Huawei ci vuole riprovare con un Ascend P7 che vuole stupire il più possibile. Ci è riuscito? Scopriamolo nella recensione.

7.0

Confezione

All’interno della confezione abbiamo un contenuto piuttosto standard: alimentatore da 1A, cavo USB-microUSB, piccola clip per rimuovere la microSIM e la microSD e un paio di cuffie stereo di tipo “classico” di buona qualità, ma quando ormai lo standard sembra essere l’in-ear (per molti migliore perché rimane meglio nell’orecchio) la scelta non ci ha convinto molto.

8.5

Costruzione ed Ergonomia

Huawei Ascend P7 08

Senza voler stravolgere il design di P6, Huawei ha voluto comunque puntare il più possibile sul design del proprio smartphone che infatti fa della qualità costruttiva uno dei suoi punti forte. Abbiamo un fronte-retro completamente in Gorilla Glass 3, racchiuso da un bordo in metallo, che strizza (molto) l’occhio ad iPhone. La parte inferiore è però stondata, andando a creare una linea caratteristiche anche del precedente modello. Il pannello sotto al vetro posteriore ha un elegante trama geometrica, visibile con nitidezza però solo nella variante bianca. In mano lo smartphone si tiene abbastanza bene e non invidia molto ai concorrenti da 5 pollici, nonostante l’estrema sottigliezza (che è sì elegante ma spesso è un intoppo per la portabilità). Meno comodo di un Samsung Galaxy S5, ma con un grip molto maggiore a M8 di HTC. Non si utilizza bene con una sola mano, ma è una pretesa che non si può avere da un 5 pollici.

7.5

Hardware

Huawei Ascend P7 12

Una pecca e tanti pregi. Ecco il rapido riassunto delle caratteristiche tecniche di questo Huawei Ascend P7. La pecca, se così possiamo definirla, è nel processore HiSilicon Kirin 910T quad core da 1,8 GHz (CPU Cortex A9) che non è all’altezza (e i benchmark lo confermano) di nessuno degli altri processori “top” dei concorrenti. Il resto delle caratteristiche invece non delude. Abbiamo 2 GB di RAM, 16 GB di memoria interna espandibili tramite microSD, NFC, Wi-Fi a/b/g/n e bluetooth alla versione 4.0. L’audio ha un ottimo volume e una qualità nella media, ma lo speaker è posizionato in modo un po’ infelice, ovvero sul retro completamente piatto del dispositivo.

7.5

Fotocamera

La fotocamera di Huawei Ascend P7 è un’ottima sorpresa. Si tratta dell’ultimo sensore di casa Sony da 13 megapixel retroilluminato (ma senza stabilizzazione ottica) che scatta ottime foto in 4:3 con un buon numero di dettagli, un rumore digitale accettabile e ben contrastate. Non è perfetta e a volte non risulta infallibile. Comoda la funzione per scattare a telefono bloccato premendo due volte il tasto del “volume giù”. La foto viene scattata in modo molto rapido ed entro 1,5 secondi (secondo i nostri test) dalla pressione del tasto, anche se non a risoluzione piena. Molto buona anche la fotocamera frontale da 8 megapixel (sempre Sony BSI). Non farà gridare al miracolo per la qualità, ma vista l’altra risoluzione le foto scatatte potrete tranquillamente utilizzarle per vari scopi, grazie anche alla funzione di autoritratto panoramica (o groufie come l’ha simpaticamente chiamata Huawei).

SAMPLE: FotoVideo

8.5

Display

Huawei Ascend P7 03

Lo schermo da 5 pollici è in tecnologia IPS e ha una risoluzione di 1920 x 1080 pixel. Ovviamente non esiste nessun “problema” di risoluzione e la luminosità è ottima, come anche è molto buono il contrasto e gli angoli di visione. Il bilanciamento del colore non è perfetto, ma Huawei ha introdotto una funzione per regolare la “temperatura” e permetterci quindi di correggere il tutto via software. È già applicata una pellicola ad ulteriore protezione (oltre al Gorilla Glass 3) che ha il piccolo svantaggio di trattenere abbastanza le impronte digitali.

7.0

Software

screenshot Huawei Ascend P7 floating appscreenshot Huawei Ascend P7 lockscreen

Android è alla versione 4.4 KitKat, mentre l’interfaccia è la Emotion UI “numero” 2.3. Il salto rispetto alla 1.5 dei precedenti modelli farebbe pensare ad una rivoluzione ma così non è e noi la definiremmo meglio una “levigatura” dei dettagli. I tantissimi temi disponibili (si parla di oltre 100 anche se ora ce ne sono alcune decine) permettono di personalizzare secondo il proprio gusto il sistema, anche mescolando vari elementi andando a pescare da ciascuno di quelli installati. Il sistema non è purtroppo fluido ed è proprio nel menù del telefono che si hanno i maggiori rallentamenti, ma noi consideriamo il tutto (benché non trascurabile) un “prezzo da pagare” per il basso costo del telefono.

Simpatica la possibilità di accedere ad alcune funzioni a schermo bloccato, funzione che esteticamente ricalca in modo pesante i menù di iOS 7 di iPhone. Proprio da lì vengono altre ispirazioni stilistiche. Molto comode le tantissime opzioni per gestire i permessi, le notifiche ed il consumo energetico di ogni singola applicazione. Le tante notifiche a riguardo che riceverete nei primi giorni di utilizzo potrebbero spaventare i meno avvezzi ma fare contenti molti utenti pro. Tra le funzioni esclusive troviamo un piccolo menù da tenere a bordo schermo, che ci permette anche di aprire 5 applicazioni (non modificabili) in finestra. Disponibile una funzione di “non disturbare” notturna e la possibilità di abilitare alcune gesture.

Software: Browser

Se il sistema non è molto ottimizzato, il browser lo è ancora meno. Molti i rallentamenti sui siti pesanti, ma nessun problema sulla maggior parte dei siti (ancora di più se ottimizzati per mobile). Chrome preinstallato non risolve il problema.

Software: Multimedia

Dal punto di vista multimediale molto buone tutte le app presenti: musica, video, galleria e radio FM, anche se nessuna offre spunti innovativi ma si “limitano” a fare bene il loro lavoro.

6.5

Autonomia

La batteria è da 2500 mAh, nella media per questa fascia di dispositivi: più di Nexus 5 e meno di One M8 e Galaxy S5. Con un uso medio intenso si arriva senza problemi ad ora di cena, ma probabilmente non fino all’ora di andare a letto. Il risultato è quindi simile a Nexus 5, ma lontano da One M8 e Galaxy S5 (intendiamo con questo che l’autonomia non è drasticamente inferiore, ma a parità -o quasi- di batteria l’ottimizzazione è peggiore).

8.5

Prezzo

Il prezzo di lancio in Italia è di 399€, un prezzo che è di molto inferiore ai 699€ (o quasi) richiesti per tutti gli altri top di gamma. Complimenti a Huawei per il coraggio di abbassare così tanto i prezzi di lancio. Certo Huawei non deve sostenere i costi pubblicitari di altri brand, ma è comunque il terzo vendor mondiale di telefoni e la sua politica non può essere paragonata ai low cost di Oppo o OnePlus.

Acquisto

Huawei Ascend P7 sarà disponibile da fine maggio in Italia. Alcuni store come ePRICE e Euronics lo hanno già in preordine.

Benchmark

benchmark Huawei Ascend P7

Foto

Giudizio Finale

Huawei Ascend P7

8.3

Huawei Ascend P7

Huawei Ascend P7 è un telefono alla pari sotto moltissimi aspetti con gli altri top di gamma: schermo, fotocamere, RAM, ecc... Huawei ha scelto di risparmiare il più possibile creando la CPU in casa e un prezzo da pagare per questo c'è: un software ben fatto ma non sempre fluido. Se la fluidità generale per voi è una priorità questo smartphone non fa per voi. Lo è se preferite per esempio la qualità fotografica. La qualità costruttiva è poi superiore a una parte della concorrenza e il design può ammaliare molti, magari "iPhone-indecisi" o comunque chiunque tenga di conto dell'estetica del proprio telefono. Non sarà il killer-smartphone per Huawei, ma è di sicuro il miglior smartphone che l'azienda cinese abbia mai prodotto, permettendogli di battagliare con la concorrenza più blasonata, con un prezzo molto concorrenziale.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Ottima qualità costruttiva
  • Super-sottile
  • Fotocamera molto buona
  • Ottimo schermo
Contro
  • La CPU non è all'altezza
  • Alcuni rallentamenti nel sistema
  • Il browser non è ben ottimizzato per i siti pesanti
  • Non tutti possono amare il design "iPhone"