Il primo video ufficiale di Android 12 è appena trapelato e sembra cremosissimo!

Il primo video ufficiale di Android 12 è appena trapelato e sembra cremosissimo!
Nicola Ligas
Nicola Ligas

Che ne direste di guardare un video ufficiale di Android 12 per rallegrarvi il weekend? Si perché Google quest'anno sembra voler davvero spingere sull'acceleratore, e dopo l'innovativo look dei nuovi Pixel 6 e Pixel 6 Pro, ci prova anche con Android 12, che sembra una delle versioni più attente al design, alle animazioni, ed alla fluidità di sempre. In una parola: cremosissimo! (Qualunque cosa significhi.)

Ma veniamo a noi. Autore del leak è sempre Jon Prosser, che è in settimana di grazia, con una serie di leak sia sul mondo Android che su quello Apple. Il video all'interno del quale ci mostra la promo-clip di Android 12 lo trovate qui sotto, al minuto 6:30 (abbiamo avanzato il timer per voi: prego!). Il resto del filmato è lui che fa il suo mestiere, e potete anche saltarlo se volete, ma quei 30 secondi meritano di essere visti. Fatelo! Vi aspettiamo.

Allora, ad onor del vero, come ammette lo stesso Prosser, non è che si capisca granché. Ci sono un sacco di passaggi diversi, di widget, di animazioni, ma il punto è proprio quello: esaltare la fluidità, la "ridimensionabilità" di tanti elementi della UI, e, per una volta, anche la consistenza. Android 12, da bravo sistema "maturo", punta sul look, sulla interattività, sul far sentire il controllo in punta di dito della propria interfaccia. (Sì, sto anch'io un po' esagerando con le iperboli.)

Ci sono però anche delle novità pratiche: ad esempio le icone delle notifiche nella barra di stato che possono essere raggruppate (anche se nel farlo si perde del tutto l'omogeneità con la metà destra della barra stessa). E sempre delle notifiche è possibile vedere il raggruppamento delle conversazioni, grazie anche a degli screenshot precedenti mostrati da Prosser, che vi riproponiamo in galleria qui sotto. Tra questi spicca quello per una ipotetica nuova tastiera, che però sarà senz'altro Gboard con un qualche tema/rivisitazione del layout.

È ovvio comunque che questa omogeneità generale sarà tale solo se lo vorranno i vari produttori. Qui ormai non parliamo più tanto di Android 12, quanto di Android di Google, quello che vedremo sui prossimi Pixel. Se seguire o meno questo stile stondato, queste linee morbide, queste forme geometriche, starà ai singoli OEM, che già hanno un po' ciascuno il proprio stile, e difficilmente si faranno influenzare, nemmeno da Google stesso.

Nel video inoltre non si fa menzione, né Prosser stesso lo cita (probabilmente perché lo ignora), del supporto ai temi. Da com'è stata realizzata la clip promo per Android 12 però, ci sembra piuttosto chiaro che a questo si alluda: di personalizzare la UI, sia nelle forme che nelle dimensioni, in modo da adattarla ai propri gusti. E per quanto sia vero che è Google ad essere rimasto molto indietro su questo punto di vista (ogni produttore ha in pratica il suo theme store ormai da anni), è anche bene che Google dica la sua: sia mai che ne venga fuori un po' più di coerenza per Android tutto.

Vi ricordiamo che il Google I/O inizierà martedì prossimo, 18 maggio, con il keynote delle ore 19 (italiane), e che oltre ad Android 12 e ai nuovi Pixel Buds A, potremmo avere un primo sguardo ufficiale anche sui Pixel 6, e poi su chissà cos'altro. Tornate a leggere le nostre pagine, perché avremo senz'altro modo di approfondire tutti gli aspetti più importanti.

Commenta