Google apre agli sviluppatori l'accesso al chip UWB: nuove funzionalità in arrivo

Se avete un telefono che la supporta
Google apre agli sviluppatori l'accesso al chip UWB: nuove funzionalità in arrivo
Alessandro Nodari
Alessandro Nodari

La banda ultra larga (UWB) è considerata la prossima grande novità nel mondo della connettività, in quanto offre un trasferimento dati ad alta velocità e un posizionamento in interni molto preciso, aprendo così le porte a nuove possibilità che sono state sfruttate solo da Apple. Il nuovo Pixel 6 Pro è dotato di UWB, anche se per ora Google lo utilizza solo per la sua "Condivisione nelle vicinanze" per trovare o inviare rapidamente dati ai dispositivi compatibili nelle vicinanze.

Ora, come condiviso da Mishaal Rahman su Twitter, l'azienda di Mountain View sta lavorando a un'API UWB pubblica che potrà essere utilizzata da app di terze parti che richiedono un posizionamento preciso.

La tecnologia può anche consentire ai tag di tracciamento di condividere dati più precisi sulla posizione in interni, come fa Apple con AirTag e iPhone, e Tile sta già lavorando a un tracker UWB compatibile. I dispositivi compatibili dovranno dichiarare il supporto API utilizzando "android.hardware.uwb" in modo che le app di terze parti possano utilizzarlo. Telefoni Samsung come Galaxy Note20 Ultra, Z Fold3 e S21 Ultra sono già dotati di banda ultra larga, ma l'azienda utilizza un'implementazione personalizzata ("samsung.hardware.uwb"), che non si sa se sarà compatibile con quella di Google. 

Come se non bastasse, Google ha inserito un annuncio di lavoro su LinkedIn per un ingegnere del software per lavorare sulla banda ultra larga di Android che menziona anche il mantenimento di uno stack UWB per Wear OS, anche se al momento non esistono smartwatch con Wear OS dotati di un chip a banda ultra larga. Entro la fine dell'anno, Google utilizzerà UWB per trasformare il telefono in una chiave digitale per auto e questo potrebbe essere solo l'inizio.

Mostra i commenti