Anche nel 2021 Google si è impegnata per rendere il Play Store un posto migliore

Anche nel 2021 Google si è impegnata per rendere il Play Store un posto migliore
Vito Laminafra
Vito Laminafra

Google si impegna costantemente per rendere il Play Store un posto privo di "app e sviluppatori cattivi": anche nel 2021, gli sforzi dell'azienda si sono focalizzati sullo scovare ed eliminare app malevole o semplicemente non aggiornate agli attuali standard di sicurezza, in modo tale da rendere il suo store un posto migliore per gli utenti.

Nel 2021, oltre 1.2 milioni di app sono state bloccate prima di essere pubblicate sul Play Store poiché violavano le norme dello store, mentre sono stati cancellati oltre mezzo milione di account di sviluppatori ormai inattivi e abbandonati. Google ha poi parlato di come l'aggiornamento ad Android 11 abbia migliorato la sicurezza degli utenti: "il 98% delle app che sono aggiornate ad Android 11 o versioni successive hanno ridotto l'accesso alle API più sensibili e ai dati degli utenti" ha dichiarato l'azienda.

Infine, Google ha parlato dell'importanza dei modelli d'apprendimento automatico degli smartphone Pixel nel rilevamento di malware in Google Play Protect: il rilevamento viene eseguito in locale sullo smartphone e viene utilizzata una tecnologia chiamata "federated analytics" che tutela della privacy ma che al tempo stesso scopre effettivamente le app malevole. In questo modo si riescono ovviamente ad aiutare tutti gli utenti dello store, visto che Google può facilmente rimuovere l'app incriminata.

Via: 9to5Google
Mostra i commenti