Google svela Pixel 6 e Pixel 6 Pro, i primi con il nuovo SoC Tensor (foto e video)

Per la presentazione ufficiale dovremo ancora attendere, ma Google sembra pronto a dare battaglia
Google svela Pixel 6 e Pixel 6 Pro, i primi con il nuovo SoC Tensor (foto e video)
Nicola Ligas
Nicola Ligas

Con una mossa a sorpresa, tipicamente da Google, Pixel 6 e Pixel 6 Pro sono appena stati svelati (possiamo chiamarlo "teaser"?) con 2 mesi circa di anticipo su quello che sarà il lancio ufficiale, previsto "in autunno" (molto probabilmente ad ottobre). L'annuncio di oggi di Google infatti non verte tanto sugli smartphone, dei quali apprendiamo comunque diversi dettagli, quanto sul SoC che li animerà: Tensor, il primo processore custom specifico per Pixel. Lo scopo di Tensor è chiaro: costruire una piattaforma per dispositivi mobili che permetta a Google di portare le su ultime tecnologie basate su AI e machine learning agli utenti Pixel.

Google afferma di essere al lavoro su di lui da ben 4 anni, tanto per darvi un'idea!

Dal leggero telaio in alluminio lucido del 6 Pro, alla finitura in alluminio opaco del 6, con i nuovi Pixel Google punta a migliorare ogni aspetto, a cominciare dalle fotocamere posteriori completamente rinnovate, e disposte in una "camera bar" perché c'era bisogno di più spazio di quanto il tradizionale quadrato potesse offrire.

La presenza di Tensor significa in breve non solo funzioni interamente nuove, non disponibili in precedenza, ma anche miglioramenti a quelle pre-esistenti, in ambito fotografico ma non solo (Google parla proprio di riconoscimento del linguaggio naturale, tra gli esempi, ma sarà da vedere se anche in italiano).

Inoltre, unendo il nuovo security core di Tensor a Titan M2, i Pixel 6 avranno più layer hardware di sicurezza di qualsiasi altro smartphone.

Google chiude lasciando un link al Google Store, che è pericolosamente disponibile solo nella versione USA (non "solo" in realtà, ma comunque non in Italia), dove c'è già una pagina approntata per i Pixel 6, grazie alla quale apprendiamo anche i colori che saranno disponibili: nero, argento e oro per Pixel 6 Pro, e nero, verde acqua e rosso per Pixel 6. Proprio la stampa statunitense è già stata invitata ad una demo dei due smartphone, seppure senza un reale hands-on ad accompagnarla, almeno per adesso. Speriamo solo che Google non ci lasci fuori dai giochi, come lo scorso anno con Pixel 5, perché questa volta sì che lo rimpiangeremmo davvero.

Fonte: Google

Commenta