8.5

ASUS Zenfone 5Z, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione ASUS Zenfone 5Z

È passato poco più di un mese da quando abbiamo provato Zenfone 5 e oggi torniamo sull’argomento ASUS grazie alla versione top di gamma di questo prodotto, ovvero Zenfone 5Z.

LEGGI ANCHE: Recensioni ASUS

7.5

Confezione

All’interno della confezione di ASUS Zenfone 5Z troverete un alimentatore 9V/2A, un paio di discrete cuffie stereo in-ear con adattatori e il cavo USB/USB-C. Gradito l’omaggio di una custodia trasparente in silicone.

8.0

Costruzione ed Ergonomia

ASUS Zenfone 5Z dal punto di vista costruttivo è esattamente lo stesso prodotto rispetto al modello medio gamma. Lo smartphone è realizzato con un vetro piatto sul fronte-retro e con un profilo metallico opaco molto gradevole. In mano lo smartphone trasmette una sensazione premium e non vi farà assolutamente pentire dei soldi spesi. Il design non è dei più originali e sul retro troviamo infatti un modulo con la doppia fotocamera leggermente sporgente e che sa un po’ di “già visto”. Sotto il vetro troviamo un bell’effetto circolare ormai iconico per gli smartphone ASUS. Peccato per l’assenza di impermeabilità, che lo avrebbe reso sicuramente un vero top dal punto di vista costruttivo.

9.0

Hardware

Se la scocca è uguale, non è invece assolutamente uguale l’hardware che abbiamo a disposizione. Troviamo un processore Snapdragon 845 octa core da 2,7 GHz con GPU Adreno 630, 6 GB di RAM e 64 GB di memoria espandibile, utilizzando lo slot ibrido del carrellino di questo smartphone. Si tratta quindi di un vero hardware da top di gamma, accompagnato anche da una buona connettività: Wi-Fi ac a doppia banda, Bluetooth 5.0, LTE fino a 1200 Mbps e NFC. Non manca il led di notifica sulla parte frontale e il lettore di impronte digitali sul retro abbastanza rapido e preciso. Non manca la radio FM (che però è raggiungibile solo tramite le scorciatoie nelle notifiche), non manca il supporto alla doppia SIM e il jack audio da 3,5 millimetri. Discreto l’audio stereo, dove il secondo speaker è la capsula auricolare.

SCHEDA: ASUS Zenfone 5Z

8.0

Fotocamera

Non ci sono grossi cambiamenti rispetto alla fotocamera del modello “non Z”, sebbene qui il processore d’immagine portato in dote dallo Snapdragon 845 sia migliore. Abbiamo sempre un sistema di doppia fotocamera: una 12 megapixel e una 8 megapixel grandangolare da 120°. Il software non offre molte funzionalità e la modalità più particolare è sicuramente quella di sfocatura (che troviamo anche sulla concorrenza). Le foto vengono scattate rapidamente e con una precisa messa a fuoco. Il dettaglio è buono e i colori sono corretti, ma non sempre il calcolo dell’esposizione fa il suo dovere e con le luci forti l’HDR non sembra compensare a dovere. Può quindi capitare di fare foto sovraesposte o sottoesposte, in base a dove abbiamo deciso di mettere a fuoco. Presente anche l’intelligenza artificiale che non è possibile disattivare. Riconosce un gran numero di scene e applica un miglioramento in tempo reale. Il rilevamento ci è parso molto buono e le modifiche non troppo invasive (ma come detto non disattivabili).

Nel complesso è quindi una buona fotocamera e l’effetto grandangolare è sicuramente molto comodo e divertente in certe circostanze. Andrà bene per buona parte degli utilizzi ma non raggiunge la qualità di altri top di gamma.

Non male i video che hanno una buona fluidità grazie alla possibilità di registrare anche in 4K video a 60 fps. Presente la stabilizzazione ottica e anche una discreta stabilizzazione elettronica attiva però solo fino al 4K 30 fps. Con la videocamera grandangolare i video vengono registrati al massimo in Full HD. Discreta anche la fotocamera frontale da 8 megapixel ƒ/2.0 che può anche emulare via software l’effetto di profondità e lo fa discretamente. I video da questa fotocamera si possono registrare in Full HD.

SAMPLE: FotoVideo

8.5

Display

Non ci sono novità nel display che rimane un buon 6,2 pollici Full HD+ (ovvero 2246 x 1080 pixel) in tecnologia IPS. Ovviamente in 18:9. Non avrà i neri più profondi ma rimane comunque un display di alta qualità, con una buona luminosità (che regola bene in automatico) e colori intensi, che è possibile modificare con varie impostazioni. Apprezzabile la modalità che regola in automatico la tonalità dello schermo in base alla luce ambientale. Peccato non sia presente una modalità di display always-on. Presente nella parte superiore un notch che include la capsula auricolare i sensori e la fotocamera frontale.

8.5

Software

Il software ASUS non è cambiato in questo Zenfone 5Z rispetto a Zenfone 5, ma è comunque cambiato rispetto alla precedente generazione, con un sistema decisamente più pulito, meno denso di funzionalità magari meno utili, ma comunque ricco di opzioni e di applicativi ASUS. Quello che è cambiato anche rispetto al modello da poco recensito sono le prestazioni, decisamente più brillanti e reattive su questo modello, che dimostra non solo più potenza ma anche una migliore ottimizzazione. Non cambia la gestione del notch che difficilmente riesce a mostrare più di una notifica, sopratutto se utilizzate due SIM. Basta un tap per mostrare le icone delle altre applicazioni che hanno generato notifiche. Non la soluzione più comoda, ma comunque non un intralcio troppo serio nell’utilizzo quotidiano.

Tra le funzioni aggiuntive troviamo lo sblocco facciale, discreto ma non perfetto, il Game Genie per massimizzare le performance di gioco, i temi, le ZenMoji (molto poco riuscite), la possibilità di personalizzare il menù di navigazione, le Twin Apps per le app gemelle e Page Marker che aumenta le funzioni del browser Chrome permettendo di salvare offline articoli da leggere successivamente.

Il software è basato su Android 8.0 Oreo con le patch di giugno nel momento in cui scriviamo la recensione e ha ricevuto ben 2 aggiornamenti nelle ultime 2 settimane.

7.5

Autonomia

Discrete l’autonomia con la batteria da 3300 mAh, anche utilizzandolo intensamente vi porterà a fine giornata, anche se non più di questo. Peccato, ma è comunque presente non solo il Quick Charge 4.0 per una ricarica super rapida, ma anche la funzione di caricamento AI per far sì che il telefono impari le vostre abitudini di ricarica e se siete soliti caricarlo di notte interrompa la ricarica verso l’80% caricandolo poi al 100% poco prima di svegliarvi per non sottoporre ad inutili stress la batteria.

8.0

Prezzo

ASUS Zenfone 5Z ha un prezzo di 499€ ed è quindi ufficialmente uno dei top di gamma più economici di questo 2018, il che non è affatto una cosa da poco. Ci vogliono 100€ in più per la variante con 8 GB di RAM e 256 GB di memoria interna.

Acquisto

ASUS Zenfone 5Z è disponibile sullo store ASUS al prezzo di 499€ e 599€ per la versione da 8 GB di RAM.

Foto

Giudizio Finale

ASUS Zenfone 5Z

8.5

ASUS Zenfone 5Z

ASUS Zenfone 5Z è senza ombra di dubbio il miglior smartphone ASUS degli ultimi anni. Finalmente una dovuta pulizia software, prestazioni ottimali, un hardware potente ed un prezzo competitivo. Il mercato ormai offre anche altre alternative a parità di prezzo, ma Zenfone 5Z merita la sua chance.

di Emanuele Cisotti
Pro
  • Design accattivante
  • Buon display
  • La seconda fotocamera grandangolare è divertente
  • Hardware potente
Contro
  • Sblocco facciale non sempre perfetto
  • Si deve scegliere fra seconda SIM e microSD
  • La fotocamera può migliorare
  • Non è impermeabile
ASUS Zenfone 5Z (ZS620KL)

ASUS Zenfone 5Z (ZS620KL)

confronta modello