Le modalità desktop e smart speaker sono 2 delle tante funzioni nascoste di Android 13

Le modalità desktop e smart speaker sono 2 delle tante funzioni nascoste di Android 13
Antonio Lepore
Antonio Lepore

Nella settimana che si sta concludendo, Google ha introdotto sui suoi Pixel le patch di sicurezza di dicembre 2022 e soprattutto Android 13 QPR1 grazie all'ultimo Pixel Feature Drop dell'anno. In particolare, Android 13 QPR1 – ovvero il primo aggiornamento trimestrale dell'ultima versione del S.O. – nasconde molte funzionalità su cui gli utenti metteranno le mani più avanti. A scoprire quali siano le novità ci ha pensato, come al solito, Mishaal Rahman, il quale ha analizzato il codice sorgente di Android, scovando le novità che potrebbero arrivare nei prossimi mesi e che non saranno un'esclusiva dei Pixel.

La modalità Desktop

La modalità "desktop", fino ad ora, è stata completamente assente sugli smartphone Pixel, mentre sui dispositivi di altri marchi – come Samsung – è disponibile una modalità che consente di trasformare il cellulare in un dispositivo all-in-one. Tuttavia, le modalità desktop offerte dai produttori di terze parti presentavano una criticità: questi lavori, non essendo supportati direttamente da Google, hanno provocato una diffusa frammentazione che non ha consentito agli sviluppatori di app di offrire supporto a questi progetti.

Per ovviare a questa criticità, il codice sorgente di Android 13 QPR1 contiene nuove parti di codice che "certificano" la volontà di Google di rendere la modalità desktop – aggiunta silenziosamente già in Android 10 – maggiormente utilizzabile da parte di tutti gli utenti. In particolare, l'azienda si sta concentrando sui miglioramenti alle finestre ed alla barra delle applicazioni. Per avviare la funzionalità, invece, occorre attivare un paio di flag che aggiungeranno alle "Opzioni sviluppatori" un inedito "Riquadro sviluppatore per impostazioni rapide" che, infine, consentirà di aggiungere un apposito nuovo toggle nel centro di controllo. Ulteriori miglioramenti a riguardo, infine, potrebbero arrivare con Android 13 QPR2.

La Taskbar di Android 12L sugli smartphone

Con Android 12L fu introdotta una nuova barra delle applicazioni utilizzabile esclusivamente sui dispositivi con schermi che presentano una densità di pixel maggiore o uguale a 600 dpi. Tuttavia, questo criterio è modificabile utilizzando le opzioni sviluppatori e quindi è possibile abilitare la barra su tutti i telefoni.

Ovviamente l'interfaccia risulta scomoda da utilizzare e per ovviare a tale criticità sembrerebbe che Google si sia messa a lavoro. Difatti, in Android 13 QPR1 c'è un flag che permette di nascondere la barra di navigazione e far apparire quella delle applicazioni.

Il salvaschermo di Android 13 che "converte" il Pixel Tablet in un Nest Hub

In vista del lancio del nuovo Pixel Tablet, Google sta rinnovando il salvaschermo di Android per aggiungere complicazioni e widget. Android 13 QPR1, infatti, aggiunge: "Smartspace" (è il nome in codice di "At a glance", "Media entry" (sarebbe il controller multimediale) e "Home controls" (consente di controllare i dispositivi della smart home).

In definitiva, tramite Pixel Tablet si potrà avviare uno screensaver che mostrerà molte informazioni, al punto da poterlo definire un nuovo "Nest Hub".

Orologi personalizzati per la schermata di blocco

Si pensava che questa opzione in grado di personalizzare lo stile dell'orologio nella schermata di blocco dovesse essere lanciata con Android 12 ed invece nulla.

Ora, invece, Android 13 QPR1, grazie ad una modifica che introduce la sezione "Orologio personalizzato" nell'app "ThemePicker", fa ipotizzare che Google abbia ripreso le attività per concretizzare questa funzionalità.

Condivisione parziale dello schermo

Con Android 13 QPR1 viene aggiunto il supporto alla possibilità di registrare una sola porzione di schermo. Questa opzione si potrà selezionare direttamente dalla finestra di dialogo per la registrazione dello schermo. Ad oggi, però, la funzione è attivabile esclusivamente tramite un flag di funzionalità.

Avviare Google Keep da ogni schermata

In Android QPR1 Google ha introdotto una speciale di finestra mobile delle attività diversa da quelle a forma libera. Quando viene abilitata, la barra delle applicazioni riceve un pulsante con l'icona di una penna che permette di avviare Google Keep in modalità di scrittura.

VPN Avanzata

Un'altra novità contenuta nel codice sorgente di Android 13 QPR1 fa ipotizzare dei possibili lavori circa una nuova funzionalità di VPN avanzata che apparirà nelle impostazioni apposite di Android.

A riguardo, però, mancano ulteriori informazioni.

Supporto allo split-screen Android TV

Android TV 13 introduce una modalità picture-in-picture estesa che consiste nell'affiancamento di due finestre (simile a quanto avviene già sugli smartphone o tablet Android). Tra l'altro, viene aggiunto un inedito menu "Schermo diviso TV" che consente all'utente di passare da un'app all'altra oppure di uscire dalla modalità chiudendo una delle due applicazioni.

Le ultime due novità – oltre a quelle più piccole – riguardano il supporto alla modalità immersiva in Android Automotive OS, che consiste nella possibilità di aumentare l'area di visualizzazione a tutto schermo grazie ad un toggle nella barra del titolo, e la modifica riguardante l'opzione "Tocca rapido". Sembrerebbe, infatti, che il rilevamento dei gesti di "Tocco rapido" verrà gestito dall'app Android System Intelligence. Tale scelta potrebbe essere motivata dalla presunta ricerca di maggiore privacy.

Mostra i commenti