Pixel 6 e 6 Pro si affacciano al modding: disponibile il primo custom kernel

Pixel 6 e 6 Pro si affacciano al modding: disponibile il primo custom kernel
Vito Laminafra
Vito Laminafra

Il modding è una delle ragioni per cui gli smartphone Android hanno avuto tanto successo durante gli anni e, in particolare, i dispositivi Google sono sempre stati i più utilizzati dalla community di sviluppatori per quanto riguarda la creazione di firmware personalizzati. Gli ultimi Pixel non sono da meno ed è dunque arrivato il primo custom kernel.

Google infatti ha pubblicato da diverso tempo tutto il necessario per creare modifiche software, ma la presenza del nuovo chip Tensor ha reso sicuramente la vita degli sviluppatori più comlicata: fortunatamente l'utente XDA Freak07 è riuscito ad aggiornare il suo kernel Kirisakura anche per Pixel 6 e 6 Pro.

Il kernel è segnato come "Preview": questo vuol dire che è ovviamente ai primi stadi dello sviluppo e potrebbe essere instabile. Il procedimento di installazione è un po' diverso rispetto al solito e dunque si dovrà procedere con il flash tramite fastboot di specifiche immagini.

Nel caso vogliate provare ad installare Kirisakura, vi rimandiamo alla pagina ufficiale sul forum XDA: a tal proposito, vi ricordiamo che è necessario effettuare prima lo sblocco del bootloader, con conseguente perdita di tutti i dati salvati sul dispositivo.

Google Pixel 6

Google Pixel 6

  • Display 6,4" FHD+ / 1080 x 2400 PX
  • Fotocamera 50 MPX ƒ/1.9
  • Frontale 8 MPX ƒ/2.0
  • CPU octa 2.8 GHz
  • RAM 8 GB
  • Memoria Interna 128 / 256 GB Espandibile
  • Batteria 4614 mAh
  • Android 12
Google Pixel 6 Pro

Google Pixel 6 Pro

  • Display 6,7" QHD+ / 1440 x 3120 PX
  • Fotocamera 50 MPX ƒ/1.9
  • Frontale 11,1 MPX ƒ/2.2
  • CPU octa 2.8 GHz
  • RAM 12 GB
  • Memoria Interna 128 / 256 / 512 GB Espandibile
  • Batteria 5000 mAh
  • Android 12

Commenta