Android 13 DP2 è ora disponibile per Oppo, OnePlus, Realme, Vivo e Nokia

Android 13 DP2 è ora disponibile per Oppo, OnePlus, Realme, Vivo e Nokia
Antonio Lepore
Antonio Lepore

In autunno Google dovrebbe rilasciare Android 13, l'ultima versione del sistema operativo che arricchirà ulteriormente le funzioni di tanti smartphone. Nel frattempo, il team di sviluppatori sta lavorando alacremente sull'ottimizzazione del SO, così come testimoniano le varie Developer Preview disponibili non soltanto sui Google Pixel ma anche su altri smartphone, tra cui OPPO Find X5 Pro, Realme GT2 Pro, Vivo X80, Vivo X80 Pro e OnePlus 10 Pro. Per questi smartphone, infatti, è disponibile la build basata su Android 13 Developer Preview 2.

Nel dettaglio, ovviamente si tratta di versioni non ancora stabili, che potrebbero presentare vari bug più o meno importanti (e prima dell'installazione è sempre consigliabile effettuare il backup dei dati). Inoltre, soltanto per Oppo Find X5 Pro la build di Android 13 Developer Preview è disponibile sia per la versione cinese che per quella globale. Per gli altri smartphone, invece, la DP2 di Android 13 è disponibile soltanto per le varianti cinesi.  Tra l'altro, qualche giorno dopo, anche per Nokia X20 è stata resa disponibile la Developer Preview 2 di Android 13. L'update viene distribuito sotto forma di versione software V3.080 con patch di sicurezza di giugno 2022.

Per i Google Pixel, invece, è già disponibile la terza beta pubblica di Android 13. Tra le novità, i pulsanti a forma di ellisse con riquadro colorato in modo uniforme, inedita interfaccia utente per l'impostazione dedicata all'impronta digitale, possibilità di aggiungere suggerimenti per le ricerche su internet tramite la barra di ricerca di Pixel Launcher e tanto altro ancora, come potrete leggere in questo nostro articolo.

Per quanto riguarda le novità di Android 13, sul palco del Google I/O è stato evidenziato che l'ultima versione del SO introdurrà importanti passi in avanti sulla privacy e sicurezza, personalizzazione e supporto agli schermi più grandi. In particolare, il colosso di Mountain View sta lavorando con operatori e produttori per facilitare il passaggio dagli SMS agli RCS (Rich Communication Services), che a differenza dei semplici messaggi, garantiscono maggiore protezione e consente di vedere quando il vostro interlocutore vi sta scrivendo (oltre a permettere l'invio di foto, GIF, emoji e scrivere tramite Wi-Fi invece che attraverso l'operatore).

Mostra i commenti