Google potrebbe finalmente risolvere uno dei talloni d'Achille dei Pixel

Google potrebbe finalmente risolvere uno dei talloni d'Achille dei Pixel
Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca

Questo è un periodo di grandi preparativi in casa Google, con l'azienda che si appresta a tenere l'evento più importante dell'anno quando si tratta di smartphone.

Siamo infatti all'alba della presentazione ufficiale dei nuovi Pixel 8, i quali arriveranno il prossimo 4 ottobre, e che dovrebbero introdurre un buon numero di novità rispetto alla generazione precedente.

La novità che sicuramente sarà più tangibile consiste nel processore. Google infatti ha sviluppato la terza generazione del suo processore Tensor, il quale promette di risolvere uno dei punti critici che hanno caratterizzato le generazioni precedenti, ovvero il surriscaldamento.

Stando infatti a quanto rifertito dal leaker Tech_Reve, il nuovo Tensor G3 che troveremo nei Pixel 8 di Google potrà contare sulla tecnologia wafer fan-out o FO-WLP. Questa è caratteristica anche di alcuni processori prodotti da Samsung, esattamente come il Tensor G3, e ha lo scopo di migliorare la gestione del riscaldamento del processore durante il suo funzionamento.

Questo suggerisce che il processore dei nuovi Pixel 8 dovrebbe offrire delle prestazioni termiche migliori rispetto ai suoi predecessori.

Rimane da capire se tale miglioramento sarà tangibile nell'utilizzo quotidiano.

Oltre a questi miglioramenti sul fronte della gestione termica, sappiamo che il nuovo Tensor G3 offrirà delle prestazioni simili allo Snapdragon 8 Gen 2, con miglioramenti rispetto alle generazioni precedenti concentrati soprattutto sulla resa della GPU.

Mostra i commenti