Le regole del Play Store diventano più stringenti per gli sviluppatori (foto)

Vito Laminafra -

Con un post suo blog dedicato agli sviluppatori, Google ha annunciato delle nuove linee guida per il Play Store. Queste regole hanno lo scopo di rendere meno confusionari i nomi delle applicazioni o degli sviluppatori stessi.

LEGGI ANCHE: Le novità Netflix di maggio

Per prima cosa, il limite di caratteri per il nome di un’app è ora di 30 e sono vietate parole che fanno riferimento alle performance del software, come ad esempio “top” o “best app”, o all’espetto economico, quindi sono vietate anche parole come “gratis”, “no ads” o “in sconto”. Sono inoltre vietati diversi elementi grafici sull’icona dell’app, come ad esempio un badge che informa gli utenti che l’app è in sconto.

Per quanto riguarda i nomi, sono vietate emoticon ed emoji e il testo non dev’essere tutto in maiuscolo, a meno che non si tratti del nome dell’app o dello sviluppatore. Le app che non rispetteranno queste regole non potranno essere accettate sul Play Store. Nella gallery in basso trovate alcuni esempio di cose da fare e da non fare, mentre maggior informazioni circa queste nuove linee guida sono disponibili su questa pagina.

Via: 9to5Google