Huawei P50 Pro è il top di gamma che rimpiangerete di più, secondo DxOMark

Huawei P50 Pro è il top di gamma che rimpiangerete di più, secondo DxOMark
Nicola Ligas
Nicola Ligas

"Eccezionale in ogni campo": così DxOMark descrive le fotocamera di Huawei P50 Pro, testimoniando ancora una volta quanto l'intero settore mobile abbia perso dalla "estromissione" di Huawei, per mano degli USA. La concorrenza, innegabilmente, fa sempre bene al mercato, e quindi anche agli utenti. In attesa quindi di capire se e quando la serie P50 sarà disponibile anche da noi, vediamo cosa ci aspetta dalle sue foto. Riassumiamo intanto le specifiche delle fotocamere in oggetto:

  • Principale: 50 MP (12,5 MP output), 23 mm-equivalent f/1.8, OIS
  • Monocromatico: 40 MP (output 10 MP), 26 mm-equivalent f/1.6
  • Grandangolo: 13 MP, 13 mm-equivalent f/2.2
  • Teleobiettivo: 64 MP (16 MP output), 90 mm-equivalent f/3.5, OIS

Da sottolineare anche la presenza di un sensore di temperatura di colore multispettro, per ottimizzare il bilanciamento del bianco e la resa dei colori. Ed anche il monocromatico è diverso rispetto al passato, ed ora aiuta davvero nel migliorare i dettagli e ridurre il rumore, soprattutto con poca luce, oltre che per l'effetto bokeh simulato.

Il risultato è che c'è poco rumore in ogni situazione, assieme ad un ampio intervallo dinamico, mentre il bilanciamento del bianco è accurato e molto naturale, inclusi gli scatti col teleobiettivo (soprattutto di giorno e su distanze medio-lunghe); e tutto questo vale anche per i video, che sono poi ben stabilizzati.

I contro sono qualche perdita di fuoco con poca luce, e soprattutto il fatto che l'immagine di anteprima non corrisponde sempre allo scatto. I video in particolare soffrono un po' di esposizione, bilanciamento del bianco e rumore sulle texture con poca luce.

E giusto per non farsi mancare nulla, Huawei P50 Pro è primo anche nei selfie, con una buona esposizione dei volti, ampio intervallo dinamico, poco rumore (nelle foto, ma non nei video), e solo un po' di perdita nei dettagli fini e rari svarioni dell'autofocus.

Insomma, ancora una volta Huawei si conferma l'azienda da battere in ambito fotografico, peccato solo che la sua concorrenza non faccia paura come un tempo ai big del settore.

Fonte: DxOMark (1), (2)

Commenta