Google rilascia la nuova app Glass Enterprise Companion

Riservata ai Pixel, è descritta come un portale per la connessione tra telefono e Glass Enterprise
Google rilascia la nuova app Glass Enterprise Companion
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari

Dopo aver annunciato un programma di accesso anticipato a funzioni AR per le aziende interessate, Google ha silenziosamente reso disponibile la sua app Glass Enterprise Companion per i telefoni Pixel. 

Per chi non lo ricordasse, i Google Glass Enterprise Edition sono la versione dei Google Glass per le aziende, dopo l'addio al mondo consumer, e le novità di ottobre sono possibili occhiali grazie alla potenza computazionale del chip Tensor all'interno dei Pixel.Ma torniamo all'app e vediamo cosa permette effettivamente di fare.

Canale Telegram Offerte

Google descrive l'app Glass Enterprise Companion un "portale per connettere il telefono con i dispositivi Glass Enterprise", ed è in effetti utilizzata per configurare i dispositivi Glass Enterprise Edition 2.

Come potete vedere dagli screenshot sottostanti, l'app è in stile Material 3, e mostra in alto lo stato delle connettività Bluetooth e Wi-Fi. In basso potete accedere alle impostazioni degli occhiali, che consentono di

  • Condividere le reti WiFi
  • Impostare i fusi orari e la lingua del sistema Glass
  • Regolare la luminosità e il volume

Sotto, troviamo a una "vista speculare", che mostra probabilmente cosa viene proiettato sugli occhiali, le impostazioni dell'app e la gestione delle app integrate.

Queste sono le tre funzioni ad accesso anticipato che avevamo visto a ottobre:

  • Lingua: abilitare la trascrizione e la traduzione tra più lingue
  • Google Tasks: integrazione con Google Tasks per mostrare gli elenchi di attività degli utenti e impegnarsi nella lettura, nel completamento e nell'aggiornamento delle attività
  • Fotocamera aziendale: possibilità di scattare foto e video e salvarli direttamente sul telefono associato

Ricordiamo che i Glass Enterprise erano nati come dispositivo autonomo, e all'I/O 2022 Google aveva dichiarato di voler utilizzare il tethering wireless e le capacità di machine learning del processore Tensor dei Pixel per consentire "trascrizioni e traduzioni più accurate ed efficienti", nonché "altri vantaggi di elaborazione complessivi".

È quindi una sorpresa notare che la nuova app Glass Enterprise Companion sia disponibile non solo per i telefoni Pixel 6, 6 Pro, 6a, 7 e 7 Pro, ma anche per Pixel 5, che utilizza un chip Qualcomm Snapdragon.

Google non è l'unica a cercare questo approccio.

Sembra infatti che anche Apple, per i suoi occhiali AR previsti per il 2024, prevede di affidare la potenza computazionale ai telefoni connessi. Oltre a questo, un altro requisito per installare la nuova app è disporre di un account Workspace gestito. Per curiosità, qui trovate il link per vedere l'app sul Play Store.

Mostra i commenti