Amazon e Google litigano ancora: niente più noleggio o acquisto sull'app di Prime Video

Amazon e Google litigano ancora: niente più noleggio o acquisto sull'app di Prime Video
Lorenzo Delli
Lorenzo Delli

Sull'app Android di Prime Video, il servizio di streaming di casa Amazon incluso nella sottoscrizione a Prime, non si può più noleggiare o acquistare film. La notizia è di qualche giorno fa, e segue a ruota quanto successo con gli ebook sull'app Kindle.

Il bello è che Amazon non ha dato avviso ufficiale della cosa, né tramite canali ufficiali né nel changelog dell'applicazione sul Play Store. Anzi, tra le caratteristiche dell'app si legge ancora la dicitura relativa alla presenza di acquisti in-app, ovvero quelli utili ad acquistare e noleggiare film o l'accesso a canali di terze parti.

Il perché di questa scelta è da ricercarsi nelle nuove commissioni applicate da Google. A partire dal mese di aprile, tutte le società con un fatturato superiore al milione di dollari dovranno pagare una commissione del 30% a Google per ogni acquisto in-app effettuato su applicazioni scaricate dal Play Store. E ovviamente Amazon ha deciso di non sottostare alle nuove policy, trovando nuovo terreno di scontro con Google.

Provando, sull'app Android di Prime Video, ad acquistare un film tra quelli non presenti nel catalogo in streaming come ad esempio Spider-Man: No Way Home, si viene accolti dalla nuova dicitura "Come posso guardare questo titolo?". Premendo il tasto in questione appare il suggerimento che ci dice che per guardare questo titolo si deve acquistarlo o noleggiarlo direttamente dal sito di Amazon, anche da dispositivo mobile. Come si evolverà la situazione è ancora difficile da capire. L'unica cosa sicura è che le nuove policy di Google non piacciono ad Amazon, e che l'eventuale "litigio" tra le due realtà non porterebbe a nulla di buono, né per le società né tanto meno per gli utenti.

Mostra i commenti