Il navigatore ABRP per le auto elettriche in beta su Android Auto

Gabriele Rizzo

In un articolo di qualche settimana fa, vi abbiamo parlato della apparente volontà di Iternio, una piccola startup Svedese specializzata in pianificazione di itinerari stradali per veicoli elettrici, di portare su Android Auto la propria app A Better Route Planner.

Per chi non avesse mai sentito parlare di ABRP, altro non è che un navigatore che si pone il compito di facilitare la vita dei guidatori di veicoli elettrici calcolando le soste per la ricarica della batteria in base alle caratteristiche del veicolo, alla capacità della batteria, alla modalità di guida e alle caratteristiche dell’itinerario, come ad esempio le differenze di altimetria, o banalmente anche la lunghezza totale.

Grazie alla libreria di sviluppo di app per automobili che Google ha messo a disposizione nello scorso Ottobre, ora anche ABRP ha implementato, all’interno della sua app, la compatibilità ad Android Auto. Visto che la libreria di Google è ancora in stato di beta e visto che sul Google Play Store formalmente non è ancora stata aperta una categoria di app di navigazione compatibii con Android Auto, anche A Better Route Planner si deve affidare al rilascio della funzione esclusivamente sul canale beta.

Per chi volesse provare l’app su Android Auto, si rende quindi necessario entrare a far parte del programma beta: per fare questa operazione si può andare direttamente sulla pagina dell’app sul Google Play Store e scorrere in basso fino alla sezione “Diventa un beta tester” e, in caso non lo si è già, scegliere di entrare a far parte del programma di beta testing. L’operazione dura qualche minuto e si può constatare l’avvenuta entrata quando nella pagina dell’app sul Google Play Store, alla fine del titolo vi è la dicitura “(beta)”.

Anche per A Better Route Planner vale una considerazione fatta per tutte le altre app di navigazione che hanno sviluppato la compatibilità con Android Auto: non sono possibili interazioni via touch con la mappa quali zoom, trascinamento e rotazione. Su Reddit, il team di ABRP ci tiene a far sapere che questa limitazione è imposta da Google attraverso delle linee guida fornite, e per ora non c’è modo di superarla (senza avere un rifiuto dell’app sul Google Play Store, N.d.R.). Inoltre, al contrario di come avviene sull’interfaccia dell’app Android, al momento non è possibile usare le mappe fornite da Google Maps all’interno di Android Auto, pertanto ABRP si sta avvalendo delle mappe open source di OSMDroid, ma il team sta lavorando per portare la compatibilità alle mappe di Vector, reputate migliori in termini prestazionali.

La funzionalità su Android Auto non richiede un abbonamento ed è automaticamente attivata. Durante l’uso dell’app l’interfaccia presenta un angolo interamente dedicato al monitoraggio della batteria del veicolo, con l’indicazione della percentuale di batteria rimanente e la percentuale di batteria stimata alla fine del percorso e vi è anche la possibilità di visionare il limite di velocità vigente sulla strada percorsa. L’app ri-calcola automaticamente il percorso (incluse le soste per la ricarica) quando viene abbandonato un percorso e l’integrazione con Google Assistant funziona come dovrebbe.

Per ora non vi è modo di avere la mappa in 3D e mancano diverse funzioni come un’impostazione per evitare i pedaggi o le autostrade, la ricerca di itinerari alternativi in fase di calcolo del percorso e la ricerca di punti di interesse. ABRP fa sapere sul proprio forum che è al lavoro per implementare queste funzionalità e, tra le altre, ha anche chiesto a Google di mettere a disposizione un modo per poter visualizzare un burn down chart all’interno dell’interfaccia, per fornire ai guidatori delle ulteriori preziosi informazioni riguardo la batteria del proprio veicolo.

Tuttavia dobbiamo segnalare che ABRP, per ora, è l’unica app di navigazione che è possibile utilizzare anche sullo schermo del telefono mentre Android Auto è in esecuzione, con tanto di bottone predisposto per inviare un itinerario ad Android Auto. Di contro, in base ai nostri test, non vi è il supporto alla modalità split screen di Android Auto e lo spazio secondario rimane completamente nero.

Insomma una compatibilità che per ora è ad uno stato abbastanza primordiale, ma ABRP vuole seriamente impegnarsi per portare un’esperienza a tutto tondo della sua app sul sistema di Google. Voi avete mai provato ABRP? La trovate comoda per pianificare le vostre soste di ricarica elettrica? Avete provato il supporto ad Android Auto? Fatecelo sapere nei commenti e nel nostro gurppo Facebook Android Auto Italia.

 

Android Auto