Recensione CarDongle: tutte le app (e il Play Store) su Android Auto (foto e video)

Android Auto Emanuele Cisotti -




Recensione CarDongle

Android Auto è indubbiamente uno dei temi più caldi di questi ultimi anni. La possibilità di interagire con il proprio mondo (fatto di musica, notifiche e molto altro) direttamente dal monitor della propria auto o usando i comandi vocali, è sicuramente qualcosa che interessa a qualsiasi automobilista. Android Auto è un sistema ben fatto (seppur ricco di molti bug), ma anche fortemente limitato. Ma il fatto che Android Auto sia limitato è una scelta voluta: impedire che un sistema più complesso e ricco di quello attuale possa distrarre alla guida.

C’è però chi vorrebbe comunque spingersi oltre e utilizzare le proprie app preferite in auto. Ci sono già moltissimi autoradio con Android a bordo, ma oggi parleremo di un piccolo accessorio, chiamato CarDongle, che permette di eseguire qualsiasi app Android sul display della propria auto. CarDongle è stato lanciato come progetto Indiegogo qualche mese fa e avevamo provato uno dei primi prototipi del mondo, quando ancora si chiamava CarDroid.

L’idea è semplice, ma anche un po’ magica. Per far funzionare questo sistema bisogna semplicemente collegare CarDongle alla porta USB dell’auto, quella a cui solitamente collegate il cavo per far funzionare Android Auto (o anche l’iPhone per CarPlay, tanto solitamente le auto hanno entrambi i sistemi) e l’auto avvierà in automatico il sistema operativo installato all’interno. Fine. Ci sono solo due requisiti fondamentali affinché CarDongle funzioni: avere Android Auto nella vettura e avere uno schermo touch (e che il touch sia abilitato in Android Auto). Non sappiamo di preciso quale sia la “magia” che fa sì che l’auto avvi un sistema Android completo presente nella chiavetta rispetto ad un qualsiasi Android Auto, ma funziona.

I passaggi per rendere CarDongle perfettamente funzionanti saranno quelli di abilitare il tethering Wi-Fi e quello Bluetooh sul vostro smartphone, per fornire connessione dati al prodotto e anche per far sì che lo smartphone sia sempre connesso al sistema e quindi anche di poter rispondere alle chiamate in arrivo, benché sfruttando in ingresso il microfono di CarDongle e non quello dell’auto.

CarDongle si presenta con un’interfaccia molto pulita e semplice con 8 applicazioni mostrate per schermata e la possibilità di scorrere queste pagine lateralmente tramite controlli touch. E da qui potrete fare tutto. O quasi. In questa ultima versione è presente il Play Store preinstallato e la lingua italiana, rendendo il suo funzionamento decisamente più appagante rispetto a quanto visto qualche mese fa. In più abbiamo provato la versione con 4GB di RAM (e 64 GB di memoria interna), invece di quella con la metà della RAM. La differenza è sensibile: nel caso scegliete il modello più completo. Le applicazioni che abbiamo provato sono molteplici. App come YouTube, Facebook, Chrome e VLC funzionano senza problemi. Anche solo questi quattro software possono ampliare molto il numero di possibilità offerte da uno strumento simile, ma non ci fermiamo qui. Giochi semplici come il Solitario hanno funzionato alla perfezione e qualsiasi altra app senza grafica 3D non avrà problemi. Noi abbiamo provato TripAdvisor, Amazon, Dropbox o una semplice app per riguardare le notifiche, che arrivano a schermo ma non sono poi consultabili. Anche un’app come Telegram funziona perfettamente, permettendo anche di guardare foto, ascoltare messaggi vocali e qualsiasi altra cosa vi venga in mente.

L’unico vero grande assente è WhatsApp: non lo troverete nel Play Store. Poco male, basterebbe installare l’apk, ma tenete conto che dovreste uscire dal WhatsApp sul vostro telefono per poterlo sfruttare in auto. Finché WhatsApp non implementerà un vero sistema di utilizzo di più dispositivi sarà inutile. E poi c’è Netflix, che funziona, seppur ogni tanto con qualche blocco quando si interagisce con l’interfaccia. Il sistema scorre abbastanza fluido quando si gestisce un’app alla volta, ma inizia ad arrancare se fate un po’ di multitasking, per esempio saltando da Telegram a Tik Tok e poi a Chrome. Ma perché dovreste farlo? (Perché sì può, dovreste rispondere).

Chiudiamo con il capitolo navigazione stradale: Maps e Waze funzionano bene e offrono tutte le funzioni della variante per smartphone, quindi più di quelle che trovereste in Android Auto. La navigazione però mostra evidenti enormi problemi, probabilmente dovuto al fatto che il GPS utilizzato è quello di CarDongle e che quindi il segnale sarà probabilmente schermato dalla carrozzeria della vostra auto. Nel caso potrebbe valer la pena utilizzare una prolunga USB per posizionarlo sul cruscotto. Una soluzione un po’ improvvisata.

CarDongle al momento è ancora in vendita “scontata” su IndieGogo al prezzo di circa 90€ per la variante 4/64, l’unica che consiglieremmo. Siamo rimasti sorpresi dalla semplicità e dalle possibilità offerte dal prodotto, ma ci sono delle premesse che dobbiamo assolutamente fare prima di lasciarci alle conclusioni. Come abbiamo detto in apertura Android Auto è un sistema pensato per darvi più funzionalità possibili, riducendo però al minimo le possibilità di distrarvi. Apprezziamo molto questa tecnologia, ma chi vi scrive già è contrario all’utilizzo degli schermi touch con l’auto in movimento (per darvi un’idea). Andare ad “aggirare” Android Auto con un sistema come CarDongle può essere molto pericoloso. CarDongle per come la vediamo noi non dovrebbe mai essere utilizzato da chi guida quando l’auto è in movimento, ed è per questo che a domanda diretta risponderemmo che “non lo consigliamo”. Il discorso cambia molto però se passate molto tempo con l’auto ferma: CarDongle può offrirvi la comodità di usare un grande schermo già presente nella vostra auto e l’impianto multimediale integrato per godere appieno di tutte le app presenti su Android. Non è quindi un prodotto per tutti e ciascuno dovrebbe avere l’onestà di rinunciare alla tentazione di avere YouTube alla guida, per la sicurezza di tutti (e anche perché in caso di incidente l’assicurazione non vi ripagherebbe), ma può comunque essere un’alternativa molto interessante, elegante ed economica agli autoradio con Android.

Aggiornamento11/03/2020

Abbiamo realizzato un articolo dove parliamo delle critiche mosse a CarDongle.

Giudizio Finale

CarDongle

CarDongle

CarDongle è un prodotto magico: trasforma Android Auto in un sistema Android completo, con tanto di Play Store e lingua italiana, dove poter installare tutte le app a piacimento. Basta avere Android Auto e uno schermo touch. Può essere un'alternativa molto elegante ai vari autoradio con Android: si usa Android Auto alla guida e quando si è fermi si inserisce la chiavetta e si naviga su Chrome o si guarda un video di YouTube. Semplice e funzionale. Nonstante questo lo consiglieremmo solo a chi sa veramente quello che fa (anche nel finanziare progetto su IndieGogo). E non fatene l'uso sbagliato.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Semplice da mettere in funzione
  • Semplice tornare ad Android Auto
  • "Tutte" le app del Play Store
  • In italiano
Contro
  • Non sempre velocissimo
  • Non adatto alla navigazione stradale
  • Qualche sporadico rallentamento
  • Qualche blocco su Netflix