SmartThings finalmente cambia volto: prima su Android, poi iOS

Guido Zipo Con cinque nuove macrocategorie e l'implementazione del protocollo Matter, Samsung raddoppia il suo sforzo verso l'unificazione del servizio SmartThings

Samsung ha annunciato oggi il rilascio della nuova interfaccia per la sua applicazione SmartThings. Le parole d’ordine sono un percorso utente più semplice e robusto e tempi di caricamento migliorati grazie alla nuova interfaccia.

Siamo lieti di presentare la nuova esperienza SmartThings. Abbiamo ascoltato i nostri clienti e abbiamo investito nella nostra tecnologia per migliorare l’esperienza dell’utente e renderla più semplice. Poiché le case intelligenti continuano a crescere in popolarità, SmartThings è la piattaforma ideale che consente a tutti di godersi una vita più intelligente con i dispositivi connessi

Il nuovo design suddivide l’applicazione in cinque diverse sezioni:

  • Preferiti si introduce come la nuova schermata iniziale con accesso rapido a dispositivi, scene e i servizi utilizzati più frequentemente.
  • Dispositivi è il centro di controllo di tutti i dispositivi smart associati: televisori, lampadine, elettrodomestici e quant’altro.
  • Vita è il luogo dove scoprire tutti i vari servizi forniti da SmartThings e le loro funzioni più avanzate.
  • Automazione come suggerisce il nome è la sezione dedicata alle automazioni, che permettono ai dispositivi collegati di funzionare in autonomia in determinate condizioni
  • Menu ospiterà le funzionalità aggiuntive di SmartThings tra cui SmartThings Labs, Notifiche, Cronologia e Impostazioni.

LEGGI ANCHE: iOS 15 permetterà di localizzare i dispositivi anche se spenti o resettati

La nuova interfaccia sarà disponibile a breve per i dispositivi Android, mentre iOS seguirà in un secondo momento. La decisione di rinnovare la UI è un passo successivo di Samsung verso l’uniformazione di SmartThings su più piattaforme visto anche il recente annuncio della versione Windows dell’applicazione.

A conferma di tutto ciò l’azienda sudcoreana ha confermato l’implementazione del protocollo Matter nel suo ecosistema, che permetterà a SmartThings di comunicare con servizi e prodotti di terze parti come Google Assistant, Amazon Alexa e Apple Homekit.

Fonte: Samsung Newsroom