Tutte le app su Android Auto senza root: la chiave è AAAD, come installarla e usarla

Tutte le app su Android Auto senza root: la chiave è AAAD, come installarla e usarla
Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca

Android Auto è sicuramente uno di quei settori che ha riscosso sempre più interesse negli ultimi tempi, anche grazie a Google che ha deciso di investirvi più risorse. Abbiamo visto arrivare diverse novità su questa piattaforma, ma la sua versione ufficiale ovviamente non può accontentare tutti. L'universo degli sviluppatori di terze parti che ruota attorno ad Android Auto è, per fortuna, vasto e offre valide alternative. Esistono quindi diverse app di terze parti che permettono delle interessanti funzionalità extra, come la possibilità di accedere a YouTube, di riprodurre video, di impostare dei widget.

Insomma, tutte alternative che permettono di fare cose che solitamente non potreste fare con Android Auto. L'altro lato della medaglia consiste nel fatto che spesso queste app implicano delle complicate procedure d'installazione, a partire dall'acquisizione dei permessi di root.

Distrarsi alla guida è vietato e chi lo fa mette a rischio la vita degli altri ed è giustamente punibile dalla legge. Utilizzate le app non inerenti alla guida solo a veicolo fermo.

AAAD è la chiave di (s)volta per Android Auto

AAAD è l'acronimo di Android Auto Apps Downloader ed è stata sviluppata da Gabriele Rizzo (nostro collaboratore principale quando si parla di Android Auto). L'app consiste in un installer, ovvero un tool che facilita l'installazione di altre app. Può sembrare banale ma trattandosi di Android Auto è proprio l'opposto: come detto sopra, le app di terze parti per Android Auto richiedono al minimo che sul dispositivo vengano acquisiti i permessi di root, un'operazione che implica lo sblocco del bootloader e il conseguente reset dello smartphone. Altre procedure implicano l'esecuzione di comandi adb, tutte operazioni che non sono agili da compiere soprattutto per chi non si è mai addentrato in operazioni di modding.

Allora viene in soccorso AAAD, la quale è davvero a prova di profano, come abbiamo simulato di essere quando abbiamo provato a installarla sul nostro Pixel 3 XL. Di seguito elenchiamo i passi nel dettaglio:

  1. L'app si può scaricare gratuitamente da questo indirizzo, per installarla servirà soltanto concedere i permessi d'installazione a Chrome.
  2. Una volta installata verrete accolti dalla sua schermata home, all'interno della quale sono raccolte tutte le app di terze parti per Android Auto che potete installare.
  • Una volta scelta l'app, magari aiutandovi con il menù descrittivo associato a ogni app che appare dopo la pressione prolungata sulla stessa app, potete procedere all'installazione tappando sul messaggio di conferma. Alla prima installazione, dovrete concedere i permessi di installazione anche a AAAD.
  • Una volta conclusa l'installazione dell'app prescelta, potrete accedervi sia da smartphone che da Android Auto collegato nella vostra auto. Per alcune app può essere utile accedere prima da smartphone per configurare le impostazioni iniziali.
  • Con questi 4 semplici passi avrete AAAD pienamente funzionante e operativa, senza aver svolto alcuna operazione di modding sullo smartphone. Le successive immagini mostrano le potenzialità delle app incluse in AAAD. Andiamo a vederle insieme:

    • CarStream è un player YouTube a tutti gli effetti. I video possono essere ricercati tramite parola chiave ma è anche possibile accedere tramite il proprio account e accedere ai contenuti sincronizzati. CarStream offre anche la possibilità di effettuare ricerche su Google, svolgendo a tutti gli effetti anche il ruolo di browser web per Android Auto.
  • Screen2Auto, è una delle app più note nel panorama Android Auto per effettuare il mirroring del display dello smartphone su Android Auto. Nella nostra prova ha funzionato al primo colpo, sarà necessario soltanto concedere i permessi di streaming all'app da smartphone al primo avvio.
  • Fermata Auto, è un player multimediale completissimo. Sono supportati tantissimi formati per i contenuti audio e video. È disponibile anche Fermata Control che offre un'interfaccia molto più accessibile da Android Auto. Al primo avvio vi consigliamo di configurare le cartelle alle quali si vuole accedere da smartphone.
  • AA Passenger, è un'app interessante che permette a un ipotetico passeggero di controllare Android Auto mentre si è in viaggio, instaurando sessioni ad hoc. Per usarla è necessario che anche il passeggero scarichi AA Passenger.
  • Widget per Android Auto, che è l'unica a non avere bisogno di descrizioni.
  • Per ora lo sviluppatore segnala problematiche di installazione su smartphone OPPO, Realme, Huawei e Honor e alcuni dispositivi Samsung con Android 8.0. In particolare, in questi casi, le app vengono effettivamente installate ma non sono disponibili sull’automobile. Gabriele ha fatto sapere, tramite il canale Telegram di aggiornamenti dell’applicazione, che è al lavoro sulla risoluzione di queste problematiche.

    Download gratuito e versione premium

    AAAD è disponibile al download gratuito su GitHub, dove sarà a breve disponibile anche il codice sorgente a livello pubblico. Con la versione gratuita è possibile scaricare e installare una sola app al mese. Sottoscrivendo la versione premium, con un pagamento pari a 3,50€ una tantum, sarà possibile avere accesso illimitato a tutte le app. Qui sotto trovate il link di download, e il link alla pagina dedicata su GitHub.

    AAAD Android Auto Apps Downloader 1.2 | Download GitHub

    Commenta