Android dividerà gli smartphone in "classi di performance"

Il mio top è più top del tuo!
Android dividerà gli smartphone in "classi di performance"
Nicola Ligas
Nicola Ligas

Android 12 introduce le "performance class", un nuovo modo di classificare i dispositivi Android, mai impiegato finora.

Ciascuna performance class è definita da un set di capacità che lo smartphone deve soddisfare per rientrarvi. Vengono presi in esame vari aspetti, dalla fotocamera, alla riproduzione di contenuti multimediali, alla risoluzione del display, la velocità di lettura/scrittura, la memoria ecc.

Per esempio, per rientrare nella attuale classe più alta, è necessaria una fotocamera principale da almeno 12 megapixel con registrazione video in 4K@30fps, almeno 6 GB di RAM, e un display full HD con oltre 400ppi, oltre ad altri requisiti.

Ogni versione di Android avrà la sua corrispondente performance class, nominata con lo stesso numero di versione di Android (si parte comunque con la 11), come illustrato nell'immagine qui sopra. Il relativo set di regole da rispettare sarà deifinito dall'Android Compatibility Definition Document (qui potete scaricare il PDF di quello attuale) di quella specifica versione, ed ogni dispositivo Android dovrà dichiarare la sua classe di appartenenza.

Il motivo di tutta questa classificazione è che così facendo le app saranno a conoscenza della performance class del dispositivo su cui girano, e di conseguenza lo sviluppatore potrà fornire esperienze personalizzate a seconda del caso, in modo che le applicazioni diano sempre il meglio, indipendentemente dalla potenza del dispositivo in questione, o proprio per sfruttare la sua eventuale marcia in più rispetto ai rivali.

Chiariamo inoltre, a scanso di equivoci, che le performance class (al momento) non sono un pre-requisito per l'aggiornamento. Un dispositivo può passare ad una nuova versione di Android senza cambiare classe di rendimento, anche perché di anno in anno i requisiti saranno sempre più elevati, ed è logico che prima o poi non saranno più rispettabili da un vecchio dispositivo.

Di fatto le performance class sono un modo per raggruppare gli smartphone, indipedentemente dalla versione di Android, e per far sì che le app possano sfruttare questa informazione a tutto vantaggio dell'esperienza utente. La teoria insomma è ottima, staremo a vedere come andrà in pratica.

Commenta