Huawei Ascend P6, la recensione

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti

Recensione Huawei Ascend P6

Huawei ha già da tempo deciso di aggredire il mercato italiano (e non solo, ovviamente) con dispositivi molto ricercati e che si discostino dall'idea di azienda di dispositivi low cost. Ascend P6 è in qualche modo l'emblema di questa scelta di "rivalsa" da parte di Huawei.

PRO

  • Ottima costruzione e bel design
  • Memoria espandibile
  • Prezzo molto aggressivo
  • Molte impostazioni

CONTRO

  • Prestazioni inferiori alle aspettative
  • Autonomia ridotta
  • Leggero surriscaldamento

Confezione

La confezione di Ascend P6 è molto elegante e al suo interno troviamo delle piccole scatole che contengono a loro volta manuali, cuffie stereo con telecomando, il cavo USB-microUSB e l'alimentatore italiano. Con grande sorpresa troviamo anche una cover in silicone che, ovviamente, calza a pennello con il nostro P6, non andando a gravare troppo su peso e maneggevolezza.

Costruzione ed Ergonomia

Benché le linee siano palesemente ispirate a quelle di iPhone 4/4S, non possiamo comunque fare a meno di complimentarci con Huawei per l'ottima qualità costruttiva di questo smartphone. Con l'unica eccezione della banda stondata inferiore, tutto lo smartphone è realizzato in metallo. Il retro è nero satinato, mentre la cornice è argentata. In mano il dispositivo si utilizza molto bene nonostante le sue forme abbastanza spigolose e la sua estrema sottigliezza. Geniale e allo stesso tempo pessima, la scelta di inserire la puntina per rimuovere microSIM e microSD nel foro delle cuffie. Il dispositivo tende a scaldare abbastanza rapidamente se eseguiamo operazioni un po' più complesse (o più a lungo). Con l'ultimo aggiornamento la situazione è però molto migliorata.

Hardware

Ascend P6 è dotato di un processore quad core di casa Huawei a frequenza di 1,5 GHz.

La webcam frontale è da ben 5 megapixel

Questo processore sembra non riuscire ad essere performante come la concorrenza ed è l'unico punto su cui lo smartphone da l'impressione di essere un "low cost". Le prestazioni non sono entusiasmanti e potrebbero (un po' ad occhio lo ammettiamo) essere diminuite ancora dopo l'aggiornamento che ne ha contenuto il surriscaldamento. Abbiamo poi una fotocamera da 8 megapixel che realizza buoni scatti, ma che non riesce a distinguersi particolarmente. La webcam frontale è da ben 5 megapixel, che cattura quindi abbastanza dettagli per una videochiamata in HD, ma che non ha la qualità per essere usata come fotocamera vera e propria. Manca NFC, mentre la memoria da 8 GB è espandibile tramite microSD (dimostrando che metallo e sottigliezza, non sono sinonimi di memoria non espandibile). La RAM è da 2 GB.

Display

Lo schermo da 4,7 pollici (che aiuta quindi a mantenere le dimensioni più contenute rispetto agli standard attuali) è un bel TFT con risoluzione HD (1280 x 720 pixel). Buona la luminosità (molto alta se impostata al massimo) e anche i relativi angoli di visione. E' poi possibile utilizzarlo anche con i guanti.

Software

La Emotion UI di Huawei propone tutte le applicazioni direttamente sulla home, spingendo l'utente ad organizzarle quindi in pagine od in cartelle. Le personalizzazioni sono molte e in tanti casi richiamano quelle dei firmware MIUI. Avremmo quindi la possibilità di bloccare alcuni permessi delle applicazioni, controllare l'accesso alla barra delle notifiche da parte delle applicazioni e monitorare i software che consumano più energia o anche cambiare tema.  La scelta di rimuovere il drawer con le applicazioni è interessante, ma per qualcuno potrebbe risultare scomodo (sarà allora vostra premura cambiare launcher). Tra i software preinstallati troviamo anche un file manager, un software per gestire i backup, un blocco note, una torcia e altre piccole utility.

Software: browser

Il browser presente è abbastanza fluido, ma tende comunque a rallentare con l'apertura di siti web più impegnativi, mettendo a dura prova il processore che in certe situazioni tende ad arrancare.

Software: multimedia

Molto ben disegnati il player audio e la galleria (che si occupa anche di riprodurre i video). Presente anche un piccolo editor di filmati, un registratore di note e la radio FM.

Autonomia

L'autonomia di questo Ascend P6 ha faticato a convincerci. Forse a causa del già citato processore poco performante i 2000 mAh della batteria a volte non basteranno a portare a conclusione la vostra giornata lavorativa, costringendovi a ricaricarlo ben prima di sera.

Prezzo

Il prezzo di vendita è di 399€, ma ormai sono già disponibili varie offerte che vi permettono di portarvelo a casa a meno.

Foto

Giudizio Finale

Huawei Ascend P6

Huawei Ascend P6 ci è sembrato un ottimo balzo in avanti per Huawei, un prodotto che segna un netto punto di rottura con il passato. Costruttivamente è realizzato con un prodotto di fascia alta, ma viene invece proposto ad un prezzo molto concorrenziale. Il suo processore è probabilmente il suo vero tallone d'Achille, influenzando prestazioni, surriscaldamento e autonomia.

Sommario

Confezione 8

Costruzione ed Ergonomia 8

Hardware 7

Display 8

Software 7

Autonomia 6

Prezzo 7

Voto finale

Huawei Ascend P6

Pro

  • Ottima costruzione e bel design
  • Memoria espandibile
  • Prezzo molto aggressivo
  • Molte impostazioni

Contro

  • Prestazioni inferiori alle aspettative
  • Autonomia ridotta
  • Leggero surriscaldamento

Emanuele Cisotti
Emanuele Cisotti Vive nel mondo della telefonia dal Nokia 3210 e nel mondo di linux da Ubuntu 5.04. Se potesse vivrebbe anche in un mondo di Lego e in uno di musica elettronica.
Huawei Ascend P6

Huawei Ascend P6

  • Display 4,7" HD / 720 x 1280 PX
  • Fotocamera 8 MPX
  • Frontale 5 MPX
  • CPU quad 1.5 GHz
  • RAM 2 GB
  • Memoria Interna 8 GB Espandibile
  • Batteria 2000 mAh
  • Android 4.2 Jelly Bean

Commenta