Salve a tutti.
Ho acquistato a Maggio fa questo splendido cellulare principalmente per le caratteristiche audio.
Sono un audiofilo di vecchia data e ascolto musica con un impianto costituito da componenti riconosciuti come ottimi, per questo mi aspettavo... speravo in una portatilità di musica degna di questo nome.
Su tutti i dispositivi, anche con cuffiette di discreta marca ho ascoltato solo bassissima qualità.
Ultimamente avevo acquistato degli auricolari della Sennheiser (mod. cx-200) e la cosa era già migliorata un po' (samsung note 2)
Ma passiamo alla prova...
1) Prima di tutto... il volume sonoro! E per volume intendo la pressione sonora SENZA DISTORSIONE, a gracchiare forte son buoni tutti! Finalmente un volume ed un suono degni di tal nome

Qui faccio un confronto tra le due cuffie, la Sennheiser e la B&O in dotazione.
Plauso ad entrambe per la pressione sonora che riescono a mantenere SENZA distorcere, e quindi senza affaticare l'orecchio. Una pressione paragonabile a quella che si ha un minuto prima che venga il vicino a bussare per dire di abbassare quello stereo!!! E c'è un'altra tacca ancora, ma la sopporto per poco tempo! Potentissima l'amplificazione di questo V20!
La Sennheiser è più abbondante (forse troppo!!!) di bassi, ma in questo modo riesce a far sembrare il basso quasi "fisico", da discoteca, per intenderci. Tanto per intenderci: nel brano iniziale Speak to me, dell'album "The dark side of the moon" dei Pink floyd, già dopo 10 secondi si percepisce il basso con le tedesche (senn.) mentre le olandesi (B&O) lo cominciano a dare doppo 13 secondi, ovviamente a parità di volume.
Per contro tutto il resto del programma musicale è lievemente più impastato. Stiamo parlando comunque di non molta diffrrenza. le B&O sono cristalline.. quasi monitor! Nei pienoni orchestrali si percepisce qualsiasi strumento e si può seguirne l'evoluzione.
Morale: due cuffiette entrambe eccellenti.
La B&O con quel qualcosa in più che ad un purista musicale può far davvero piacere.

2) collego il dispositivo all'amplificatore (Audio Analogue) e ascolto (casse Dromos Caanto) in parallelo Also sprach Zarathustra: la stessa versione in cd sull'impianto e in flac sull V20.
Che dire? Più che differenze... piccoli dubbi.. passo da una fonte all'altra più volte e non riesco ad ascoltare differenze davvero notevoli. Sempre sfuggevoli dettagli.
Vado a memoria sui genesis.. horizon's.. fantastiche armoniche escono dalla chitarra di Steve Hachett! La voce della Streisand è sempre cristallina e presente...
Sono davvero impressionato...
Passo ad una webradio "audiophile" (europaradiojazz) e... fantastico! Sarà l'entusiasmo sarà non so cosa... ma non avverto differenze tra il V 20 e il PC con buonissima scheda audio. Quello che moi meraviglia è la limpidezza delle voci e il "microcontrasto nelle armoniche dei suoni!
Passo all'impossibile: spotify!
Be... qui il suono rimane gradevolissimo ma si avvertono i limiti dell'mp3!
In ogni caso siamo pur sempe ad un livello di ascolto eccellente.
Ritorno al file in flac interno per testare spannometricamente il livello di uscita. Alzo decisamente il volume V 20 e... Barbra... mia dolcissima Barbra! Che voce incredibile hai! Porto il volume del l'ampli al massimo: certamente il livello di uscita "cuffia" del v 20 non è propriamente quello di un preamplificatore, ma comunque il volume così ottenuto è ai limiti dell'assordante. Certamente molto, MOLTO più alto di quello che normalmente si ascolta in casa.
Che dire...
...se penso che per ascoltare la musica COSI' 20 anni fa si dovevano sborsare cifre incredibili (...una decina di stipendiucci!!!)
Davvero una buona cosa questo V20. Spero solo di trovarne un altro con caratteristiche audio simili quando tra qualche anno deciderà di abbandonarmi.

E grazie a voi della pazienza!

P.S.: aggiungo che il cavo con cui ho collegato il V 20 all'ampli è lungo 12 (DODICI) metri!!! Ovviamente con uno più corto il tutto migliorerà ancora!