Unione tra OnePlus e OPPO: la OxygenOS continuerà ad esistere, parola di Pete Lau

Vito Laminafra -

È notizia di qualche giorno fa l’annuncio di una specie di unione ancor più profonda tra OnePlus e OPPO anche per quanto riguarda la divisione occidentale di OnePlus: pur non trattandosi di una vera e propria fusione, dato che ogni produttore continuerà a lavorare ai propri smartphone e software, alcuni utenti si sono preoccupati del fatto che la OxygenOS possa sparire del tutto.

LEGGI ANCHE: Realme GT 5G ufficiale in Italia

In Cina infatti gli smartphone OnePlus sono venduti con la personalizzazione Android ColorOS, sviluppata proprio da OPPO: fortunatamente a smentire il tutto è proprio il CEO di OnePlus, Pete Lau, che ha espressamente dichiarato che “OxygenOS rimarrà il sistema operativo per i dispositivi OnePlus globali, venduti al di fuori del mercato cinese”.

Oltre a ciò, il famoso leaker Evan Blass è entrato in possesso di alcuni documenti che spiegano al supporto tecnico di OnePlus cosa rispondere a domande relative ai sistemi operativi dell’azienda: in particolare, è scritto “non rispondere a nessuna domanda su OxygenOS o Color OS che riguarda l’annuncio di fusione. Utilizzare solo la risposta di seguito: Al momento non abbiamo aggiornamenti per quanto riguarda i sistemi operativi. Resta sintonizzato sui nostri canali ufficiali”.

Resta ad ogni modo da vedere se OnePlus riuscirà a mantenere fede alla sua politica di aggiornamenti veloci e più stabili anche ora che si troverà a lavorare a stretto contatto con OPPO.

Via: 9to5Google, Android Authority