La guerra tra Oracle e Google è finalmente giunta alla fine?

Vito Laminafra - La Corte Suprema si è espressa in favore di Google

La causa che riguarda Google e Oracle risale ad ormai 11 anni fa, quando Oracle acquistò Sun Microsystems, sviluppatori del linguaggio di programmazione Java, largamente utilizzato dal sistema operativo Android per la creazione di applicazioni.

LEGGI ANCHE: La modalità alla guida di Assistant è in rollout in Italia

Google fu quindi citata in giudizio perché, secondo i nuovi proprietari di Java, l’utilizzo del linguaggio autorizzava Oracle ad una fetta di ricavi pari a circa 8 miliardi di dollari e a circa 475 milioni di dollari di potenziali perdite in seguito ad un utilizzo illecito delle licenze. La diatriba legale è andata avanti fino ad oggi: nel 2016 una giuria ha dichiarato che l’utilizzo di Java da parte di Google era in linea con le varie licenze, mentre una corte d’appello degli Stati Uniti ha in seguito dato ragione ad Oracle.

Sembrerebbe però che tutto ciò sia destinato alla fine: in seguito ad una richiesta di Google alla Corte Suprema degli Stati Uniti inoltrata nel 2019, quest’ultima si è espressa a favore di BigG: secondo loro, il codice Java era utilizzato affinché gli sviluppatori creassero software totalmente nuovo per la piattaforma, quindi in maniera del tutto corretta e in linea con le licenze.

Ad ogni modo, vi terremo aggiornati circa questo contrasto che va avanti ormai dal 2010.

Via: 9to5Google