8.3

ASUS Zenfone Max Pro (M1), la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti




Recensione ASUS Zenfone Max Pro (M1)

Non confondetelo con lo Zenfone Max Plus (M1) perché, per fortuna, non ha molto a che spartirci. Questo nuovo Zenfone Max Pro (M1) punta ancora di più sulla batteria e ha anche un altro asso nella manica: una versione del software totalmente stock per la prima volta per ASUS.

LEGGI ANCHE: Recensioni ASUS

7.0

Confezione

La confezione di Max Pro (M1) contiene all’interno un alimentatore 5V/2A, un cavo USB/microUSB e un paio di cuffie stereo in-ear con adattatori. Peccato per l’alimentatore non potentissimo, ma bene per le cuffie.

7.5

Costruzione ed Ergonomia

Il design di Max Pro (M1) è dei più comuni e abusati di recente, ma non per questo brutto. Lo smartphone ha un profilo in plastica che va poi a stringere la placca in metallo del retro dai lati corti. In mano lo smartphone è godibile come altri smartphone medio gamma ed è anche nel complesso leggero, se consideriamo la batteria sovradimensionata che alimenta questo smartphone. Parliamo infatti di 180 grammi: non male. I tasti fisici sul lato destro si premono bene e hanno un buon feedback.

8.0

Hardware

All’interno di questo Zenfone Max Pro (M1) abbiamo un buon processore per la sua fascia, ovvero uno Snapdragon 636 octa core da 1,8 GHz con Adreno 509 come GPU e ben 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna. In più è possibile espandere questa memoria senza dover rinunciare al secondo slot nanoSIM. Benché questa sia la configurazione da noi provata fate attenzione perché ne esiste una più economica da 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna. Discreta la connettività: abbiamo il Wi-Fi n a singola banda, il Bluetooth 5.0, l’LTE a 150 Mbps (quindi niente 4G+) e la radio FM. Lo speaker è mono ed è posizionato nel bordo inferiore, dove trova spazio anche il jack audi oda 3,5mm e anche la porta microUSB. Sì, purtroppo ancora niente USB-C. Sul retro invece un veloce e preciso lettore di impronte digitali.

SCHEDA: ASUS Zenfone Max Pro (M1)

6.5

Fotocamera

Questo nuovo Zenfone è dotato di una doppia fotocamera da 13 megapixel ƒ/2.2 e 5 megapixel ƒ/2.4. L’interfaccia di scatto è personalizzata da ASUS e offre una serie di opzioni, anche se alcune un po’ ridondanti o inutili. È possibile comunque sfruttare il secondo sensore per fare foto con effetto sfocatura. Le immagini hanno un discreto dettaglio, anche se i colori spesso non sono risultati naturali e questo in certi casi ha un po’ compromesso il risultato finale dell’immagine. Anche le forti luci possono mettere in difficoltà questa fotocamera, che è comunque accettabile nella fascia di prezzo, ma non è il motivo per cui comprare questo smartphone. Le stesse considerazioni valgono anche per i video, fino al 4K, un po’ tremolanti e con una frequente messa a fuoco continua durante la registrazione. La fotocamera frontale da 8 megapixel è discreta, anche se soffre degli stessi problemi di cui sopra.

SAMPLE: Foto – Video

8.0

Display

ASUS Zenfone Max Pro (M1) è dotato di un display da 6 pollici e risoluzione FullHD+ (1080 x 2160 pixel) realizzato in tecnologia IPS. I colori sono abbastanza brillanti e la luminosità è nel complesso buona, anche se in termini di contrasto si poteva forse chiedere di più. Bisogna comunque ricordarsi che si tratta di un medio gamma dal prezzo contenuto e che anche solo la risoluzione FullHD+ non è affatto da dare per scontata.

8.0

Software

Questo Zenfone nasconde una bella novità rispetto a quanto abbiamo visto fino ad oggi da parte dell’azienda taiwanese. Per la prima volta lo smartphone è dotato di Android stock ovvero totalmente epurato da tutta la personalizzazione estetica di ASUS. Non sono necessariamente convinto che un Android pulito sia sempre la soluzione migliore, ma in questo caso è indubbio che il software ASUS non abbia sempre convinto in passato e che un’alternativa “pulita” potrebbe avvicinare molte persone al brand. Al momento abbiamo Android 8.1 Oreo aggiornato con le patch di agosto nel momento in cui stiamo registrando il video. Il software è genericamente fluido e non abbiamo mai notato cali di prestazioni o di velocità. Un vero piccolo Pixel. ASUS personalizza solo il software della fotocamera, la radio FM e poco altro.

8.5

Autonomia

ASUS Zenfone Max Pro (M1) è dotato di una batteria da ben 5000 mAh, ovvero una delle più grandi batterie che troviamo in qualsiasi smartphone (escludendo i così detti “cinesoni”). I risultati sono molto incoraggianti e con un utilizzo medio si riesce ad arrivare ai due giorni completi, mentre con un utilizzo intenso arriverete a fine giornata sempre con ancora un buon quantitativo di batteria da utilizzare la mattina successiva. Veramente niente male.

8.0

Prezzo

Questo smartphone ASUS viene commercializzato a 249€ nella versione da noi provata, disponibile sul sito ASUS, oppure a 199€ per la variante 3/32, su Amazon decisamente un bel prezzo per uno smartphone che ha un paio di punti importanti a suo favore.

Foto

Giudizio Finale

ASUS Zenfone Max Pro (M1)

8.3

ASUS Zenfone Max Pro (M1)

ASUS Zenfone Max Pro (M1) è uno smartphone unico nel panorama attuale degli smartphone: Android stock e batteria da 5000 mAh. Se cercate uno smartphone con queste caratteristiche lo avete trovato e il resto a "contorno" non vi deluderà.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Leggero e sottile (nella sua categoria)
  • Ottima autonomia
  • Software pulito e fluido
  • Seconda SIM + microSD
Contro
  • Design molto anonimo
  • Porta microUSB
  • Nessuno spunto software
  • Wi-Fi monobanda